Capitolo quindicesimo

LA GRAZIA DELLA DEVOZIONE SI ACQUISTA CON L'UMILTA' E CON LA RINUNCIA A SE STESSO

PAROLE DELL'AMATO Tu devi cercare la grazia della devozione con insistenza, chiederla con vivo desiderio, aspettarla con pazienza e con fiducia, riceverla con gratitudine, conservarla con umiltà, cooperare con essa con zelo, e rimetterti a Dio per il tempo e per il modo della celeste visita, fino a che essa venga. Tu devi, soprattutto, umiliarti, quando dentro di te senti poca o nessuna devozione, senza però abbatterti troppo e rattristarti eccessivamente. Spesso Dio dà in un istante ciò che, per lungo tempo, ha negato; talvolta, dà alla fine ciò che al principio della preghiera ha differito. Se questa grazia fosse accordata sempre subito e fosse li pronta, conformemente al nostro desiderio, l'uomo, che è fragile, non saprebbe sostenerla. Perciò, la grazia della devozione bisogna attenderla con salda speranza e con umile pazienza. Tuttavia, devi dare la colpa a te e ai tuoi peccati, quando non ti è data o ti viene tolta senza che tu ne comprenda il motivo. Qualche volta, è una piccola cosa quella che impedisce o nasconde la grazia, seppure piccolo, e non piuttosto grande, si possa chiamare ciò che ostacola un bene così eccelso. E se, piccolo o grande che sia, questo inciampo sarai riuscito ad allontanarlo e a superarlo del tutto, tu otterrai ciò che hai chiesto. lnfatti, appena ti sarai dato a Dio con tutto il cuore, senza cercare questo o quello secondo il tuo capriccio o il tuo volere, ma ti sarai rimesso interamente a Lui, ti troverai unito a Lui e tranquillo, perché nulla avrà per te gusto e piacere tanto, quanto ciò che piace al volere divino. Chiunque, pertanto, con cuore semplice avrà innalzato la sua intenzione a Dio e si sarà spogliato d'ogni affetto disordinato o dell'avversione per qualsiasi creatura, sarà nelle migliori condizioni di ricevere la grazia e sarà degno del dono della devozione. lnfatti, il Signore versa la sua benedizione là, dove avrà trovato vasi vuoti. E quanto più perfettamente uno rinuncia alle cose di quaggiù e più muore a se stesso con il disprezzo di sé, tanto più presto viene in lui la grazia, tanto più abbondantemente affluisce in lui e tanto più in alto ne solleva il cuore liberato da ogni cosa. Allora, egli vedrà e sarà nell'abbondanza "e sarò raggiante ed il suo cuore s'allargherà in Dio" (Is 60, 5), perché la mano di Dio è con lui, che si è rimesso totalmente e per sempre alla sua Volontà. "Ecco, così sarò benedetto l'uomo" (Sal 127, 4) che cerca Dio con tutto il suo cuore e non invano ha ricevuto la sua vita. Ricevendo la Santa Eucaristia, egli merita la grande grazia d'essere unito a Dio, perché non mira alla propria devozione ed alla propria consolazione, ed invece, di là d'ogni devozione e consolazione, mira alla gloria e all'onore di Dio.