Capitolo secondo

UMILTÀ E SOTTOMISSIONE

Non fare gran conto di chi ti sia favorevole o contrario; attendi piuttosto ed adòperati a che in ogni tua azione Dio sia con te. Abbi retta coscienza e Dio sarà il tuo valido difensore. Non ci sarà, infatti, cattiveria d'alcuno che possa nuocere a colui che Dio avrà voluto aiutare. Se tu saprai sopportare in silenzio, sperimenterai, certo, l'aiuto del Signore. È Lui che conosce il tempo ed il modo di liberarti dall'affanno, e quindi devi rimetterti a Lui. Sta a Lui aiutarti e liberarti da ogni smarrimento. Spesso giova molto, per mantenerci in umiltà più grande, che altri conoscano i nostri difetti e che ce li rimproverino. Quando un uomo s'umilia per i propri difetti, fa tacere gli altri facilmente e, senza fatica, dà soddisfazione a quelli che si sono adirati con lui. Dio protegge e libera l'umile, gli dona il suo amore ed il suo conforto; verso l'umile si china; all'umile elargisce abbondanza di grazia e, dopo l'umiliazione, lo innalza alla gloria. A chi s'umilia rivela i suoi segreti, con dolcezza lo invita e lo attrae a Sé. L’umile, anche quando subisce affronto, si conserva in grande pace, perché s'appoggia a Dio, e non al mondo. Non credere d'avere fatto grande progresso spirituale, se non ti senti inferiore a tutti.