OMELIA DI FRA JOZO ZOVKO - (Tihaljina, 8/12/1988)

"Non c'è nessuno di voi che non sia stato invitato alla Cena del Signore. Ma qualcuno di voi, forse, è tentato di comportarsi da ateo, di rimanere triste: "Non voglio sentire, sapere, ascoltare...". Ecco l'incontro che può guarirti, ecco la sorgente a cui puoi bere. Tu hai portato a Medjugorje il tuo cuore distrutto, rovinato, disordinato. Non conosciamo Gesù: Lui non desidera essere per noi un estraneo che ci accompagna verso casa, Lui desidera essere il Signore che apre i nostri occhi, Lui può darci quello che ha dato ai discepoli di Emmaus. La Chiesa vive da 2000 anni della sorgente dell'Eucaristia: oggi questo Mistero della Fede sarà celebrato su migliaia di Altari, la Chiesa vive di questo Pane, vive di queste mani che portano e offrono Gesù! Non c'è nessun cristiano che sia riuscito ad avere la fede, a ottenere la pace senza questo dono.

La Madonna desidera continuare a vivere con voi da questi giorni a casa, desidera accompagnarvi! Lei che appare ogni giorno, ti aspettava da 7 anni, 5 mesi e 15 giorni. Ora sei qui: non sei in ritardo, sei venuto nel tempo giusto, il tuo tempo è oggi, sono questi giorni. Come nei primi giorni sono stati importanti, e anche oggi lo sono, i veggenti, la Parrocchia. Per questo la Madonna ha detto: "Io vi ho scelto, ho bisogno di voi, voi siete importanti!". Loro non hanno discusso su ciò che questo voleva dire, hanno semplicemente creduto e anche la Parrocchia. Commossa e aperta con una grande luce, un segno visibile, tutti inginocchiati davanti a questa luce, hanno sentito la voce, hanno scritto la parola della Madonna nel cuore e l'hanno vissuta ogni giorno. La Madonna ha avuto bisogno di loro e dei pellegrini chiamati a venire a Medjugorje e ha bisogno che si continuino a vivere a casa tutte le sue parole, i messaggi che Lei vuole. Nella natura c'è un periodo che si chiama inverno. Due amici, di cui uno era un po' ateo, hanno fatto una passeggiata e hanno visto su una piazza una statua della Madonna coperta dalla neve Subito quello dice all'altro: "Adesso non si vede la Madonna perché sta sotto la neve. Anche la vostra fede è così: non vede, non sa!". L'altro amico ha pensato un po' e poi ha risposto: "Hai ragione, adesso non si vede che statua c'è, ma tutti quelli che l'hanno vista prima e sanno che sta qui, sanno che è la Madonna. Verranno i giorni in cui il sole scioglierà la neve e di nuovo sarà visibile la statua della Madonna, non temere!".

Sì, possono venire occasioni e periodi in cui la fede è nel buio, coperta dalle tentazioni, ma non

possono durare sempre perché il sole dell'Amore Divino apre, scioglie tutto e fa per i suoi figli una grazia, un dono. In questi giorni voi avete sentito il sole, tutti avete sentito un sole, una grazia particolare. Tutto il ghiaccio nel tuo cuore, nella tua vita è sciolto, si può sciogliere! La Madonna desidera sciogliere tutti noi, liberarci, mandarci a casa con una immagine chiara, gioia, pace nel nostro cuore e dirci: "Non temere, tu sai cosa vuol dire l'amore, tu sai cosa vuol dire la famiglia, tu vedi e sai che cosa vuol dire la preghiera, non temere! Questi valori restano aperti e conosciuti!". Cari pellegrini, avete fatto bene a venire qui, avete fatto ciò che la Madonna vuole e si aspettava da voi. Voglio dirti una cosa: non hai sbagliato! Stai aperto, senza paura. non importa ciò che dicono coloro che non vedono il sole, non importa ciò che dicono i ciechi perché non vedono la luce! La tua esperienza e la grazia sono più forti. La grazia divina e la grazia che in questi giorni la Madonna desidera trasmettere, mettere nel cuore di tutti i pellegrini è forte, grande, chiara, è una grazia particolare. Voi che come popolo siete molto devoti alla Madonna e avete una tradizione cristiana dal primo giorno della Chiesa, voi come popolo italiano siete responsabili della missione della Madonna nella Chiesa! Voi siete responsabili perché la Madonna abbia il posto giusto nella devozione cristiana e nella fede. Voi non potete costruire una generazione fanatica o atea! La vostra Chiesa ha esperienza della giusta devozione, della chiara devozione, della fede sicura.

