Capitolo II
PREGHIERA PER LE SOFFERENZE DI CRISTO E DELLA SUA MADRE

1) Il figlio. Piego le ginocchia davanti a te, Signore Gesù Cristo, che contemplo sospeso sulla croce per me. Ti saluto, veneranda immagine del mio Signore Gesù Cristo crocifisso, per il cui sangue fui redento dal nemico. Ti ringrazio, Salvatore del mondo, che hai affrontato per me questa dolorosissima morte.

2) Dolcissimo Gesù, per l'abbondanza delle tue misericordie prego perché tu mi conceda di compatire con tutto il cuore le tue pene nonché i dolori della tua Santissima Madre, e di versare molte lacrime sotto la croce assieme al tuo prediletto discepolo Giovanni, fedelissimo suo custode. Sappi che mi sarebbe di sollievo, se davanti all'immagine della tua croce potessi versare lacrime anche esteriormente per la grandezza della compassione per te, che versasti tutto il tuo prezioso sangue per me.

3) Poiché da te proviene ogni dono, accogli questo mio desiderio in tuo onore: che da questo momento e per sempre in me si accenda, crésca e sempre più profondamente sia sentita la memoria della tua santissima Passione, nonché il ricordo particolare della tua Gloriosa Madre, insieme al tuo prediletto discepolo e suo custode Giovanni; ma accogli anche il desiderio che la mia vita diventi migliore.

4) Inoltre ti prego, perché la tua crocifissione sia al centro della mia riflessione, perché mio conforto sia il dolore della tua Madre e mia intercessione il pianto di san Giovanni. Ti prego, che non rimanga senza una profonda compassione del mio cuore l'immagine straziante della tua morte. Fa in modo che, quando ricorderò la tua passione o vedrò un crocifisso, senta dentro di me quanto hai concesso di sentire a molti devoti, tu che vivi e regni nei secoli dei secoli. Amen.