Maria a Medjugorje Messaggio del 25 agosto 2008:Cari figli, anche oggi vi invito alla conversione personale. Siate voi a convertirvi e, con la vostra vita, a testimoniare, amare, perdonare e portare la gioia del Risorto in questo mondo in cui mio Figlio è morto e in cui gli uomini non sentono il bisogno di cercarLo e di scoprirLo nella propria vita. AdorateLo e che la vostra speranza sia speranza per quei cuori che non hanno Gesù. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.


Home  ::  Venuti dall'aldila'


Tweet

«Già in Paradiso»

La sera del 12 settembre 1906, Giuseppina Berettoni fu inviata ad assistere una giovane che da otto o dieci mesi si trovava malata in casa ed era ormai vicina a morire. Era rassegnata alla malattia, ma non a finire la vita. Giuseppina andò sollecita e le parlò del Paradiso, dove la Madonna l'avrebbe portata subito dopo la morte se si conformava alla volontà di Dio. E le disse che le restava solo mezz'ora di vita, non tre giorni come il medico pensava. La ragazza ricevette i sacramenti e si dispose serenamente. Levando gli occhi in alto ed esclamando: «Oh, la Madonna!», spirò.
Giuseppina chiese ai presenti di rimanere sola con la defunta; e tutti uscirono dalla stanza.
«Mi misi a pregare - narrò poi - e subito vennero molti che io vidi come trasparenti, tali e quali li avevo visti altre volte; sennonché c'era qualcosa di speciale: tutti vestivano tonache bianche e nelle mani portavano palme che terminavano in giglio... e cantavano!
- Che fate voi? - chiesi al primo.
- Noi delle vergini onoriamo anche la spoglia. - Ma è già tra voialtri?
- E che ne dubiti? - E così dicendo me la mostrò tra di loro.
- Stai già in Paradiso? - le chiesi.
- Sono solo passata per il Purgatorio - rispose - accompagnata dalla Madonna. Dirai al mio fidanzato Attilio che si consacri a Gesù e così starà insieme a me; altrimenti non potrà starvi. È un giovane molto buono».
P. Antico, Giuseppina Berettoni, Centro G. B., Roma 1978, pp. 214-215. Giuseppina Berettoni (1875-1927) fu persona dotata di facoltà prodigiose, di eroiche virtù, di speciali doni di Dio. Fu chiamata «attivista sbarazzina di Cristo» per l'apostolato laicale ammirevole.