Pochi giorni fa ho sentito un teologo: come non sa che cosa crede! Non crede! Segue se stesso, segue la propria fede con le cose che non hanno valore e lascia la sicurezza e chiarezza che può illuminare il cuore di ciascuno di noi. E' pericoloso quando il profeta non conosce la strada, è pericoloso quando il padre di famiglia non sa dove si trova l'interruttore per accendere la luce, quando una cuoca non sa dove è il sale nella cucina o non sa come si accende la stufa! Non si può così: dobbiamo sapere che la Madonna desidera svegliarci, sciogliere tutti questi veli, tutta questa nostra debolezza e darci la luce e la sicurezza, come a Lourdes: "Io sono l'Immacolata Concezione". La Madonna non ha avuto paura di dire così! Non ha avuto paura a chiedere all'Angelo "Come è possibile? Non conosco uomo"! Non ha avuto paura a dire a Gesù: "Perché hai fatto così a tuo padre e a me?". non ha avuto paura a dire a Cana e negli altri attimi della vita di Gesù: "Guarda, Figlio, hanno bisogno, fai così!". Gesù ha risposto nel tempio e anche l'Angelo ha risposto.

Il Cielo è sempre capace di rispondere e vuole rispondere quando non è chiaro nel tuo cuore, ma non può essere chiaro nel tuo cuore se non imiti la Madonna! Non esiste un teologo superbo: la teologia superba non è cristiana! Cristo è umile! La Teologia, il pensiero cristiano, è nato in ginocchio! Non esiste una devozione che non imiti la Madonna che è ancilla Domini, serva, umile, obbediente alla voce di Dio. Questa dimensione è stata persa, dobbiamo in questi giorni riscoprire questi valori e proteggerli nelle nostre famiglie. Voi genitori dovrete fare con grande responsabilità fare una domanda ai vostri figli: "Figlio, perché tu mi hai fatto così?". I tuoi antenati ti domandano: "Che cosa hai fatto della preghiera in famiglia? Che cosa ne hai fatto della Bibbia? Cosa ne hai fatto della devozione cristiana, con una storia, con una eredità che hai ricevuto dai tuoi antenati?". Oggi senza paura risuona una parola: la Madonna non si vergogna a dirti "Fai digiuno!". Non ha paura di dire che non serve continuare così! (...) Non è cristiano e non è giusto vivere come vive oggi l'Italia! Non è giusto vivvere come vivono i Sacerdoti! Non è giusto vivere come vivono i genitori! Questo è ciò che la Madonna desidera aprire. lei non ha detto: "Va bene così, provate un po'", no! Lei ha detto: "convertitevi! Non è giusto così!". In questa nostra generazione si sente una chiamata a lasciare i vostri sbagli, dovrete diventare CARI FIGLI, giusti, che seguono la strada chiara e giusta che abbiamo ricevuto dai nostri antenati e dalla Chiesa. Per questo la Madonna è rimasta nella Chiesa a Medjugorje: per insegnarci, cambiarci, pulirci, guarirci, illuminarci. Per mandarci a casa e dire: "Fate tutto quello che avete visto, fate tutto quello che avete iniziato qui! Fate tutto quello che avete sentito e provato!".

Cari fratelli, vi invito nel Nome della Madonna, fate tutto ciò che avete sentito dai roveti sul Podbrdo, da quelle pietre che sono state lavate mille, mille, mille volte dalle lacrime, dal sangue! Vi aspettano come testimoni per spiegarvi una storia meravigliosa! Fate tutto quello che avete sentito dai testimoni! Fate tutto quello che avete sentito attraverso lo Spirito Santo che vi chiama! Confessatevi, lasciate qui la vita passata e iniziate a vivere una vita nuova! Non aver paura di coltivare la voce che hai sentito durante la Via Crucis andando sul Krizevac! Prima di te milioni di persone sono venute e hanno detto: "Io ho incontrato sul Krizevac la Madonna, il mio cammino giusto, ho incontrato la mia strada giusta, la mia conversione!". Credimi, tutti i luoghi sono pieni di un'atmosfera che desidera far nascere in te la grazia e proteggere la grazia. sono come il deserto dove si può dire a satana: "Vai via!", dove si può dire a satana come Gesù nel deserto, dove si può dire, come Gesù nel Getsemani, "Padre sia fatta la Tua Volontà!". Caro fratello e sorella, tu sei un pellegrino: non aver paura di stare davanti a Gesù, davanti alla Madonna, perché sei il caro figlio, sei un figlio che è capace a sentire, amare, conoscere la voce di Dio e di vivere come testimone e profeta. Non temere di imitare la Madonna e di mettere in pratica tutto ciò che ha detto a noi! Amen".

(REGISTRAZIONE E SBOBINATURA A CURA DI MANUEL - http://reginapace.altervista.org)