Maria a Medjugorje Messaggio del 25 marzo 2011:Cari figli, oggi in modo particolare desidero invitarvi alla conversione. Da oggi inizi una vita nuova nel vostro cuore. Figli, desidero vedere il vostro “si” e che la vostra vita sia il vivere con gioia la volontà di Dio in ogni momento della vostra vita. Oggi in modo particolare Io vi benedico con la mia benedizione materna di pace, d’amore e d’unione nel mio cuore e nel cuore del mio figlio Gesù. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

Febbraio 1997: QUESTI 5 MILIONI, LI AVREMO!

MESSAGGIO del 25 Febbraio 1997. "Cari figli, anche oggi in modo particolare v'invito ad aprirvi a Dio Creatore e a diventare attivi. In questo tempo, figlioli, v'invito a vedere chi ha bisogno del vostro aiuto spirituale o materiale. Con il vosfro esempio, figlioli, sarete le mani tese di Dio che l'umanità cerca. Solo cosi capirete che siete chiamati a testimoniare e a diventare gioiosi portatori della Parola e dell 'Amore di Dio. Grazie per aver risposto alla mia chiamata".




Allison ha cinque anni e io conosco bene sua madre, Mary McDonel, che vive vicino a Chicago. Mi prende spesso in giro perché sua figlia conosce a memoria le mie cassette in inglese su Medjugorje. Gliene recita parti intere ripetendo anche i miei errori di sintassi... ahimè! Un giorno Allison chiede a sua madre: - Mamma, c'è una santa Allison? - - No, mia cara, peccato... credo proprio che non ci sia... - Allora, mamma, lo diventerò io! - Da quel giorno Allison si impegna duramente in questo progetto di diventare santa e non perderebbe mai un'occasione offertale dalla Provvidenza (scusate... la Divina!). Quando il libro "Bambini, aiutate il mio cuore a vincere" e arrivato in famiglia, sua madre glielo ha letto. La piccola però non ha voluto smettere prima dell'ultima pagina, tanto beveva avidamente ogni parola. Finita la lettura, sua madre ha voluto fare altre cose, ma la piccola ha insistito: - Ora mamma, bisogna cominciare subito le preghiere e i sacrifici per aiutare la Madonna! Mary è una convertita di Medjugorje, con un passato piuttosto difficile ed è fortemente convinta che se la sua vita è uscita dall'abisso, lo deve alla preghiera. Ha accettato dicendo: - Certo cara, come pensi di fare? - Vieni in camera mia! - La camera di Allison assomigliava alla camera di tutti i bambini americani: una gran quantità di giocattoli e di oggetti di tutti i tipi. Allison ha visto subito le sue carissime bambole. Ha preso la sua preferita, l'ha data alla madre e ha detto: - Diamo questa bambola a Kate (la sua sorellina). E questo a Don, (suo fratello Donald). - Poi con una calma e una gioia che ha sconvolto sua madre, la piccola Allison ha preso ad uno ad uno i suoi giocattoli preferiti e li ha distribuiti ai suoi amici. "Questo per il tale, questo per il talaltro". Un vero "Tornado bianco"! Mary tratteneva a stento le lacrime. Quel giorno i sacrifici erano appena cominciati per Allison. Mary mi dice a volte: "Mi chiedo che cosa Dio stia preparando per lei...?" Intanto Allison è una gioia per la sua famiglia, con la sua presenza di spirito. Un altro giorno, mentre Allison accompagnava sua madre in chiesa, ha scoperto l'incenso che si innalzava davanti al Santissimo, che era esposto. - Mamma, che cos'è? - - E' incenso, cara. Vedi, è come le nostre preghiere, sale, sale verso il Cielo e senti che buon odore ha? - Mamma, l'incenso entra nel mio cuore ! - No, cara, non nel tuo cuore, in Cielo. - Ma mamma, il Cielo è nel mio cuore! - Padre Pio, vedeva l'invisibile.

