Maria a Medjugorje Messaggio del 1 marzo 1984:Smettete di parlare, e pregate per l’unità della parrocchia perché mio figlio ed io abbiamo un programma particolare che riguarda questa parrocchia.

Intervista di Padre Livio da Radio Maria a Jacov Colo - Parte 6




PADRE LIVIO: Teniamo sempre lo sguardo sul futuro e spiegami, se ti è possibile, che cosa significa l'affermazione della Madonna, secondo la quale queste sarebbero le sue ultime apparizioni sulla terra.

JAKOV: Penso che la gente abbia interpretato male questo messaggio.

PADRE LIVIO: Che cosa intendi dire?

JAKOV: Penso che la Madonna volesse dire che queste sono le sue ultime apparizioni "così".

PADRE LIVIO: "Così", cioè?

JAKOV: Così lunghe.

PADRE LIVIO: Ah, così lunghe!

JAKOV: Così lunghe e a così tanti.

PADRE LIVIO: Spiegati meglio.

JAKOV: Noi eravamo in sei... Le apparizioni durano tantissimo, con così numerosi messaggi. Penso che la gente abbia interpretato male. Penso che la Madonna intendesse questo.

PADRE LIVIO: Cioè la Madonna voleva dire che questo tipo di apparizioni sono le ultime sulla terra?

JAKOV: Sì, questo tipo di apparizioni.

PADRE LIVIO: Non ci saranno più in questo modo. Sono una cosa unica.

JAKOV: Sì, infatti. Però la gente ha interpretato diversamente.

PADRE LIVIO: Ho capito. Quindi, quando la Madonna dice: "Queste sono le mie ultime apparizioni sulla terra", vuoI dire "questo tipo" di apparizioni?

JAKOV: Sì, così lunghe, a così tanti veggenti, con così tanti messaggi.

PADRE LIVIO: Una cosa così grandiosa...

JAKOV: Sicuramente.

PADRE LIVIO: La Madonna in pratica ha fatto da Maestra a un' intera generazione!

JAKOV: Ah, sicuramente, perché tanti sono cresciuti a Medjugorje con la Madonna. Per esempio, soltanto adesso posso dire di essere un uomo. Al momento delle apparizioni ero un bambino. Appartengo a una generazione che è cresciuta proprio con la presenza della Madonna lì.

PADRE LIVIO: Quindi solo la nostra generazione avrà questa grande grazia?

JAKOV: Sì.

PADRE LIVIO: Non ci sarà più un evento così grande, ma se non avremo accolto questa grazia, ci sarà un rimpianto.

JAKOV: Sicuramente. In tanti abbiamo accettato questa grazia, ma purtroppo anche in tanti non l'hanno accettata. Vorrei toccare anche un altro problema, di tanti che vengono a Medjugorje e che poi vogliono stabilirsi qui. Sono d'accordo che qui vengano pellegrini a cercare Dio e a pregare, però poi ognuno deve ritornare a casa sua, perché la Madonna ci vuole testimoni nelle nostre case.

PADRE LIVIO: Questo fa parte del suo piano...

JAKOV: ... Ed è nel nostro ambiente che dobbiamo testimoniare la Parola di Dio, i messaggi della Madonna.. tutto. Ci sono dei pellegrini che, arrivando a Medjugorje, dicono: "Noi qui ci troviamo bene, preghiamo tanto..."

Sicuramente, perché tanti lasciano i loro problemi quotidiani a casa ma, quando ritornano, dimenticano tutto quello che hanno imparato qui e questo è un problema.

La Madonna ci vuole testimoni nelle nostre case ed è li che dobbiamo coltivare quello che lei ci ha dato a Medjugorje e sono sicuro che nessuno parte da Medjugorje a mani vuote. Tutti siamo stati invitati dalla Madonna e a tutti lei dà qualche cosa.
PADRE LIVIO: E’ vero quello che si dice e cioè che non si arriva mai per caso a Medjugorje?

JAKOV: Non si arriva per caso. Basti guardare al "Festival dei giovani". Credo che siano arrivati in circa ventimila giovani.

PADRE LIVIO: È una cifra che cresce ogni anno.

