Intervista a Marija Pavlovic su Medjugorje

Articolo tratto dall'inserto "Sette" del Corriere della Sera



Marija Pavlovic è una dei sei veggenti di Medjugorje. Da vent'anni, ogni giorno avrebbe un'apparizione della Vergine. E il 25 del mese riceverebbe un messaggio pubblico. Un annuncio di catastrofi? No, un invito alla conversione e alla preghiera, come spiega lei a "Sette" in questa intervista in cui esorta ad avere fiducia nel futuro.

Sui grandi giornali è passato un po' sotto silenzio, quest'anno, il ventennale dei fatti di Medjugorje. Eppure, qualche cifra dovrebbe far riflettere: da quel 24 giugno 1981 in cui sarebbero cominciate le apparizioni della Madonna, ben trenta milioni di persone sono andate in pellegrinaggio, da tutto il mondo, in quello sperduto villaggio dell'Erzegovina; ventitrè milioni di comunioni sono state là distribuite ai fedeli; gruppi di preghiera sono nati in tutti i continenti; Radio Maria, che è uno dei frutti di Medjugorje, è oggi con il suo milione e 650 mila ascoltatori al giorno - il mezzo di comunicazione cattolico più diffuso Italia. Mediugorje è dunque un caso che non si può ignorare. Un caso su cui la Chiesa non si è ancora pronunciata: ne potrebbe averlo fatto, visto che le, apparizioni sono tuttora in corso. E' certo che, all'interno del mondo cattolico, ci sono posizioni diverse. Contrario è il vescovo locale, quello di Mostar, monsignor Ratko Peric. Favorevoli sono invece i francescani, in quell'area molto amati dalla popolazione: la gente ricorda che, nei quattro secoli di occupazione Ottomana e nei cinquantanni di regime comunista, i frati resistettero anche affrontando il martirio, mentre il clero secolare non avrebbe dato grandi prove di coraggio. Favorevole è anche il più noto mariologo del mondo, il francese Renè Laurentin.
Contrario è un libro uscito l'anno scorso in Francia, Faussaires de Dieu ( Falsari di Dio, editore Presses de la Renaissance), scritto dal giornalista fiammingo Joachin Bouflet. Favorevole è un libro uscito in queste settimane in Italia e già ai primi posti delle vendite nelle librerie religiose, Maria, Alba del terzo millenio, scritto dai giornalisti Riccardo Caniato e Vincenzo Sansonetti (Edizioni Ares).(nota P.T.: Inserto di esegesi teologica di Padre Livio, vi sono numerose testimonianze dei sacerdoti, vescovi e cardinali recatisi a Medjugorje)
Contrari, nella stampa cattolica, i periodici della San Paolo: Famiglia Cristiana, Jesus, Vita Pastorale. Favorevoli, infine, il mensile Studi Cattolici, il cui direttore, Cesare Cavalleri, ha dedicato a Medjugorje l'editoriale di novembre. E qui arriviamo al collegamento tra Medjugorje e i giorni nostri. Cavalleri ha ricordato più volte, in ottobre, il Papa ha ripetuto pur senza citare esplicitamente Medjugorje - il messaggio che i sei veggenti attribuiscono alla Vergine: e cioè che l'arma da usare contro la guerra è la preghiera; per la precisione, la recita quotidiana del rosario. Non solo: il 30 settembre, giorno di apertura del Sinodo dei vescovi, il Papa ha pronunciato parole che, scrive Cavalleri, sembrano quasi riecheggiare il messaggio di Medjugorje, e ha chiamato Maria "Regina della Pace", come la Vergine si sarebbe definita in queste apparizioni. Ciò non significa, naturalmente, che il Papa abbia espresso così un giudizio favorevole su Medjugorje; anche se la simpatia e l'affetto di Wojtyla per quel luogo sono noti, e testimoniati da numerosi vescovi e cardinali (nota P.T.: vedi il libro "Maria, Alba del terzo millenio).
