C’è nell’anima un seme…

Nov 11, 2015

http://blog.studenti.it/biscobreak/wp-content/uploads/2013/08/5-fra-modestino.jpgLa Fede è come un seme nascosto nella tua anima che a poco a poco germoglia e fa germogliare tutto il tuo essere schiudendolo ai raggi della Grazia, facendoti amare il Si­gnore anche nelle prove della vita. Essa è lí, dietro un velo sottilissimo, al centro dell’anima, che avverte la presenza palpitante di Colui che ami. Ma questo non ti è dato sperimentarlo sensibilmente; occorre che ti avvicini di piú a Lui che ti ama di un amore sviscerato. Quando la tempesta della vita sta per ca­povolgere la fragile navicella dell’anima tua, allora invocaLo e rafforza la tua Fede perché Lui è con te. Nella notte oscura, quando nessuna luce, sembra rischiarare il tuo orizzonte interiore, invocaLo perché anche se non Lo vedi, anche se non Lo senti, Lui è con te, è in te. Quando sembra che tutte le potenze del male ti travolgono, suggerendoti che la tua battaglia ormai è persa, allora alza la voce al Signore e grida: «Signore, ti amo sempre di piú». Allorché t’avviene di sentirti in colpa ed il nemico ti vuole scoraggiare insinuandoti che ormai tutto è perduto, è vana ogni speranza di perdono e d’amore, allora, piú umiliato, piú fiducioso che mai, alza forte il tuo grido di fede: «Gesú non dubito del Tuo perdono». Da questo conoscerai se Lo ami veramente e se hai Fede in quel Dio che permette le tempeste nell’anima tua solo perché tu possa rifugiarti nel Suo grande amore. S. Paolo, il grande apostolo delle genti, diceva: «Signore, chi mi separerà da Te? Forse le battiture, la fame, la morte? Chi mi separerà dal Tuo amore?». Chi può separarti da Dio se non la tua volontà, che non vuole riconoscerLo come unico sommo bene?

 

Che cosa è dunque la Fede?

Essa è paragonabile ad una luce nascosta in ognuno di noi, che brilla piú delle stelle e della luna, e rischiara la nostra strada piú che il sole la terra. È lei che ci fa entrare nel miste­ro di Dio e ci scopre il segreto del Suo amore. Per la Fede i Martiri hanno affrontato il martirio; per la Fede hanno sofferto nella spe­ranza di Cristo Signore, e nella sofferenza Cristo è andato loro incontro. Allora non ti perdere mai d’animo, perché se la Fede si accompagna alla sofferenza ti porta incontro a Cristo, supremo Re delle nostre anime. Le nostre azioni, i nostri desi­deri, i nostri pensieri, se offerti al Signore, sono pegno per il regno dei cieli. Cosí l’anima non dovrà fare nessuna fatica per cercare Dio. Allora non Lo dovrai cercare al di là dei cieli, non nella profondità del mare, ma Lo troverai al centro del tuo cuore, da dove il Signore ti guarda, ti sorride e ti dice: «Sto osservando come mi ami».

E tu cosa potrai rispondergli se non: «Si­gnore, anch’io Ti amo come Tu ami me, ma Ti amo nella mia miseria, nella mia debolezza, nella mia infermità; Ti amo sempre piú nella tua grande misericordia». Cosa puoi volere di piú da questo Dio che ha fatto del tuo cuore il Suo tabernacolo vi­vente? Se credi di trovare il Signore nelle piazze affollate, tra mormorazioni e peccato, o nelle passeggiate spensierate, non Lo troverai perché gli uomini hanno cancellato il Signore dai loro cuori. Questo Dio li guarda con grande dolore e commiserazione perché il tempo è sciupato senza merito e non ritorna mai piú. Al contrario, se Lo cerchi nella tua solitu­dine, allora Lui ti risponderà con la Sua Voce che vale piú di tutti i piaceri della terra, per­ché la Sua presenza è un balsamo per la tua anima. Tutte le gioie della terra non valgono di fronte ad un sorriso del Signore.

FRA MODESTINO DA PIETRELCINA cappuccino

 

http://www.preghiereagesuemaria.it/libri/appunti%20per%20la%20vita%20interiore.htm

Posted by | Categories: Testimonianze |

Share with others


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /membri/medjugorje/blog/wp-includes/class-wp-comment-query.php on line 405

No Responses so far | Have Your Say!

Comments are closed.