JAKOV: Se guardiamo al mondo, noi vediamo che tanti vanno in ben altri posti, alle Maldive, ai mari esotici, ecc... Ma quei ventimila perché sono venuti a Medjugorje, a stare dodici ore al sole, per ascoltare noi veggenti? Sono venuti perché sono stati invitati dalla Madonna.

PADRE LIVIO: Sono davvero, ognuno di loro, stati chiamati dalla Madonna?

JAKOV: Sicuramente.

PADRE LIVIO: La Madonna ci chiama al suo servizio, perché ha bisogno di noi.

JAKOV: Sì, ci chiama tutti e ci utilizza tutti.

PADRE LIVIO: Ci valorizza tutti nel suo piano di salvezza.

JAKOV: Sì, in seguito, però, quello che la Madonna ci ha donato dobbiamo coltivarlo nelle nostre case e farlo crescere dentro di noi, ma purtroppo, tanti lo perdono.

PADRE LIVIO: Che cosa consigli tu a coloro che, ritornando a casa, rischiano di perdere quello che hanno ricevuto?

JAKOV: Di incominciare subito a vivere. Non dire: "Domani incomincio a recitare il rosario".

PADRE LIVIO: "Domani" e la parola preferita dal demonio.

JAKOV: Oppure: "Domani comincio a digiunare".

PADRE LIVIO: Da qui a domani la decisione si dissolve.

JAKOV: Devo dire: "Comincio oggi stesso!" e ringraziare Dio di quello che abbiamo ricevuto.

PADRE LIVIO: Consiglio eccellente!

JAKOV: E poi chiedere sempre l'aiuto di Dio e donarsi alla Madonna e dire: "Ti dono il mio cuore, ti dono la mia vita". Questo è importante!

PADRE LIVIO: Senti, Jakov tu sei stato alla scuola della Madonna dai dieci fino agli attuali ventotto anni. La Madonna molte volte ci ha invitato alla santità. Tu come hai preso questo invito? Ai tuoi occhi di ragazzo non ti è sembrato qualcosa di troppo impegnativo?

JAKOV: Ma, non penso che diventerò santo. Quando la Madonna ci invita alla santità non significa che dobbiamo diventare tutti dei santi...

PADRE LIVIO: Dei santi canonizzati ed elevati agli altari...

JAKOV: Penso che la sanità è una vita, una vita cristiana, una vita che la Madonna ci invita a fare con. Dio, una vita con Gesù, una vita di preghiera, di santa Messa, di conversione. Questa è la santità.

PADRE LIVIO: Non ti sembra che sia un po' barboso per dei giovani questo tipo di vita?

JAKOV: No, perché posso garantirvi che anch'io ero e sono giovane e...

PADRE LIVIO: Anche adesso sei giovanissimo.

JAKOV: Sono giovane anche adesso e non rinuncio a niente. Vivo la mia giovinezza come mi è sempre piaciuto viverla.


PADRE LIVIO: Che cosa vuol dire "Non rinuncio a niente"?

JAKOV: Per esempio, se mi piace andare in un bar a bere un caffè, ci vado. Se mi piace un paio di calzoni, lo compro. Però quello che conta è che tu abbia dei valori nella vita. Se vai in discoteca, tu sai come da cristiano devi comportarti in quell'ambiente. Quando esci con gli amici non dici le bestemmie, perché tu hai i tuoi valori.

PADRE LIVIO: Senti, non so come siano le discoteche in Erzegovina, ma qui da noi mi pare che l'ambiente sia molto più degradato. Non c'è solo musica, ma anche sesso e droga. Sono spesso luoghi in cui satana tende le sue reti.

JAKOV: Ve lo posso dire, nella mia vita sono stato due volte in discoteca.

PADRE LIVIO: È una confessione?

JAKOV: Sì, lo confesso. Sono stato due volte e non mi è piaciuto. Forse però non tutti i posti sono uguali. Penso che fra amici possiamo trovarci benissimo insieme in un bar a bere un caffè. Quando hai Dio, puoi stare con gli amici, avendo, però, dei valori dentro.

PADRE LIVIO: Dobbiamo però distinguere fra luoghi moralmente sani e luoghi pericolosi per l’anima.