Il ricorso a una vecchia devozione come il rosario, dunque, per combattere la guerra. Per i dotti e i sapienti del mondo - usiamo un'espressione evangelica - questa è follia. Ma la Madonna insiste proprio sulla necessità di pregare: così ci dice nell'intervista che pubblichiamo di seguito Marija Pavlovic, una dei sei veggenti di Medjugorje.
Marija Pavlovic ha 36 anni. Ne aveva sedici quando, insieme con cinque amici, sul Crnica, una collina di Medjugorje, vide per la prima volta la Madonna. Da allora la Gospa, come la chiama lei in croato, le si ripresenta tutti i giorni: alle sei meno un quarto del pomeriggio ora solare, ovunque Marija si trovi. E il 25 di ogni mese le rivela un messaggio pubblico: da divulgare, tramite il parroco di Medjugorje, a tutto il mondo.
Da otto anni Marija vive in Italia, a Monza, provincia di Milano. Ha sposato un italiano, e ha tre figli.Può ancora vivere un uomo su cui Dio ha posto lo sguardo?, si chiedeva Pèguy e in effetti Marija ha dovuto sopportare tante prove. Decine di visite psichiatriche,l'ostilità della polizia comunista, e perfino quella del suo vescovo. Ma chi la incontra ha l'impressione di una donna felice. Colpisce, soprattutto, la sua normalità: migliaia di persone la cercano pensando che abbia il potere di guarire, o di vedere il futuro. Lei accoglie tutti, ma rifugge da una religione magica, miracolistica, ed è decisa quando spiega: "non ho alcun potere soprannaturale, a chi mi chiede aiuto dico: posso pregare per te, ma la mia preghiera vale come la tua, la Madonna ascolta tutti".

Intervista


M.B: Signora Pavlovic, cominciamo dai tragici eventi di questi mesi. Dov'era quando sono state distrutte le due torri di New York?
Marija.:Stavo tornando proprio dall'America, dov'ero andata per una conferenza. Con me c'era un giornalista di New York, cattolico, che mi ha detto: queste catastrofi succedono per svegliarci, per avvicinarci a Dio. L'ho preso un po' in giro. Gli ho detto: sei troppo catastrofico, non vedere così nero.
M.B:Lei non è preoccupata?
Marija.:Io so che la Madonna ci dà sempre una speranza. Il 26 giugno del 1981, alla sua terza apparizione, ha pianto e ha chiesto di pregare per la pace. Mi disse (quel giorno apparve solo a Marija, ndr) che con la preghiera e con il digiuno si può allontanare la guerra.
M.B: In quel momento nessuno di voi, in Jugoslavia, pensava alla guerra?
Marija:Ma no! Quale guerra? Era passato un anno dalla morte di Tito. Il comunismo era forte, la situazione era sotto controllo. Nessuno poteva immaginare che nei Balcani ci sarebbe stata una guerra.
M.B: Quindi era un messaggio incomprensibile, per lei?
Marija:Incomprensibile. Lo capii solo dieci anni dopo. Il 25 giugno del 1991, nel decimo anniversario della prima apparizione di Medjugorje (la prima in assoluto è del 24 giugno 1981, ma il 25 è il giorno della prima apparizione a tutti e sei i veggenti, ndr), la Croazia e la Slovenia proclamarono la loro separazione dalla Federazione jugoslava. E giorno dopo, 26 giugno, esattamente dieci anni dopo quell'apparizione in cui la Madonna aveva pianto e mi aveva detto di pregare per la pace, l'armata federale serba invase la Slovenia.
M.B: Dieci anni prima, quando parlavate di una possibile guerra, vi avevano presi per pazzi?
Marija:Credo che nessuno come noi sei veggenti sia mai stato visitato da così tanti medici, psichiatri, teologi. Abbiamo fatto tutti gli esami possibili e immaginabili. Ci hanno persino interrogati sotto ipnosi.
