Cardinal Vinko Puljic, Archbishop of Sarajevo and President of the Bishops’ Conference of Bosnia and Herzegovina denied press reports yesterday which claim that the Vatican is creating a commission to investigate the alleged apparitions of Medjugorje.

The cardinal, who is visiting Rome to attend the plenary session of the Congregation for the Evangelization of Peoples, of which he is a member, said that the Congregation for the Doctrine of the Faith is neither preparing a document nor establishing a special commission to study the Medjugorje apparitions.

Cardinal Puljic said that the official position of the bishops of Bosnia and Herzegovina is the one expressed by the then Bishops’ Conference of Yugoslavia in April 1991.

That statement not only expressed the episcopate’s support to then-Bishop Pavao Zanic of Mostar – where the town of Medjugorje is located – but explicitly said that, “based on previous research, it cannot be affirmed that these events concerning apparitions and revelations are of supernatural nature.”

“The doctrinal issue of the Medjugorje phenomenon is resolved, but its pastoral significance must still be taken into account,” the cardinal continued.

“The Medjugorje phenomenon is not only gathering faithful from Bosnia, but from all over the world, and in places where people gather to pray, God gives his blessing. Therefore, we should carefully examine all sides of this phenomenon,” he added.

Nevertheless, he reiterated, “for the moment, everything is under the jurisdiction of the local bishops.”

“Still, at any given moment, the Congregation for the Doctrine of the Faith could establish an International Commission in order to study the case of Medjugorje,” the cardinal remarked.

Speaking at the 2004 assembly of the Synod of Bishops, Cardinal Puljic complained that the reported apparitions of Medjugorje were “becoming a source of division in the Church.” In 2006, the cardinal was involved in setting up a commission concluding that the alleged Marian apparitions were not supernatural.

Tratto da Catholic News

 | Posted by | Categories: Medjugorje |

Contrariamente alle voci diffuse qualche tempo fa, il Cardinale Vinko Puljić, Arcivescovo di Sarajevo e Presidente della Conferenza Episcopale Bosniaca, non si trova a Roma in questi giorni per discutere la questione delle controverse apparizioni mariane di Medjugorje.
Lo ha dichiarato a ZENIT lo stesso Cardinale, che ha partecipato nei giorni scorsi all’Assemblea plenaria della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli, della quale è membro, riunitasi presso l’Università Urbaniana per riflettere sul tema “San Paolo e i nuovi areopaghi”.
“Quanto avviene a Medjugorje – ha affermato il Cardinale Puljić – è di competenza del Vescovo di Mostar, monsignor Ratko Peric, e della Congregazione per la Dottrina della Fede. Noi aspettiamo suggerimenti e proposte su come accompagnare questo fenomeno in quanto Vescovi e Conferenza Episcopale, e penso che la Santa Sede voglia operare in questo senso”.
“Già nella dichiarazione su Medjugorje della allora Conferenza Episcopale della Yugoslavia, risalente al 10 aprile del 1991, dopo aver rilevato che non si poteva constatare nulla di soprannaturale in quanto accadeva, si affermava la necessità di assistere a livello pastorale, sotto la responsabilità del parroco e del Vescovo locale, tutti coloro che si recano a pregare in questo luogo”.
“Mi aspetto che la Santa Sede dia indicazioni sulle confessioni e le celebrazioni eucaristiche – ha aggiunto –. E magari anche sulla costituzione di una commissione che segua il fenomeno, registrando i contenuti delle apparizioni e dei messaggi tenuto conto che ad oggi sono più di trentamila”.
Nel libro pubblicato dal Cardinale Tarcisio Bertone, Segretario di Stato di Benedetto XVI ed ex Segretario di questa Congregazione vaticana, “L’ultima veggente di Fatima” (Ed. Rai-Rizzoli, 2007, pagg. 103-104), si legge che “le dichiarazioni del Vescovo di Mostar riflettono un’opinione personale, non sono un giudizio definitivo e ufficiale della Chiesa. Tutto è rinviato alla dichiarazione di Zara dei Vescovi della ex Jugoslavia del 10 aprile 1991, che lascia la porta aperta a future indagini. La verifica deve, perciò, andare avanti. Nel frattempo sono permessi i pellegrinaggi privati con un accompagnamento pastorale dei fedeli. Infine, tutti i pellegrini cattolici possono recarsi a Medjugorje, luogo di culto mariano dove è possibile esprimersi con tutte le forme devozionali”.
E’ una realtà che il fenomeno di Medjugorje continua ad attirare migliaia di pellegrini, riconosce il Cardinale Puljić. “Pregare non è peccato – ha affermato il porporato con un sorriso -. Ci sono molte belle presenze che hanno generato anche conversioni e vocazioni sacerdotali o religiose. Sono frutti della preghiera: dove l’uomo prega con fede, Dio dà i frutti della sua Grazia”.
“Pregare nei santuari mariani – ha spiegato il Cardinale Puljić – fa parte dell’identità dei nostri fedeli cattolici. Nel corso delle vicende problematiche della storia, la nostra gente si è ritrovata nei diversi santuari della regione per chiedere conforto, luce, speranza e la Madonna è un segno per la nostra fede”.

