Paolo Brosio a Sky Tg24

26 novembre 2009

Commenti disabilitati su Paolo Brosio a Sky Tg24
 | Posted by | Categories: Testimonianze |

A Journey of Faith

24 novembre 2009

What is faith? How do you measure it? Is “seeing” believing? The answers for many can be found in the Marian Shrine of Medjugorje in Bosnia Herzegovina.

Eamonn Devlin

It is here that Mary, the Mother of God, is said to appear to a number of visionaries every day; a phenomenon which has been going on now for 28 years.

As remarkable and unbelievable as this may seem, the shrine has been host to more than 40 million pilgrims from most religious denominations from all over the world. An estimated 25,000 people from Ireland visit it every year.

I remember, as a teenager in June 1981, when it all started. Reports of six children seeing Mary were circulating and everybody was talking about it: they said a bright light illuminated the sky and there, floating above the hill before them, was the figure of a beautiful woman. This figure spoke to them saying she was Mary, the Mother of God.

This fantastical story caused an absolute frenzy around the corridors of my school: Mary had appeared to six children giving them 10 secrets which foretold ‘the end of the world’.

Panic was in the air; something mystical was happening and everyone wanted in on it.

The trips to Medjugorje started and before long busloads of my peers were setting off there, hoping to see something. Could they be blessed with a vision? Would some sort of miracle happen when they were there? Would the world really end? Well, nobody seemed to know. It was just a case of paying your money and going. I had no money, so I couldn’t go.

On their return I recall incredulous stories of students seeing the visionaries from afar through thousands of people; the sun spinning in the sky; miracle cures; even the devil himself appearing to some, dressed as a monk.

I was told that a mystery figure had followed a friend up Apparition Hill snarling, and that, upon closer inspection, it revealed itself as a dog-like creature with glowing, red eyes. I had nightmares after that!

Unlike the apparitions in Lourdes, Fatima and Knock where Mary only appeared for a short time, the visions in Medjugorje seem to have continued to the present day. They have endured a communist regime bitterly opposed to the Catholic Church, a bloody civil war were thousands were killed yet the village of Medjugorje remained unscathed, and ongoing scepticism from the Vatican which still refuses to authenticate the visionaries’ claims.

Pope Benedict has defrocked a priest, Fr Tomislaw Vlasic, on accusations of heresy, schism and sexual immorality. He was one of the original advisers to the children who claimed to have seen visions of the Virgin Mary.

So, when my co-director Gerard Stratton and I were researching a film about exorcism for our company Triplevision Productions and Medjugorje happened to be mentioned by a contributor, I was a little surprised. Could this place still be going? After all the world hadn’t, to the best of my knowledge, ended? I was naturally intrigued Now, 25 years on, the apparitions are still happening and I found it fascinating when I discovered that thousands of people from here have kept the faith and are still flocking to it on pilgrimages. Perhaps this was worthy of a documentary in its own right.

My first step in my research was to return to some of my former classmates from my school days — now 25 years older and hopefully wiser — and ask them about what they really thought.

One remembered very vividly a little pizza place on the side of the mountain that “made the best pizza he had ever tasted”. Another reminisced about “the craic and all the near romances with the girls from the other schools”.

It is fair to say that these were not really the enlightened comments I was hoping for on my mission to look at faith.

“What of the visions?” I asked? “What of the stories of conversions and miracles?”

“Yeah, we remember that too but it was all a bit of a laugh,” came a reply. Even the priests were talked about with a warm glow.

There was one person left to speak to from my school days — the friend who was said to have been followed up the mountain by the red-eyed devil dog. Surely he would have something to say of more substance. “I don’t talk about that anymore,” he said. Dead end there then.

Despite this, we headed off for Medjugorje with a camera and more than a burning curiosity. Something was inspiring the pilgrims to travel to this little place. Could going there ourselves provide us with the answers to our mission? Would we have a better understanding of faith?

At the International Airport we were welcomed by around 200 pilgrims from a Northern Ireland-run Medjugorje tour company which west Belfast man Reggie Donnelly helps organise.

Immediately the stories started: many of the pilgrims shared their own unique experiences about what had happened to them on previous visits; many were simply ill hoping for Our Lady to look kindly on them; many were hurt and wanting some answers. They all had something to tell us and they were all delighted that we were filming. According to some ‘we were sent by Our Lady to tell the world about Medjugorje and that it hadn’t gone away’.