M.B: Tra gli psichiatri che vi hanno visitato c'erano anche non cattolici?
Marija:Certo. Tutti i primi medici erano non cattolici. Uno era la dottoressa Dzuda, comunista e di religione mussulmana, nota in tutta la Jugoslavia. Dopo averci visitati, disse: "questi ragazzi sono sereni, intelligenti, normali. I matti sono quelli che li hanno portati qui".
M.B: Questi esami sono stati fatti solo nel 1981 o sono continuati?
Marija:Sono continuati sempre, fino all'anno scorso.
M.B: Quanti psichiatri l'avranno visitata?
Marija:Non so ... (ride, ndr). Noi veggenti ogni tanto scherziamo quando a Medjugorje arrivano i giornalisti e ci chiedono: ma non è che siete malati di mente? Rispondiamo: quando voi avrete dei documenti che vi dichiarano sani di mente come ce li abbiamo noi, tornate qui e discutiamo.
M.B: Nessuno ha ipotizzato che le apparizioni siano allucinazioni?
Marija:No, è impossibile. L'allucinazione è un fenomeno individuale, non collettivo. E noi siamo in sei. Grazie a Dio, la Madonna ci ha chiamati
in sei.
M.B: Che cosa ha provato quando ha visto che i giornali cattolici come Jesus vi hanno attaccati?
Marija:er me è stato uno choc vedere che un giornalista abbia potuto scrivere certe cose senza cercare di conoscere, di approfondire, di incontrare qualcuno di noi. Eppure io sto a Monza, non avrebbe dovuto fare mille chilometri.
M.B: Ma lei avrà messo in preventivo che non tutti possono crederle, no?
Marija:Certo, è normale che ciascuno sia libero di credere o no. Ma da un giornalista cattolico, vista la prudenza della Chiesa, non mi sarei aspettata un simile comportamento.
M.B: La Chiesa non ha ancora riconosciuto le apparizioni. Per lei è un problema, questo?
Marija:No, perché la Chiesa si è sempre comportata così. Finché le apparizioni continuano, non può pronunciarsi.
M.B:Quanto dura una delle sue apparizioni quotidiane?
Marija:Cinque, sei minuti. L'apparizione più lunga è durata due ore.
M.B:Lei "La" vede sempre uguale?
Marija:Sempre uguale. Come una persona normale che mi parla, e che possiamo anche toccare.
M.B: Molti obiettano: i fedeli di Medjugorje seguono i messaggi che voi riferite più delle Sacre Scritture.
Marija:Ma la Madonna nei messaggi ci ha detto proprio questo: "mettete le Sacre Scritture bene in vista nelle vostre case, e leggetele tutti i giorni". Ci dicono anche che adoriamo la Madonna e non Dio. Anche questo è assurdo: la Madonna non fa altro che dirci di mettere Dio al primo posto nella nostra vita. E ci dice di stare nella Chiesa, nelle parrocchie. Chi torna da Medjugorje non diventa un apostolo di Medjugorje: diventa un pilastro delle parrocchie.
M.B: Si obietta anche che i messaggi della Madonna che voi riferite sono piuttosto ripetitivi: pregare, digiunate.
Marija:Evidentemente ci ha trovati con la testa dura. Evidentemente vuole svegliarci, perché oggi preghiamo poco, e nella vita al primo posto non mettiamo Dio, ma altre cose: la carriera, il denaro ...
M.B: Nessuno di voi è diventato prete, o suora. Cinque di voi si sono sposati. Questo vuol forse dire che oggi è importante fare famiglie cristiane?
