LA BIBBIA

Signore, ricordi quando Pietro sul Tabor Ti ha detto: Come si sta bene qui con Te... Sono contento..., felice... Stabiliamoci qui...? (cfr.Mc 9,28).
Dov'è il Cielo aperto?... Dove si sente la voce del Padre?... Dov'è il cuore aperto dell'uomo per accogliere la Parola ed amarLa?...
Signore, questo monastero, questa sala sono il nostro Tabor!
Ti rendiamo grazie per Tuo Cielo aperto... per il Tuo Cuore aperto...
per i nostri cuori aperti... Ti rendiamo grazie, Signore!
In questo luogo, dove si accetta ed ama la Parola, vogliamo proseguire meditando sui Messaggi della Madonna a Medjugorije.
Come posso ottenere la mia conversione? La Madonna ci invita a Pregare ogni giorno, a vivere l'Eucaristia e la Croce. Ci insegna a introdurre nella nostra vita il sacrificio, la rinuncia, la penitenza, il digiuno.
Il terzo punto, nel retro dell'immagine, è la Bibbia.

La Bibbia è il Roveto ardente da dove Dio parla.
E' il nostro Tabor dove si ode la voce del Padre:
"Questi è il Figlio mio prediletto. AscoltateLo !".

(Fra Jozo Zovko, ofin)

Un giorno, la Beata Vergine è apparsa piangendo. Era triste era molto triste... e ha detto: "Cari figli, avete perso la Parola di Dio, avete dimenticato la Bibbia... Ritrovate la Bibbia nelle vostre famiglie!".
Noi abbiamo perso la Bibbia! E la Madonna non dice di cercarla nelle biblioteche, nelle librerie, a scuola... No!, Lei ha detto: "Ritrovatela nelle famiglie", nella famiglia cristiana. La famiglia cristiana ha perso la Bibbia! La Bibbia è unta, cioè è ispirata dallo Spirito Santo. Acceffarla con fede, significa che Dio parla e agisce fra di noi, nella nostra famiglia, nella vita, e che per noi è l'Emmanuele, Dio con noi.

La Bibbia, il nostro Tabor.
Simeone, un anziano sacerdote che serviva nel Tempio di Gerusalemme, un giorno ha accolto un Bambino piccolo dalle braccia dei suoi genitori. Chi avrebbe potuto vedere qualcosa di speciale in quel Bambino di soli quaranta giorni? Egli durante la sua vita, aveva preso in braccio centinaia di bambini offerti nel Tempio, oltre a Gesù..., ma San Luca scrive che: "mosso dallo Spirito Santo" ha visto Cristo nel Bambino e che ha rivelato una profezia alla Madre, al Bambino, a tuffi noi (cfr.Lc 2, 2535).
Lo Spirito Santo ha illuminato Simeone per vedere quello che nessuno poteva vedere: in un piccolo Bambino ha riconosciuto il grande Dio, l'Altissimo, l'Onnipotente, il Salvatore. Lo Spirito Santo è Colui che ci guida ed illumina durante la lettura della Sacra Scrittura. Frequentemente, capita di cadere in un errore: non riconoscere la vera importanza della Bibbia, leggerla con superficialità e metterla via; dire: l'ho già letta, so già di che si tratta. Il Signore non tollera questo comportamento! Nei pressi di Cesarea di Filippo, Cristo ha chiesto ai discepoli: "La gente chi dice che sia il Figlio dell'uomo?". E' stato facile riferire l'opinione della gente che paragonava Cristo ad un eroe o ad un grande profeta.
"Voi chi dite che Io sia?". Conosciamo la risposta di Simon Pietro, nostro primo Papa: "Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente" (Mt 16,1316). Questo non è frutto dei tuoi pensieri, delle tue riflessioni, è una rivelazione! Mio Padre te lo ha rivelato!, gli ha detto Gesù. Allora, tutte le risposte raccolte fra la gente erano false, non spiegavano nulla della vera Persona del Cristo. L'unica risposta valida è quella rivelata! Solo il Padre rivela chi è il Cristo! Possiamo cadere nell'errore di pensare che abbiamo già studiato abbastanza la Bibbia, che conosciamo i suoi generi letterari e la equipariamo alla letteratura extra biblica. No!, la Bibbia è un Libro incomparabile, l'unico Libro incomparabile! E' la Parola di Dio effusa, la lettera di Dio scritta ai Suoi figli! La Parola di Dio, racchiusa nella Sacra Scrittura, non ha perso la Sua forza divina.
Ricordiamo come nella "Genesi", Jahvè crea con la Sua Parola: "Sia la luce!" e la luce fu fatta.
Pensiamo come sulle labbra di Cristo la Parola è stata meravigliosa. Egli, con la Sua Parola, guariva gli ammalati, risuscitava i morti... Ha fatto uscire Lazzaro dalla tomba, risuscitato. La Parola divina, nella Bibbia, non ha perso la sua onnipotenza. Ugualmente oggi, fa prodigi e segni nella Chiesa che crede e ama. Per questo, il sacerdote dopo la proclamazione del Vangelo, bacia la Sacra Scrittura con gratitudine: Grazie, Cristo per avermi parlato... Grazie per avermi fatto ascoltare la Tua voce... Grazie, Cristo perché la Tua Parola mi ha purificato, curato, ricreato, benedetto. La Bibbia è il Roveto ardente da dove Dio parlava a Mosè e lo ha inviato a salvare Israele.
La Bibbia è il nostro Tabor dove si ascolta la voce del Padre:
"Questi è il Figlio mio prediletto"... il Verbo... "AscoltateLo!". (Mt 17,5).