We kept explaining to these believers that we were only recording a pilot film and that the documentary hadn’t even been commissioned. The truth, in fact, was that at this point BBC Northern Ireland knew nothing about it. We were just hoping there might be enough there to make a documentary they would be interested in.

This was our own leap of faith, in a way. We were making a short pilot in the hope of a commission and our future rested on it. The credit crunch was biting hard. While we were filming we were told that “Medjugorje would turn that hope into a reality and that, “we would get our film commissioned” and that “Our Lady would bless your film — just have faith”.

As it turned out, when we arrived home and pitched our idea to BBC Northern Ireland they liked it and commissioned our observational documentary, Pilgrims. And so, ironically, our journey into faith would begin.

I think that what we capture in this film is that the pilgrims who come here appear to get something out of their visit. They say they get the answers to their prayers. They may not always be positive answers, but they are answers nonetheless: If a loved one who is sick is not healed, then they believe that this is God’s will.

Medjugorje, somehow, seems to bring some people to that place: in their mind that enables them to accept the great tragedy and mystery of life. They leave saying they feel fulfilled and closer to their God. For some, I suppose, that is faith, blind though it seems.

The experience of making this documentary was an unforgettable experience. I was able to meet the visionaries who claim they saw Mary, the pilgrims who believe them and witness the effect Medjugorje seems to have on these people. Not everyone can get what they want out of life, but for some, could having hope or faith in something or someone maybe be all they need?

‘The news spread quickly we had been sent there by a higher force’

Gerard Stratton

From the outset this documentary was not intended to be investigative. That would have been the wrong approach. How could we prove or disprove the apparitions? That would be like trying to prove or disprove the existence of God, and neither the church nor science has been able to that. The most important part of the Medjugorje story is faith. And, for all who have faith, faith is simply faith! For them, it cannot be questioned.

I am not a regular church-goer but witnessing the faith and devotion of the Northern Ireland pilgrims on this journey gave me a great respect for those who give their lives over to God. There are those who go to Medjugorje in search of apparitions of Our Lady, of phenomena like the spinning sun and the weeping knee, and I have no issue with this if it helps them strengthen their faith.

However, it’s the people who go for their own personal reasons that I have most admiration. People like west Belfast man Emmanuel Strong whose mother died in Medjugorje whilst on a pilgrimage. He wanted to visit the place where his mother sadly passed away and takes great comfort in being there, feeling closer to her.

It was stories like these that appealed more to me than the mysticism that surrounds this beautiful part of the world. However, whilst filming in Medjugorje, it was only a matter of days before I felt drawn into the more mystical element. Rumours constantly circulate there about strange and unusual happenings: people taking pictures of the mountains and ghostly figures of a woman appearing in the background, people asking to look at our footage to see whether we had managed to capture anything special. From the outset we knew that making this documentary was certainly going to be interesting!

When we were making the film we wanted to meet Father Jozo Zovko, the priest who acted as one of the spiritual guardians of the six visionaries — a priest, who was portrayed by actor Martin Sheen in the Hollywood movie Gospa.

We asked a local fixer to set up an interview but she thought the chances were slim. To her amazement, however, Father Jozo agreed to be interviewed straight away. When we met him his first words to us were that he had been expecting us. Eamonn and I looked at each other a little bemused.

He went on to tell us that he had been told by Our Lady that we had been sent to him, by her, and that he should speak to us. News spread quickly to the pilgrims of our fortunate encounter and gossip circulated that we had been sent by a higher force.

We were also granted two rare interviews with Vicka Ivankovic, one of the few visionaries who continues to see the Blessed Virgin every day as she is awaiting to hear all 10 secrets to be imparted on to her. Putting all the hype to one side, one thing I am sure of is that Medjugorje is a very special place; a place that gives people peace of mind, a break from their hardships and a chance to pray for others’ intentions. Surely, a place that does this can only be a positive thing whether you believe in God or not.

