Maria a Medjugorje Messaggio del 25 agosto 2003:Cari figli, anche oggi vi invito a ringraziare Dio nel vostro cuore per tutte le grazie che vi dà anche attraverso i segni e i colori che sono nella natura. Dio desidera avvicinarvi a sé e vi esorta a dare a Lui gloria e lode. Perciò vi invito di nuovo, figlioli, pregate, pregate, pregate e non dimenticate: Io sono con voi! Intercedo presso Dio per ognuno di voi fino a che la vostra gioia in Lui sia piena. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

Giugno 1994: DUE CONTRATTI PER LA FELICITA

MESSAGGIO del 25 Giugno 1994. "Cari figli, oggi gioisco nel mio cuore, guardando a tutti voi presenti. Vi benedico e v'invito tutti a decidervi a vivere i messaggi che qui vi do. Io desidero, figlioli, condurvi tutti a Gesù, perché Lui è la nostra salvezza. Perciò, figlioli, quanto più pregate, tanto più sarete miei e del mio Figlio Gesù. Vi benedico tutti con la mia benedizione materna e vi ringrazio per aver risposto alla mia chiamata".




Jelena Vasilj molto felice a Roma dove segue teologia all'Università domenicana dell'Angelicum. Colpisce sempre coloro che l'ascoltano per la sua saggezza e la sua grande profondità di pensiero. Alla mia domanda: - Che cosa ti insegna la Gospa in questi tempi, attraverso le locuzioni? - Ha risposto: "Dio è presente in ogni dettaglio della nostra vita, nella più piccola azione della nostra giornata, negli aspetti più materiali e apparentemente più insignificanti. Egli si dà a noi totalmente in ogni istante e noi abbiamo torto a limitare la nostra accoglienza e la nostra relazione con Lui in orari a parte. Certamente ci devono essere dei tempi in cui ci si ferma con Lui ma non dimentichiamo di aprirci a Lui ogni secondo, saremo cosi arricchiti dal dono costante della sua presenza e il più piccolo istante acquisterà un immenso valore. E' ciò che viveva la Madonna sulla terra: una comunione permanente con Lui." Jelena ha ora venticinque anni e non ha ancora deciso quale indirizzo dare alla sua vita. importante - dice - è che io sia completamente nel presente. Non mi preoccupo affatto per l'avvenire perché Dio lo conosce. Che mi sposi o no, non ha importanza per me, non è un problema perché Dio riempie completamente il mio cuore. Ogni donna è chiamata alla maternità, e a darsi per amore, che è la miglior cosa per lei, ma ci sono mille modi di vivere questa maternità, non solo nella carne. Imparo da Maria a essere madre delle anime anche davanti ai libri! Il mondo non lo capisce e tuttavia muore per man­canza di maternità..."

L’abbandono a Dio? Un contratto sicuro....! Un altro tipo di contratto mi ha particolarmente colpita recentemente, ecco come sono andate le cose: Marija stava accogliendo una grande folla e la sua amica Kat, di fianco a lei, aveva appena lo spazio necessario per tradurla. Mentre andava con lo sguardo ai pellegrini, ad un tratto è stata colpita da un volto che si staccava completamente dagli altri, un volto così luminoso che brillava come il sole in mezzo al grigiore. Gioia! Una gioia indicibile emanava da quel viso e Kat faceva fatica a concentrarsi sulla traduzione. Mai vista una gioia simile! Tuttavia l'uomo stava umilmente in fondo, contro il muro e niente nel suo aspetto esteriore lo faceva notare. Appena Marija ha finito il suo discorso, Kat l'ha lasciata senza scrupoli alle prese di quei cherubini di pellegrini avidi di foto, d'autografi e di tutto il resto e si è gettata verso quel sole che brillava presso il muro. Era un minuscolo prete, alto come un soldo di cacio e talmente vecchio che sembrava del secolo scorso! - Padre, mi scusi se la mia domanda è indiscreta ma mi piacerebbe molto sapere perché è cosi pieno di gioia. Sicuramente ha un segreto....

Il prete veniva dall'Italia e Kat osservando gli occhi più da vicino ha visto che malgrado la veneranda età aveva lo sguardo innocente di un bambino. - Glielo dirò signorina. Ho 95 anni. Quando avevo 5 anni mi sono accorto con tristezza che le persone si lamentavano continuamente, per qualsiasi cosa e questo mi ha colpito moltissimo. Sentivo anche che Gesù ne soffriva. Allora ho fatto un contratto con Lui e Gli ho promesso che per i primi cento anni della mia vita non mi sarei mai lamentato. Al contrario Lo avrei ringraziato per tutto, per le buone cose come per le sgradevoli e che avrei sempre celebrato il dono della vita. E devo dire, signorina, che ho mantenuto la promessa e durante tutti questi anni in cui ho celebrato la vita, il male non ha potuto mai toccarmi, ho evitato tutti i demoni! - Incredibile! Ma se ha già 95 anni, il suo contratto sta per finire! - ha risposto Kat ridendo. - Ci ho pensato l'altro giorno.. Allora ho detto a Gesù che ero pronto a rinnovare il contratto per i prossimi cento anni della mia vita! -

Fonte: Suor Emmanuel

Visite: 332

TAGS: Jelena VasiljSuor Emmanuel