Più si identificava in Cristo, nel suo corpo e nella sua anima, più scopriva meravigliato la bellezza dei bambini e il ruolo primario che sono chiamati a svolgere in questi tempi in cui la stragrande maggioranza dell'umanità ha perso la strada di Dio. Ripeteva spesso: i bambini salveranno il mondo!" Un giorno, vedendo, che la sua corsa stava per finire, ha chiamato un giovane frate del suo convento, nel quale indovinava un' anima ardente: - Andrea, gli ha detto, ascoltami bene: basterebbero 5 milioni di bambini per salvare il mondo. Quando non ci sarò più, forma dei gruppi di bambini. Falli pregare, adorare, insegna loro a fare dei sacrifici. Che tutti si consacrino al cuore Immacolato di Maria. In questo momento, è la cosa più importante da farsi. - Allora Padre Andrea, ha incominciato con mezzi umili a formare un vero esercito di piccoli oranti, secondo i messaggi di Fatima. Si accorge spesso che i più ricettivi alla sua chiamata sono i gruppi di Medjugorje. Durante un grande incontro su Medjugorje, negli USA, ci ha raccontato le confidenze di Padre' Pio sui bambini e ha detto gridando: -Ho già un milione di bambini, dove troverò i quattro milioni che mancano? - E se noi offrissimo a Dio il nostro milioncino di bambini? Dopo tutte le sciocchezze che abbiamo fatto in questi ultimi decenni, anche con le nostre leggi, non sarebbe proprio una cattiva idea...?!

1997 La Gospa ci invita a essere aperti al nostro Creatore e a diventare attivi... Ho una buona notizia per Lei: i nostri angioletti sono molto attivi! Riceviamo a getto continuo i libretti dei bambini sui quali hanno "colorato le loro vittorie" dopo aver offerto preghiere e fioretti. Ecco qualche preghiera scelta dai loro libretti, ortografia compresa... "Noi vinceremo maria, te lo prometo.. grazie prima ancora" (Aude, 9 anni). "Grazie Gesù di accendere la luce per quelli che sono nel nero" (Viola, 7 anni). "Maria, ho sempre paura di tutto. Ti chiedo di aiutarmi a vincere le mie paure, ti tendo le mani, dammi la tua, devo imparare a nuotare" (Aurora 10 anni). "Signore e Maria, aiuta la tua povera peccatrice (Biandine, li anni). "Per me non è sempre tanto facile, ma a Te cercherò di renderti felice, non ti dico che ce la faccio, ma ci provo per Te!" (Matteo 10 anni). - "Maria, ferma le guerre nel mondo, fai che tutti gli uomini di amano, i bianchi, i neri, i gialli e anche gli indiani" (Emilia, 9 anni). - "Maria ti amo e ti chiedo di abbracciare mio papà in celo" (Maria,6 anni). "Mi auguro che mio padre un giorno finisca per capire la vita di Gesù" (Coralie, 9 anni). "Maria, aiuta i sonati (Manon, 8 anni). "Cara mamma, per me tu sei tutto, mi proteggi, sei mia mamma celeste, mia rosa mistica..." (Maria, 8 anni). "Maria ti amo e lo sai senz'altro perché il bene che ti voglio, per me è più forte di tutto. Più di tutto fai fermare le guerre, quando si combatte, non c'e piu niente" (Audry, 9 anni). "Guarisci la mia asma, l'occhio sinistro, i denti. Per essere sana sempre. La mia preghiera è che Gesù guarisce la mia mamma per seguire meglio la Messa; che papà e mamma non si arrabbiano più" (Amelia, 8 anni). "Guariscimi dai pidocchi, dalle sue uova, dai miei pensieri cattivi. Prego perché al mio papà ci piaccia andare a Messa.

Spero che lo Spirito Santo continua a scendere sulla Sonia" (Christel, 8 anni). "Capisco il tuo male quando ai visto con gli occhi la morte del tuo figlio sulla croce. Maria fai che le famiglie non bisticciano più e che il diavolo le lascia in pace" (Isabella, lì anni). "...adesso per farmi perdonare proprio da te, anche se so che non sei arrabbiata, ti faccio questo atto di consacrazione. Maria oggi ti do il mio cuore e porto a casa mia il tuo cuore immacolato perché così mi insegni a voler bene come tu vuoi bene... Firmato: la tua figlia preferita :Jennifer" (10 anni). "Signore, dai la gioia alle famiglie senza del mangiare, perché saranno saziati" (Gianni 8 anni). "Maria so che il mio papà tornerà ma ti chiedo di aiutarmi a resistere fino a che ritorna ma fallo tornare presto. Ti do il mio cuore in questa novena, che io lo spero ti fa piacere. Camilla che ti vuole tanto bene" (10 anni). "Cara Maria, come lo vedi, sono tutta emozionata di cominciare la mia novena. Mamma dice che Gesù e tu sono dappertutto sulla terra nello stesso tempo. E' vero? Se prego e con tutto il cuore andrò in celo? Mi puoi aiutare a fermare i peccati? Spero che risponderai si a tutte queste domande. Ti vedrò un giorno? Forse ti annoio? Se si tu non sei obbligata di leggere la mia lettera ma io continuo perché sono sicura che la leggi" (lettera di Myriam).