Pilgrims, BBC One NI, tonight 9pm, produced by Eamonn Devlin and filmed by Gerard Stratton from Triplevision Productions

Tratto da BellFastTelegraph

Commenti disabilitati su A Journey of Faith
 | Posted by | Categories: Medjugorje |

Da poco é apparso in libreria un eccellente libro di Paolo Brosio, il popolare giornalista e conduttore televisivo, dal titolo: A un passo dal baratro- Perchè la Madonna di Medjugorje mi ha cambiato la vita, edito per i tipi della Piemme, costo di copertina 18 euri e 255 pagine. Il testo si fa leggere per la sua agilità e l’ottimo italiano, e dimostra la sincerità e il dolore vissuto da Brosio negli anni, meglio l’anno terribile, della sua esistenza, dopo la perdita del padre, due separazioni, l’incendio della propria discoteca e una vita molto avventurosa. Ne abbiamo parlato direttamente con lui, reduce dalla influenza. Brosio, il suo libro gronda sofferenza, ma presenta comunque un lieto fine: ” effettivamente è così. Mi piace definire la mia opera, che non sta a me valutare,ma mi rimetto alla cortesia e alla bontà dei lettori,un vademecun, un prontuario del dolore”. Che cosa intende dire con questa espressione, piuttosto forte?: ” ad un certo punto della mia vita, quando ho posto al centro di tutto il successo, che mi pareva un idolo, sono stato coinvolto da una vita francamente disordinata. Pensavo che tutto mi fosse consentito e permesso”. Specifichi meglio: ” lo si legge anche nel testo, ho concepito il sesso come qualche cosa di ossessivo e trasgressivo, l’alcol, ed infine la droga, mai fine a sè stessa,ma come supporto al sesso, quasi come stimolo”. Le donne sono il crocevia della sua vita: ” direi proprio di sì. A parte quelle del sesso disordinato del quale le parlavo, ho patito la sofferenza di due separazioni molto traumatiche che hanno inciso profondamente su di me. Come del resto la perdita di mio padre e l’incendio di una mia discoteca. Ad un certo punto ho pensato seriamente che tutto si accanisse contro di me”. Anche la sua vita religiosa non era proprio esemplare: ” sarebbe meglio dire inesistente. Andavo a messa solo per accontentare mia madre nelle feste comandate, ma il mio pensiero era assente e guardavo l’orologio,mi annoiavo. Credo che sia meglio non entrare in Chiesa, che vivere in tal modo la eucarestia. Insomma, ho vissuto da ateo,se non peggio. Qualche volta gli atei si comportano perfino meglio”. Poi si è convertito: ” e lo devo alla Madonna ed in particolare a quella di Medjugorje che mi ha ridato lo slancio e l’entusiasmo, invitandomi a cambiare vita, a fare una radicale inversione di marcia per poter arrivare a quello che è il centro della fede, Cristo”. E dice: ” ora non rifarei mai quello che ho combinato nel passato, la Madonna ci dice che per giungere al Figlio bisogna pregare,ma anche vivere in modo coerente, tutelando la propria condotta e cercando di concepire rettamente la famiglia”. Che cosa è la santità?: ” il vivere con serietà il cristianesimo, sul modello dei santi, e credo che il modello più attuale sia Padre Pio”. Un bravo di cuore a Paolo Brosio, autore di un saggio ricco di umanità e dolore,raccontato con la dignità e l’onestà intellettuale che lo contraddistingue.

Bruno Volpe

Tratto da Pontifex

 | Posted by | Categories: Testimonianze |

Cardinal Vinko Puljic, Archbishop of Sarajevo and President of the Bishops’ Conference of Bosnia and Herzegovina denied press reports yesterday which claim that the Vatican is creating a commission to investigate the alleged apparitions of Medjugorje.

The cardinal, who is visiting Rome to attend the plenary session of the Congregation for the Evangelization of Peoples, of which he is a member, said that the Congregation for the Doctrine of the Faith is neither preparing a document nor establishing a special commission to study the Medjugorje apparitions.

Cardinal Puljic said that the official position of the bishops of Bosnia and Herzegovina is the one expressed by the then Bishops’ Conference of Yugoslavia in April 1991.

That statement not only expressed the episcopate’s support to then-Bishop Pavao Zanic of Mostar – where the town of Medjugorje is located – but explicitly said that, “based on previous research, it cannot be affirmed that these events concerning apparitions and revelations are of supernatural nature.”