Tratto da Zenit

 | Posted by | Categories: Medjugorje |

Martedì 24 novembre si compiono nove anni dalla morte di Padre Slavko Barbarić, il sacerdote che ha dedicato diciotto anni della sua vita alla diffusione dei messaggi della Madonna nel mondo ed alla cura dei pellegrini. Padre Slavko Barbarić, nacque l’11 Marzo 1946. All’età di 19 anni entrò nell’ordine francescano e fu ordinato sacerdote nel 1971. Aveva un dottorato nel campo della pedagogia religiosa ed il titolo di psicoterapeuta. P. Slavko ha scritto e pubblicato quindici libri che sono stati tradotti in più di venti lingue. Ha fondato il “Villaggio della Madre”, il Fondo “Amici dei talenti”, ha iniziato l’incontro internazionale dei sacerdoti, il Mladifest (Festival dei Giovani) ecc. E’ morto sul Križevac, nei pressi della XIV stazione, scendendo dal Križevac dopo la preghiera della Via Crucis per i parrocchiani e i pellegrini. La sua tomba al cimitero locale Kovačica è diventata uno dei luoghi di preghiera della parrocchia di Medjugorje.

Nel nono anniversario della morte di P. Slavko si pregherà la Via Crucis sulKriževac alle 14:00 e si celebrerà la Santa Messa alle 18:00 nella chiesa parrocchiale di San Giacomo a Medjugorje.

Tratto da Medjugorje.hr

 | Posted by | Categories: Medjugorje |

MEDJUGORJE, Bosnia-Herzegovina (CNA) – Cardinal Christoph Schönborn will visit Medjugorje, the small town in Bosnia-Herzegovina where six young people have allegedly been witnesses of apparitions from the Virgin Mary. But according to the Archdiocese of Vienna, the trip is “completely private” and does not imply a statement from the cardinal on the veracity of the apparitions.

“It was supposed to be a completely private visit, it was not supposed to go out to the internet,” Fr. Johannes Fürnkranz, personal secretary to the Archbishop of Vienna, explained to CNA.

The cardinal’s visit will take place between December 8th and January 4th.

“The cardinal’s visit was supposed to be absolutely personal and not public, but since it has been leaked, I can only confirm that it will take place. There is no statement whatsoever involved (in the visit),” Fr. Fürnkranz told CNA.

The local Church authorities, including Bishop Ratko Peric, whose diocese encompasses Medjugorje, have declared that the alleged apparitions are not to be published or promoted.

Bishop Peric has reaffirmed the official statement of his predecessor, Bishop Pavao Zanic, who in July 1987 wrote to the pastor of Medjugorje:

“I demand from you that you remove the ‘visionaries’ from public display and put an end to their ‘visions’ in the parish church. They have had ‘visions’ in Mostar, and earlier in Sarajevo, Visoko and Dubrovnik. Let them now have them at their homes: people say that they had them at their homes during 1981… You must stop talking about apparitions and also cease publicizing messages. The devotions that grew out of the ‘apparitions’ and their messages must be eliminated, sales of souvenirs and printed material which propagate the ‘apparitions’ must also stop.”

In June 2009, Bishop Peric addressed the parish in Medjugorje and insisted that “the presumed daily apparitions, known as the ‘phenomenon of Medjugorje,’ have not been declared as authentic by the Church. Not even after the investigations of various commissions nor after 28 years of media hype. Therefore, brothers and sisters, we cannot behave as if these ‘apparitions’ are authentic and approved.”

Nevertheless, 22 years later, the popularity of Medjugorje as a Marian destination for pilgrims remains.

Speaking on background, an official at the Congregation for the Doctrine of the Faith told CNA that the Roman dicastery remains behind the bishops of Bosnia-Herzegovina.

“The local bishops have the ultimate authority on this matter, and their arguments against the alleged apparitions are doctrinally solid,” the official said.

