Maria a Medjugorje Messaggio del 3 marzo 1986: Guardate: io sono presente in ogni famiglia e in ogni casa, sono dovunque perché amo. Vi può sembrare strano ma non lo è. E’ l’amore che fà tutto questo. Perciò dico anche a voi: amate!

Intervista di Kiko Argüello a EL SEMANAL del 25/01/2004




El Semanal: Lei studiò Belle arti ed ottenne, essendo molto giovane, importanti premi di pittura. Era già allora un artista di successo, dipinge ancora?
Kiko Argüello: No, abbandonai quando mi dedicai a predicare il Vangelo. Io sono innanzitutto un catechista, non un pittore. Sebbene in seguito, in un paio di occasioni, alcuni anni fa, , mi chiesero di realizzare in diverse chiese d'Italia qualche lavoro e l'ho fatto.
El Semanal: Come è stato scritto, dipingerà anche l'abside di Almudena. Che cosa vuole rappresentare in questa occasione?
Kiko Argüello: (Evita la risposta) A me interessa parlare di quello che tu pensi del Cammino Neocatecumenale. Quale conclusione hai tirato fuori?
El Semanal: Veramente lo vedo un po' apocalittico. Soprattutto quando afferma che "l'essere più profondo dell'uomo è morto.”.
Kiko Argüello: (Si arrabbia un po') Questa è l'immagine che alcuni giornalisti si impegnano a dare. Lo dicono loro, non io, e non è così. Io non predico un messaggio apocalittico, al contrario: quello che vogliamo è annunciare il messaggio della salvezza, la morte e resurrezione di Cristo (Il kerigma). Io dico che gli uomini hanno paura della morte, e per questo motivo cercano di fuggire, di scappare da questo dolore, e si separano gli sposi, ci sono divorzi, aborti, eutanasia, odio, e le coppie non vogliono avere più di uno o due figli…
El Semanal: Crede realmente che molte coppie non vogliono avere più di due figli o si separano perché hanno paura della morte? Le coppie neocatecumenali non si separano?
Kiko Argüello: No perché credono che il matrimonio è un sacramento indissolubile e che la paternità responsabile non è avere uno o due figli. Ti spiego perché la gente ha paura della morte. Se tu vedi che tuo marito ti inganna (tradisce), che non lo vuoi più, che ti tratta male… allora reagisci con paura, vuoi fuggire da questa situazione hai paura della morte, intesa come dolore, come paura alla sofferenza che sta crescendo dentro di te: e vuoi fuggire, separarti, divorziarti… Allora, quello che devi fare è chiedere a Cristo che ti aiuti che ti dia forza. Se lo fai si aprirà in te una piccola porta attraverso la quale entrerà lo Spirito Santo che ti inonderà con la sua grazia e ti aiuterà a perdonarlo, a capirlo, ti insegnerà a desiderare di nuovo tuo marito, a non odiarlo, ad amarlo come il primo giorno.
El Semanal: Quello che è da pensare allora e che non abbiamo fede nello Spirito Santo capace di fare rivivere tutto questo, di risuscitare sentimenti che ormai non esistono.
Kiko Argüello: Perché la società attuale si sta paganizzando, perché non viviamo il Vangelo, perché la gente non ha vita interiore, perché ciò che domina è il denaro, il successo… Io quello che pretendo di offrire alla Chiesa è, dinanzi a un nuovo paganesimo, un nuovo catecumenato. Quali soluzioni danno le parrocchie? È necessario una graduale un'iniziazione cristiana vissuta in comunità che fortifichi la fede degli adulti e renda visibile l’amore di Gesù Cristo.
El Semanal: Davvero lei arrivò a pensare al suicidio?
Kiko Argüello: Si perché concepii un'esistenza senza Dio dove tutto era assurdo…
El Semanal: Bisogna abbandonare tutto e vivere in forma austera per giungere alla salvezza?
Kiko Argüello: No, non è così. Io non predico questo. Ciò che affermo è che per l'azione dello Spirito Santo in noi possiamo uscire dalla schiavitù del denaro, dei nostri idoli e concupiscenze, e donarci agli altri; ma non come un moralismo o imposizione, bensì come una grazia che proviene dall'esperienza dell'amore di Cristo.
El Semanal: Lei andò a vivere in una baracca perché, dice, «non accettavo essere un borghese come i miei genitori».
Kiko Argüello: Si però questo fu in gioventù. La gente cambia. Quello che volevo era non ingannare me stesso. Ora pretendo di predicare il vangelo per contrastare la secolarizzazione attuale.
Durante la nostra conversazione, Kiko regge una bibbia rilegata in argento, con un pesce inciso nella sua parte anteriore ed una croce di David nella posteriore: «Questa è mia moglie, io la chiamo così perché mi accompagna sempre dappertutto»

Visite: 261

TAGS: Cammino NeocatecumenaleKiko Arguello