“The doctrinal issue of the Medjugorje phenomenon is resolved, but its pastoral significance must still be taken into account,” the cardinal continued.

“The Medjugorje phenomenon is not only gathering faithful from Bosnia, but from all over the world, and in places where people gather to pray, God gives his blessing. Therefore, we should carefully examine all sides of this phenomenon,” he added.

Nevertheless, he reiterated, “for the moment, everything is under the jurisdiction of the local bishops.”

“Still, at any given moment, the Congregation for the Doctrine of the Faith could establish an International Commission in order to study the case of Medjugorje,” the cardinal remarked.

Speaking at the 2004 assembly of the Synod of Bishops, Cardinal Puljic complained that the reported apparitions of Medjugorje were “becoming a source of division in the Church.” In 2006, the cardinal was involved in setting up a commission concluding that the alleged Marian apparitions were not supernatural.

Tratto da Catholic News

Commenti disabilitati su Bosnian Cardinal denies claims of Vatican commission for Medjugorje
 | Posted by | Categories: Medjugorje |

Newsletter Radio Maria

20 novembre 2009

Cari amici,

il 27 Novembre si celebra la memoria della Beata Vergine della Medaglia miracolosa. E’ un’occasione per riflettere sulla bellezza del messaggio trasmesso attraverso S. Caterina Labouré, che così descrive l’apparizione:

” La sua statura era media e la sua bellezza tale che mi è impossibile descriverla. Stava in piedi, la sua veste era di seta color bianco-aurora…Dal capo le scendeva un velo bianco sino ai piedi. Aveva i capelli spartiti …Il viso era abbastanza scoperto.. I piedi poggiavano sopra un globo, o meglio, sopra un mezzo globo….Sotto i piedi della Vergine un serpente verdastro chiazzato di giallo…”

” Le sue mani, elevate all’altezza della cintura, mantenevano in modo naturale un altro globo, più piccolo, che rappresentava l’universo. Ella aveva gli occhi rivolti al cielo e il suo voltò diventò risplendente, mentre presentava il globo a nostro Signore. Tutto ad un tratto le sue dita si ricoprirono di anelli, ornati di pietre preziose, le une più belle delle altre, le une più grosse, le altre più piccole, le quali gettavano dei raggi gli uni più belli degli altri…”

“Mentre io ero intenta a contemplarla, la santissima Vergine abbassò gli occhi verso di me e intesi una voce che mi disse queste parole…”Sono il simbolo delle grazie che io spargo sulle persone che me le domandano”, facendomi così comprendere quanto è dolce pregare la santissima Vergine e quanto ella è generosa con le persone che la pregano; quante grazie ella accorda alle persone che gliene cercano e quale gioia ella prova nel concederle. …

“Allora si fece sentire una voce che mi disse. ” Fai coniare una medaglia su questo modello; tutte le persone che la porteranno, riceveranno grandi grazie, specialmente portandola al collo; le grazie saranno abbondanti per le persone che la porteranno con fiducia..”

Descrivendo i pericoli futuri, la Santa Vergine ha esortato alla fiducia con queste parole: ” Il momento verrà, il pericolo sarà grande, si crederà tutto perduto. Allora io sarò con voi”.

Vostro Padre Livio

Commenti disabilitati su Newsletter Radio Maria
 | Posted by | Categories: Radio Maria |