Asked if Medjugorje should not be judged by its fruits of many conversions and vocations to the Church, the official responded: “It is not the duty of this Dicastery to make a pastoral assessment, but a doctrinal one. But regarding the argument, it can equally be argued that God can write straight with crooked lines, just as it has been proven in several previous occasions with patently false apparitions.”

Tratto da Chatolic.org

 | Posted by | Categories: Medjugorje |

I just received an e-mail this morning from one of my friends who lives in Medjugorje and helps with the coordination of the music for the English speaking masses wrote that Cardinal Schonborn will be visiting Medjugorje from December 8th through January 4th. No doubt this is very good news and the Cardinal has been a very strong supporter of Medjugorje since the late 1980s.

He told Cardinal Ratizinger in 1989, “if Medjugorje were closed, he would also have to close the Seminary in Vienna, because the majority of those candidates had received their call to the priesthood through Medjugorje. To this, Cardinal Ratzinger replied: ‘Closing Medjugorje is not even a question!’”

In 1998 he said, “I believe that the words of Mary at Cana: “Do whatever He tells you,” make up the substance of what s he says throughout the centuries. Mary helps us to hear Jesus and she desires with her whole heart and with all her strength that we do what He tells us. This is what I wish for all the communities of prayer which were formed from Medjugorje; this is what I wish for our diocese and for the Church. …Personally, I have not been to Medjugorjre, but in a certain way I have been there many times through the people I have met and the people I know. And in their lives I am seeing good fruit. I would be lying, if I said this fruit did not exist. This fruit is concrete and visible and I can see in our diocese and in many other places graces of conversion, graces of a supernatural life of faith, graces of joy, graces of vocations, of healings, of people returning to the Sacraments – to confession. All this is not misleading. Therefore, as far as I am concerned, as a Bishop, I can only see the fruit. If we had to judge the tree by it’s fruit, like Jesus, I must say that the tree is fruitful!”

Will Cardinal Schonborn also pay a visit to the Bishop of Mostar? We can certainly hope and pray that he does!

Tratto da Blessed Mother

 | Posted by | Categories: Medjugorje |

YouTube

 | Posted by | Categories: Medjugorje |

Il decimo Seminario internazionale per le coppie sposate è cominciato mercoledì 4 novembre a Medjugorje con il tema: “ L’amore non finisce mai e l’inaridimento dell’amore”. Nelle ore pomeridiane il coordinatore, Dott. Fra Miljenko Steko, ha aperto il seminario e Fra Petar Vlasic, parroco della parrocchia, ha ringraziato tutti i presenti. Il seminario, che termina sabato 7 novembre, è condotto dal Dott. Fra Ante Vuckovic, membro della provincia francescana del Santissimo Redentore, professore all’università cattolica di Teologia, ed anche della facoltà delle Arti, Università di Spalato. Questo seminario internazionale viene tradotto simultaneamente in parecchie lingue del mondo.

Tratto da Medjugorje.hr

 | Posted by | Categories: Medjugorje |

L’Arcivescovo Edmond Farhat, ex Nunzio Apostolico in Austria, alla fine di ottobre è stato qualche giorno a Medjugorje ed ha presieduto la Messa per i numerosi pellegrini austriaci in occasione della loro festa nazionale Lunedì 26 Ottobre. L’Arcivescovo Farhat è nato nel 1933 a Ain Kfaa in Libano, in seno alla Chiesa Cattolica orientale di Rito Maronita. Dopo l’Ordinazione Sacerdotale newl 1959, ha lavorato innanzitutto come redattore dei programmi arabi della Radio Vaticana. Dal 1968 è membro della Congregazione per la Dottrina della Fede e nel 1989 è stato nominato Vescovo titolare di Byblos. Da quell’anno è anche nel servizio diplomatico della Santa Sede. E’ stato prima rappresentante della Santa Sede in Algeria e poi a Tunisi. All’inizio dell’Agosto del 1995 è stato nominato Nunzio Apostolico in Slovenia e Macedonia. E’ seguito il servizio diplomatico in Turchia e Papa Benedetto XVI nel 2005 ha nominato l’Arcivescovo Farhat Nunzio Apostolico in Austria, dove è rimasto in servizio fino all’inizio di quest’anno 2009. L’Arcivescovo Farhat, che attualmente risiede a Roma, ha risposto volentieri all’invito dei fedeli dell’Austria ed ha abbellito il loro tradizionale percorso di pellegrinaggio di Ottobre a Medjugorje. Al pellegrinaggio, insieme all’ex Nunzio Apostolico, erano presenti anche numerosi altri Sacerdoti di lingua tedesca.

Tratto da Medjugorje.hr

 | Posted by | Categories: Medjugorje |

Powered by AlterVista