Maria a Medjugorje Message of May 2, 2014:Dear children, I, your mother, am with you for the sake of your well-being, for the sake of your needs and for the sake of your personal congnition. The Heavenly Father gave you the freedom to decide on your own and to become cognizant on your own. I desire to help you. I desire to be a mother to you, a teacher of the truth – so that in the simplicity of an open heart, you may become cognizant of the immeasurable purity and light which comes from it and shatters darkness, the light which brings hope. I, my children, understand your pain and suffering. Who could understand you better than a mother? And you, my children? Small is the number of those who understand and follow me. Great is the number of those who are lost - of those who have not yet become cognizant of the truth in my Son. Therefore, my apostles, pray and act. Bring the light and do not lose hope. I am with you. In a special way I am with your shepherds. With a motherly heart I love and protect them, because they lead you to Heaven that was promised to you by my Son. Thank you.

Maggio 1990: LE OTTO E UNA NOTTE SUL PODBRDO

MESSAGGIO del 25 Maggio 1990. "Cari figli, oggi v'invito a decidervi con serietà a vivere questa novena (Pentecoste): consacrate il tempo alla preghiera e al sacrificio. Io sono con voi e desidero aiutarvi, perché cresciate nella rinuncia e nella mortificazione, per poter capire la bellezza della vita di quelle persone che si donano a me in modo speciale. Cari figli, Dio vi benedice di giorno in giorno e desidera il cambiamento della vostra vita. Perciò, pregate per poter avere la forza di cambiare la vostra vita. Grazie per aver risposto alla mia chiamata".




Anche questa sera Marija racconta i tempi delle prime apparizioni. "La Gospa ci chiedeva spesso di pregare per le sue intenzioni e per i piani che stava realizzando. Un giorno ci ha chiesto di fare una grande novena per qualche cosa di molto importante e invitò tutto il villaggio ad andare sulla collina tra le due e le tre del mattino per pregare, per nove giorni. Gran parte del villaggio ha risposto. La Madonna ci appariva (a noi veggenti) e durante la nona notte è successa una cosa incredibile.

Mentre noi avevamo l'apparizione, quelli del villaggio hanno visto le stelle cadere dal cielo e dirigersi verso il luogo dove stava la Gospa, come se la sua presenza agisse da calamita. Le stelle scivolavano su di Lei formandole intorno una specie di mantello di luce, poi cadevano a terra e toccando il suolo schizzavano verso il cielo moltiplicandosi all'infinito. La gente del villaggio, vedendo le stelle cadere in quel modo dal cielo, ha avuto una grande paura e alcuni si sono messi a urlare. Dicevano: "Ecco la fine del mondo! E' la fine del mondo!" Hanno avuto una tale paura che sono rimasti tutta la notte a pregare sulla collina. Ma noi veggenti non avevamo visto nulla di tutto questo, perché durante l'apparizione la Gospa era come tutti i giorni e noi non vedevamo nè il cielo, nè le stelle, nè niente di ciò che succedeva intorno a noi.

Dopo l'estasi, la gente del villaggio ci ha raccontato tutto. Allora ci siamo molto rallegrati, perché a quell'epoca minacciavano in continuazione di mandarci in prigione. Ci siamo detti: - Bene, quando saremo in prigione, tutto il villaggio potrà testimoniare al posto nostro quello che la Gospa fa qui. Ora Lei ha dei nuovi testimoni! -

Fonte: Suor Emmanuel

Visite: 1220

TAGS: Suor Emmanuel