Contrariamente alle voci diffuse qualche tempo fa, il Cardinale Vinko Puljić, Arcivescovo di Sarajevo e Presidente della Conferenza Episcopale Bosniaca, non si trova a Roma in questi giorni per discutere la questione delle controverse apparizioni mariane di Medjugorje.
Lo ha dichiarato a ZENIT lo stesso Cardinale, che ha partecipato nei giorni scorsi all’Assemblea plenaria della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli, della quale è membro, riunitasi presso l’Università Urbaniana per riflettere sul tema “San Paolo e i nuovi areopaghi”.
“Quanto avviene a Medjugorje – ha affermato il Cardinale Puljić – è di competenza del Vescovo di Mostar, monsignor Ratko Peric, e della Congregazione per la Dottrina della Fede. Noi aspettiamo suggerimenti e proposte su come accompagnare questo fenomeno in quanto Vescovi e Conferenza Episcopale, e penso che la Santa Sede voglia operare in questo senso”.
“Già nella dichiarazione su Medjugorje della allora Conferenza Episcopale della Yugoslavia, risalente al 10 aprile del 1991, dopo aver rilevato che non si poteva constatare nulla di soprannaturale in quanto accadeva, si affermava la necessità di assistere a livello pastorale, sotto la responsabilità del parroco e del Vescovo locale, tutti coloro che si recano a pregare in questo luogo”.
“Mi aspetto che la Santa Sede dia indicazioni sulle confessioni e le celebrazioni eucaristiche – ha aggiunto –. E magari anche sulla costituzione di una commissione che segua il fenomeno, registrando i contenuti delle apparizioni e dei messaggi tenuto conto che ad oggi sono più di trentamila”.
Nel libro pubblicato dal Cardinale Tarcisio Bertone, Segretario di Stato di Benedetto XVI ed ex Segretario di questa Congregazione vaticana, “L’ultima veggente di Fatima” (Ed. Rai-Rizzoli, 2007, pagg. 103-104), si legge che “le dichiarazioni del Vescovo di Mostar riflettono un’opinione personale, non sono un giudizio definitivo e ufficiale della Chiesa. Tutto è rinviato alla dichiarazione di Zara dei Vescovi della ex Jugoslavia del 10 aprile 1991, che lascia la porta aperta a future indagini. La verifica deve, perciò, andare avanti. Nel frattempo sono permessi i pellegrinaggi privati con un accompagnamento pastorale dei fedeli. Infine, tutti i pellegrini cattolici possono recarsi a Medjugorje, luogo di culto mariano dove è possibile esprimersi con tutte le forme devozionali”.
E’ una realtà che il fenomeno di Medjugorje continua ad attirare migliaia di pellegrini, riconosce il Cardinale Puljić. “Pregare non è peccato – ha affermato il porporato con un sorriso -. Ci sono molte belle presenze che hanno generato anche conversioni e vocazioni sacerdotali o religiose. Sono frutti della preghiera: dove l’uomo prega con fede, Dio dà i frutti della sua Grazia”.
“Pregare nei santuari mariani – ha spiegato il Cardinale Puljić – fa parte dell’identità dei nostri fedeli cattolici. Nel corso delle vicende problematiche della storia, la nostra gente si è ritrovata nei diversi santuari della regione per chiedere conforto, luce, speranza e la Madonna è un segno per la nostra fede”.

Tratto da Zenit

Commenti disabilitati su IL CARDINALE DELLA BOSNIA-ERZEGOVINA E LE APPARIZIONI DI MEDJUGORJE
 | Posted by | Categories: Medjugorje |

Martedì 24 novembre si compiono nove anni dalla morte di Padre Slavko Barbarić, il sacerdote che ha dedicato diciotto anni della sua vita alla diffusione dei messaggi della Madonna nel mondo ed alla cura dei pellegrini. Padre Slavko Barbarić, nacque l’11 Marzo 1946. All’età di 19 anni entrò nell’ordine francescano e fu ordinato sacerdote nel 1971. Aveva un dottorato nel campo della pedagogia religiosa ed il titolo di psicoterapeuta. P. Slavko ha scritto e pubblicato quindici libri che sono stati tradotti in più di venti lingue. Ha fondato il “Villaggio della Madre”, il Fondo “Amici dei talenti”, ha iniziato l’incontro internazionale dei sacerdoti, il Mladifest (Festival dei Giovani) ecc. E’ morto sul Križevac, nei pressi della XIV stazione, scendendo dal Križevac dopo la preghiera della Via Crucis per i parrocchiani e i pellegrini. La sua tomba al cimitero locale Kovačica è diventata uno dei luoghi di preghiera della parrocchia di Medjugorje.

Nel nono anniversario della morte di P. Slavko si pregherà la Via Crucis sulKriževac alle 14:00 e si celebrerà la Santa Messa alle 18:00 nella chiesa parrocchiale di San Giacomo a Medjugorje.