La Bibbia familiare.

La Madonna piange quando ci dice che abbiamo dimenticato la Bibbia. Cari genitori, attraverso i vostri cuori e le vostre labbra, il Signore vuole annunciare il Suo Nome ai vostri figli. Se ami la Bibbia, tu la veneri e dici: Questa è la Parola di Dio! Tuo figlio l'accetterà e ci crederà! Cosa desidera la Madonna, la Regina della Pace?
Lei ha detto: "Ritrovate la Bibbia nelle vostre famiglie". Voi potete promuovere l'iniziativa di preparare un Altare familiare come centro della casa. Un luogo di preghiera dove si collocano la Croce... la Bibbia familiare... la Madonna... il Rosario... l'acqua benedetta. In molti luoghi del mondo, arde una lampada accanto alla Bibbia così come brilla la luce perpetua accanto al Tabernacolo. Tu devi dare alla "Parola" un posto d'onore nella tua casa. Poi, annuncia, ascolta, proclama la Parola di Dio in famiglia. Quante sono le parole pronunciate inutilmente, parole sterili che scoraggiano, uccidono e si diffondono nello spazio della tua casa! Permetti a Cristo di annunciare la Sua Parola, di riempire l'aria della tua casa e rinnovare la gioia in te e in tutti quelli che ami. Le potenze negative non possono esercitare la loro autorità dove si proclama la Parola di Cristo. Come il Tabernacolo è un posto speciale per il Corpo di Cristo, così dobbiamo trovare un posto degno dove tenere la Bibbia familiare... la Parola che ti illumina, che ti unge, che ti consola, che ti dà forza. Quando sei triste, leggi la Bibbia ed essa ti rallegrerà. Quando ti senti solo e ti sembra di non poter contare su nessuno, ricordati che c'è sempre Gesù. AscoltaLo, Lui desidera parlarTi! Quando sei felice, pieno di gioia apri la tua Bibbia, leggi un passo e la tua allegria sarà benedetta. Diamo alla Bibbia la giusta importanza. Impariamo a leggerla, ascoltarla, amarla, osservarla. Non consideriamola mai con superficialità come fosse un qualsiasi libro. Essa è la "Voce di Dio!". A volte, tu non puoi spiegare queste cose ai tuoi figli... però, se vedono che tu ogni giorno dedichi un pò di tempo a Cristo che ti parla attraverso la Bibbia, loro riceveranno questa eredità da te. Coraggio!
Quando entriamo nel nostro deserto, oh Cristo, benedici tutti!
(Fra Jozo Zovko, ofm)