Nessuno potrà mai capire quaggiù l'impatto della piccola Giacinta di Fatima sui piani di Dio. Aveva appena sei anni quando fu invitata dalla Madonna a offrire sacrifici per i peccatori. Nella catechesi di oggi chi osa guidare i bambini in questa avventura dell'offerta e del suo indicibile potere sul cuore di Dio? Molti adulti programmano i loro propri freni... ma genitori sempre più numerosi afferrano la mano della Gospa e educano bene i loro bambini. Ecco qualche esempio di sacrificio dei loro deliziosi marmocchi: "Sopporterò quando mi faccio male; continuerò la novena anche quando non ho voglia" (Florian 7 anni). "...le sofferenze, nella mia famiglia divisa" (Amandine, 7 anni). "...di essere stata il ladro, quando toccava a Clara" (Maria, 10 anni). "Non ho chiamato la mamma per fare pipì e ci sono andato da solo" (Edoardo, 6 anni, dopo un'operazione). "Non ho guardato la telenovela e sono andata a Messa" (Giulia, 10 anni). non bagnare Roland, quando è secco" (Marie, 9 anni). Aiutami per piacere a non perdere il coraggio di fianco ai sacrifici" (Maude, 9 anni). "...mettermi in ginocchio con le braccia aperte a croce" (Blandine lì anni). "Il mio sacrificio è di soffiarmi sempre il naso" (Amelia, 8 anni). "Ho ripassato delle lezioni in più, nel bagno; ho tagliato la siepe con la mamma invece di giocare" (Thibaut, 10 anni). "Non ho gridato per avere tutte le cicche; non ho riposato molto quando lavoravo" (Agnese, 10 anni). "Ho lavato i denti, ho trovato di nuovo il tappo" (Lucia, 7 anni). "Non ho picchiato a mia sorella" (Jean, 8 anni). "Ho lasciato Antonio aprire il pacco di salsicce; l'ho lasciato fare il bagno per primo; ho aiutato Antonio a trovare il temperino" (Melania, 8 anni). Si, certi bambini sono così attivi che a volte fanno aprire gli occhi a chi sta loro accanto. Matteo ha sette anni e un prete amico l'ha fatto partecipare per un anno a una preghiera di "Bambini Adoratori". All'inizio dell'anno seguente, sua madre gli ha fatto notare: - Vai già al catechismo, che bisogno c'è di andare anche ai "Bambini Adoratori"?! - - Ma mamma, perché non capisci! Al catechismo imparo a conoscere Gesù e ai "Bambini Adoratori" imparo ad amarlo!

A volte, durante alcune "missioni-bambini" invitiamo i più piccoli a chiudere gli occhi e a cercare nel cuore che regalo possono offrire a Maria prima di sera. Quando chiediamo "Chi ha trovato che cosa dare?" Quasi tutti alzano la mano dicendo: "Io! Io!" e ci si deve imporre perché la riunione non si trasformi in una specie di "vendita all'asta". I bambini capiscono più in fretta di noi le cose di Dio. Non hanno avuto il tempo di vaccinarsi contro lo Spirito Santo e poi, non sanno ancora fare i conti molto bene... A volte gli insegnanti dicono con le lacrime agli occhi: "Dopo quello che è successo, non potremo più fare il catechismo come prima..." Si, credo che in quei giorni, molto prima del tramonto del sole, la Gospa faccia il suo giro nel cuore dei bambini e sia felice di poter riempire fino all'orlo il suo cesto dei teson.. A quando le prossime collette?

Fonte: Suor Emmanuel

Visite: 304

TAGS: Suor Emmanuel