Tratto da Medjugorje.hr

Commenti disabilitati su 9° Anniversario della morte di Padre Slavko Barbarić
 | Posted by | Categories: Medjugorje |

Esce oggi  17 novembre 2009,  il suo libro A UN PASSO DAL BARATRO, dove Paolo Brosio, con tanto coraggio, si mette a nudo raccontando tutta la sua vita, dai suoi primi successi sino ai momenti più oscuri. Una carriera da giornalista tanto fulminante quanto brillante, uomo di spettacolo e socio del Twiga, il tempio del jet-set in Versilia, impegnato nel sociale come tanti vip, da laico. O meglio, quello era Paolo Brosio. Oggi è un altro.
Paolo Brosio, amico del Trentino e della Scuola Italiana Nordic Walking, nei suoi periodi tra i  boschi della Val di Fiemme di chilometri con i bastoncini ne ha fatto davvero tanti. Su e giu per le pendici del Monte Castellazzo, accompagnato da Pino Dellasega, suo istruttore da sempre.
Se la notizia viene pubblicata sul portale italiano del nordic walking è perchè Paolo nel suo libro ha dedicato un intero capitolo alla singolare e misteriosa  storia di Pino Dellasega e del Trekking del Cristo Pensante intitolandolo “La corona di spine del Cristo Pensante“. Una storia che si intreccia con quella di altri tre personaggi tra cui Paolo,  con un  andirivieni di colpi di scena e di coincidenze che fanno davvero pensare a un grande disegno e che riconducono al santuario Mariano di Medjugorje dove da oltre 27 anni appare la Vergine. Tutto nasce quando il  25 luglio giorno di San Giacomo, il patrono di Predazzo e anche di Medjugorje,  Paolo Brosio si trova  alla benedizione del Cristo Pensante nella piazza del paese,su invito di Bruno Felicetti (nella foto) e Maurizio Rossini rispettamente Direttore dell’Azienda Per il Turismo della Valle di Fiemme e Direttore del Marketing  di Trentino Spa. Un capitolo tra i sentieri di Passo Rolle e la Capanna Cervino, naturalmente a ritmo di nordic walking.
Paolo Brosio è lontano dalla fede e dalla preghiera negli anni in cui acquisisce la notorietà di personaggio televisivo, prima come giornalista del TG4, con Emilio Fede, nei giorni di Tangentopoli, poi con la partecipazione a programmi importanti: da “Quelli che il calcio”, a “Sanremo Notte”, a “Domenica In” fino ali’”Isola dei Famosi” e a “Stranamore”. Il successo, i soldi, la carriera si intrecciano a una vicenda umana inquieta e travagliata che lo porterà nel baratro più profondo del lutto, della sconfitta affettiva, della depressione. Nasce nel cuore una preghiera alla Madonna e il desiderio d’incontrarla a Medjugorje, il villaggio della Bosnia-Erzegovina dove, dal 24 giugno 1981, sei ragazzi hanno apparizioni mariane e dove si recano in pellegrinaggio milioni di persone. Per Brosio è una svolta. L’incontro con i veggenti e con tante persone di fede, ma soprattutto il desiderio di fare del bene. Con la semplicità e la simpatia che lo contraddistinguono il giornalista racconta la sua vicenda umana e i passi di un ritorno a Dio che gli ha restituito forza, ottimismo e amore per la vita.

Tratto da Predazzo

Commenti disabilitati su “A un passo dal baratro” esce oggi li nuovo libro di Paolo Brosio
 | Posted by | Categories: Varie |

MEDJUGORJE, Bosnia-Herzegovina (CNA) – Cardinal Christoph Schönborn will visit Medjugorje, the small town in Bosnia-Herzegovina where six young people have allegedly been witnesses of apparitions from the Virgin Mary. But according to the Archdiocese of Vienna, the trip is “completely private” and does not imply a statement from the cardinal on the veracity of the apparitions.

“It was supposed to be a completely private visit, it was not supposed to go out to the internet,” Fr. Johannes Fürnkranz, personal secretary to the Archbishop of Vienna, explained to CNA.

The cardinal’s visit will take place between December 8th and January 4th.

“The cardinal’s visit was supposed to be absolutely personal and not public, but since it has been leaked, I can only confirm that it will take place. There is no statement whatsoever involved (in the visit),” Fr. Fürnkranz told CNA.

The local Church authorities, including Bishop Ratko Peric, whose diocese encompasses Medjugorje, have declared that the alleged apparitions are not to be published or promoted.