Marija:Per tanti anni ho pensato che sarei diventata suora. Avevo cominciato a frequentare un convento, il desiderio di entrarvi era fortissimo. Ma la madre superiora mi ha detto: Marija, se tu vuoi venire, sei la benvenuta; ma se il vescovo decide che non devi più parlare di Medjugorje, devi obbedire. A quel punto ho cominciato a pensare che forse la mia vocazione era quella di testimoniare ciò che ho visto e sentito, e che avrei potuto cercare la via della santità anche fuori dal convento.
M.B: Che cos'è per lei la santità?
Marija:Vivere bene la mia vita di tutti i giorni. Diventare una madre migliore, e una sposa migliore.
M.B: Signora Pavlovic, si può dire che lei non ha bisogno di credere: lei sa. Ha ancora paura di qualcosa?
Marija:La paura c'è sempre. Ma posso ragionare. Dico: grazie a Dio, ho fede. E so che la Madonna ci aiuta sempre nei momenti difficili.
M.B: Questo è un momento difficile?
Marija:Io non penso questo. Io vedo che il mondo soffre per tante cose: la guerra, le malattie, la fame. Ma vedo anche che Dio ci sta dando tanti aiuti straordinari, come le apparizioni quotidiane a me, Vicka e Ivan. E so che la preghiera può tutto. Quando, dopo le prime apparizioni, dicevamo che la Madonna invitava a recitare il rosario tutti i giorni e a digiunare, ci sembrava di essere come dire?, antiquati (ride, ndr): anche da noi il rosario era una tradizione superata da un paio di generazioni. Eppure quando è scoppiata la guerra abbiamo capito perchè la Madonna ci diceva di pregare per la pace. E abbiamo visto, per esempio, che a Spalato, dove l'arcivescovo aveva accolto subito il messaggio di Medjugorje e aveva fatto pregare per la pace, la guerra non è arrivata.
Per me è un miracolo, disse l'arcivescovo. Uno dice: che cosa può fare un rosario? niente. Ma noi ogni sera, con i bambini, diciamo un rosario per quella povera gente che sta morendo in Afganistan, e per i morti di New York e Washington. E credo nella potenza della preghiera.
M.B: E questo il cuore del messaggio di Medjugorje? Riscoprire l'importanza della preghiera?
Marija:Sì, ma non solo questo. La Madonna ci dice anche che la guerra è nel mio cuore se non ho Dio, perché solo in Dio si può trovare la pace. Ci dice anche che la guerra non è solo dove si tirano le bombe, ma anche, per esempio, nelle famiglie che si sfasciano. Ci dice di frequentare la Messa, di confessarci, di sceglierci un direttore spirituale, di cambiare vita, di amare il prossimo. E ci indica con chiarezza che cosa è peccato, perché il mondo di oggi ha smarrito la consapevolezza di cosa è bene e cosa è male. Penso, per esempio, a quante donne abortiscono senza rendersi conto di cosa fanno, perché la cultura di oggi fa credere loro che non sia un male.
M.B: Oggi molti credono di essere sull'orlo di una guerra mondiale.
Marija:Io dico che la Madonna ci dà la possibilità di un mondo migliore. A Mirjana per esempio, ha detto di non avere paura di avere tanti figli. Non ha detto: non fate figli perché verrà la guerra. Ci ha detto che se cominciamo a migliorare nelle piccole cose di tutti i giorni, tutto il mondo sarà migliore.
M.B: Molti hanno paura dell'Islam. E' davvero una religione aggressiva?
Marija:Ho vissuto in una terra che ha subito per secoli la dominazione ottomana. E anche in questi ultimi dieci anni le distruzioni maggiori noi croati non le abbiamo subite dai serbi, ma dai musulmani. Posso anche pensare che i fatti di oggi possano servire per aprirci gli occhi su certi rischi dell'Islam. Però non voglio gettare benzina sul fuoco. Non sono per le guerre di religione. La Madonna ci dice che è madre di tutti, senza distinzioni. E come veggente dico: non dobbiamo avere paura
di niente, perché Dio guida la storia sempre. Anche oggi.