Bishop Peric has reaffirmed the official statement of his predecessor, Bishop Pavao Zanic, who in July 1987 wrote to the pastor of Medjugorje:

“I demand from you that you remove the ‘visionaries’ from public display and put an end to their ‘visions’ in the parish church. They have had ‘visions’ in Mostar, and earlier in Sarajevo, Visoko and Dubrovnik. Let them now have them at their homes: people say that they had them at their homes during 1981… You must stop talking about apparitions and also cease publicizing messages. The devotions that grew out of the ‘apparitions’ and their messages must be eliminated, sales of souvenirs and printed material which propagate the ‘apparitions’ must also stop.”

In June 2009, Bishop Peric addressed the parish in Medjugorje and insisted that “the presumed daily apparitions, known as the ‘phenomenon of Medjugorje,’ have not been declared as authentic by the Church. Not even after the investigations of various commissions nor after 28 years of media hype. Therefore, brothers and sisters, we cannot behave as if these ‘apparitions’ are authentic and approved.”

Nevertheless, 22 years later, the popularity of Medjugorje as a Marian destination for pilgrims remains.

Speaking on background, an official at the Congregation for the Doctrine of the Faith told CNA that the Roman dicastery remains behind the bishops of Bosnia-Herzegovina.

“The local bishops have the ultimate authority on this matter, and their arguments against the alleged apparitions are doctrinally solid,” the official said.

Asked if Medjugorje should not be judged by its fruits of many conversions and vocations to the Church, the official responded: “It is not the duty of this Dicastery to make a pastoral assessment, but a doctrinal one. But regarding the argument, it can equally be argued that God can write straight with crooked lines, just as it has been proven in several previous occasions with patently false apparitions.”

Tratto da Chatolic.org

Commenti disabilitati su Cardinal Schönborn’s visit to Medjugorje ‘not a statement’ on Alleged Apparition
 | Posted by | Categories: Medjugorje |

Sul primo ripiano ci sono i Telegatti, uno vicino all’altro, gialli e brutti. Più in alto le coppe vinte giocando a tennis da ragazzo o nelle partite di calcio tra gente dello spettacolo. L’immagine della Madonna sta in mezzo, tra la laurea in legge appesa al muro e le foto del padrone di casa, abbronzato e con la bandana all’Isola, incravattato in qualche occasione ufficiale, sorridente sotto la scritta «Paolo Brosio uomo di Dio».
Il salotto di casa Brosio a Forte dei Marmi è un formicaio impazzito. Amici conosciuti a Medjugorje venuti a comprar casa in Versilia, segretari che spostano casse piene di posta, parroci e pie donne appena sbarcati dalla Bosnia, un giovane con la faccia da bravo ragazzo che sussurra: «Dicono che è matto, ma lo facevano anche con San Francesco. Paolo, ormai, è in odore di santità…». Sul tavolo «A un passo del baratro», l’autobiografia che non ti aspetti: le dirette con Fede ai tempi di Tangentopoli, i successi con la Ventura o a Stranamore, i reportage di Linea Verde. Ma anche un matrimonio finito malissimo, la cocaina, le orge «con altre persone che entravano e uscivano» dalla camera da letto e «le calze da donna appese dappertutto», l’aborto «senza rimorso» di una ragazza di 16 anni.

Brosio, che cosa le è successo?
«Stavo sull’abisso e Dio mi ha tirato fuori. Mio padre era morto dopo 50 giorni d’agonia, mi avevano bruciato il locale, mia moglie era incinta di un altro, uno che conoscevo, che vedevo tutti i giorni sulla spiaggia. Sulla mia spiaggia, capisci?».
Capisco, lei era depresso. Ma che cosa c’entra Dio in tutto questo?
«Dio c’entra sempre. E poi io non ero depresso, ero disperato. E la disperazione porta ad atti scellerati: potevo prendere un bastone e spaccare la testa a quello là, e invece ho preferito fare male a me stesso».

Ha pensato al suicidio?
«E quando mai? Amo troppo la vita. Mi sono fatto male con il divertimento: l’unica donna che ho amato mi umilia? E io mi vendico con decine di ragazze, senza neppure chiedere come si chiamano. E con loro è arrivato il resto: l’alcol, lo stordimento, la droga. La coca è terribile: ti fa sembrare possibili cose che non potresti neanche immaginare».

Le rifaccio la domanda: che cosa c’entra Dio?
«Ti dico che Dio c’entra sempre. Ascolta: una notte a Torino mi è come esploso il petto, sentivo il cuore che pompava da matto. Solo che non era il cuore, era la coscienza: una voce, dentro, diceva “prega, di’ l’Ave Maria”. Ero sconvolto, anche perché tutto succedeva in un momento di divertimento esasperato».

Era in mezzo a un’orgia?
«Beh, diciamo di sì».

E lei in mezzo a un’orgia si è messo a recitare l’Ave Maria?
«Già, pensa tu la faccia degli altri. Sono scappato urlando che la festa era finita. Il giorno dopo ho chiesto in albergo qual era il santuario più famoso di Torino. Mi hanno mandato alla Consolata, dove ho incontrato Don Ferruccio: uno degli strumenti che Dio ha regalato alla mia salvezza. Mi sono confessato e gli ho raccontato la mia vita. Tutta».

E lui?
«Uno choc. Si agitava nel confessionale: vedevo la tendina tremare. “No, basta. Non puoi aver fatto questo”. Gli ho parlato della droga, delle donne. Gli ho rivelato di quando al liceo avevo portato la mia ragazza ad abortire. Non lo sapeva nessuno, neanche mia mamma. Alla Consolata ho capito che la preghiera è il Toradol dell’anima, fa sparire il dolore. E lì ho riscoperto la Madonna: era il 3 gennaio del 2009. Il 2 febbraio sono andato per la prima volta a Medjugorje».

Qualche mese dopo ci è tornato con un aereo pieno di gente famosa. Ora ha scritto un libro. Perché le conversioni dei vip non sono mai un fatto intimo, riservato?
«Io sono un ex peccatore, le mie preghiere valgono poco. Ma sono anche un uomo di comunicazione, sono simpatico, posso convincere la gente a dare il suo aiuto. Sono un megafono, utile perché per fare la carità servono i soldi: un giorno, in Bosnia, sono andato da Gesù in croce e gli ho fatto una promessa: tua madre mi ha salvato, e voglio ringraziarla. Tornerò con 70 mila euro per suor Kornelya e per quelle sante religiose che lavorano qui. Poi mi sono spaventato e gli ho detto: possiamo fare 40 mila?».

Ha chiesto uno sconto al crocifisso?
«Beh, tolte le tasse era una cifra enorme, però sono riuscito a raccoglierla fino all’ultimo euro, grazie alla Madonna che ha fatto di tutto perché potessi mantenere la promessa. Pensa al mio lavoro: dovevo andare in India, per la Tribù di Mediaset, e invece il programma è stato cancellato a contratto già firmato. Ora sono come Mancini per l’Inter: mi pagano per non lavorare. Così posso tornare a Medjugorje, andare in giro a far promozione al libro. Il lavoro è sempre strumento della volontà di Dio, ma vuoi mettere il libro con un reality?».

Ma non si sente presuntuoso nel considerare ogni cosa che le succede come un segno della volontà divina?
«Dio ha un progetto per ognuno di noi. Ha voluto che cadessi quando ero al top del successo, e poi ha voluto salvarmi. Era tutto scritto: e adesso ogni giorno c’è qualcuno che bussa alla mia porta. Lo sai perché?».

Perché lei è un personaggio della tv…
«No. Perché pensano che se ce l’ho fatta io a fuggire dal Male, allora possono farcela anche loro».

Lo sa, vero, che molti pensano che Paolo Brosio sia impazzito?
«Certo che lo so. È normale che quando uno come me si espone ci sia qualcuno che lo insulta, ma forse ero pazzo prima, e ora sono guarito. Scusa, guarda i fatti: l’8 dicembre porto duecento persone a Medjugorje. E porto altri 30 mila euro per suor Kornelya e il suo progetto: una casa per gli orfani e i vecchi abbandonati, dove gli anziani leggono le favole e fanno i compiti insieme ai bambini. Un posto magico dove gli orfani diventano nipotini e i vecchi soli diventano nonni: una cosa bellissima. Matto io? Preferisco considerarmi uno strumento nelle mani della Madonna. E la Madonna, credimi, non è scema».

Tratto da La Stampa

Commenti disabilitati su Paolo Brosio “La mia vita da Fede alla fede”
 | Posted by | Categories: Testimonianze |