JAKOV: Si, sicuramente.

PADRE LIVIO: Volevo ritornare su un argomento che forse voi veggenti non gradite molto, ma alla gente interessa e non solo per vana curiosità: quello dei segreti. Mi pare che di essi qualcosa si sappia. Per esempio per quanto riguarda il terzo segreto.

JAKOV: Adesso, ti dico tutto quello che posso dirti e poi basta.

PADRE LIVIO: Ci è sufficiente sapere ciò che la Madonna vuole che si sappia.

JAKOV: Come molti sanno, la Madonna fin dall'inizio ci ha detto che avrebbe dato dieci segreti a tutti (i sei veggenti).

PADRE LIVIO: È qualcosa di molto più impegnativo di Fatima, almeno per quanto concerne il numero.

JAKOV: Fino a questo momento siamo in tre che abbiamo ricevuto i dieci segreti (Mirjana, Ivanka, Jakov) e non riceviamo più le apparizioni quotidiane. Questi segreti che la Madonna ci ha rivelato non sappiamo se sono uguali gli uni con gli altri, perché fra noi non ne abbiamo mai parlato.
PADRE LIVIO: Niente?

JAKOV: Niente. Noi li possiamo rivelare solo quando la Madonna ci dà il permesso.

PADRE LIVIO: Anche tu?

JAKOV: Anch'io. Quando la Madonna mi dà il permesso, li posso dire agli altri. Non penso a questi segreti e non ho paura. Non mi pesa di portali. Questo è tutto quello che posso dire.

PADRE LIVIO: E per quanto riguarda il terzo segreto? Gli altri veggenti hanno potuto rivelare qualcosa, parlando di un segno che la Madonna lascerà sulla montagna delle apparizioni.

JAKOV: Sì, posso dire che la Madonna ha promesso di lasciare un segno sulla montagna delle apparizioni, che sarà permanente e visibile a tutti.

PADRE LIVIO: E sarà bello?

JAKOV: Bellissimo.

PADRE LIVIO: Bellissimo? Ah, caspita! E potremo vederlo da qui?

JAKOV: No, no. Dovete venire a Medjugorje.

PADRE LIVIO: Sarà probabilmente un segno biblico. Una nube luminosa, ad esempio. La Madonna ama i riferimenti biblici. Ma lasciamo perdere. Ho sentito dire che i segreti, almeno alcuni, che ha Mirjana, riguarderebbero il futuro del mondo. Si tratterebbe di avvenimenti che accadranno necessariamente. Tu ne sai qualcosa? 

JAKOV: Non so. Non posso dire niente.

PADRE LIVIO: Tu sai solo ciò che la Madonna ha detto a te.

JAKOV: Non posso dire se è vero o non è vero quello che Mirjana ha detto. Non posso dire niente di questo.

PADRE LIVIO: Potresti dire se alcuni dei tuoi segreti riguardano te personalmente?

JAKOV: Non posso dire neanche questo.

PADRE LIVIO: Neanche questo? Sei più ermetico di Bernadette. Lei almeno rivelò che la Madonna le aveva dato tre segreti personali, che tuttavia non rivelò mai a nessuno. Un Vescovo una volta cercava di carpirle qualche cosa al riguardo, ma Bernadette lo redarguì dicendo: "Ma Eccellenza!" Come dire: "Lei che è Vescovo, non sa che i segreti di Dio vanno mantenuti?".

PADRE LIVIO: Ma soffermiamoci un momento sui giovani. Non so se a te la Madonna ha dato qualche messaggio al riguardo. A Vicka in un messaggio ha detto che i giovani si trovano in una situazione molto molto difficile. Che ne pensi tu di questo messaggio?

JAKOV: Ma sicuramente, perché penso che i giovani si trovano in momenti molto difficili.

PADRE LIVIO: Per quale motivo secondo te?

JAKOV: Perché tutto ciò che il mondo offre è un pericolo. Tutte le nuove tecnologie che oggi escono rappresentano un pericolo. I giovani cercano la felicità. Alcuni la cercano nella droga. Altri la cercano in altre cose che però sono ugualmente pericolose.

PADRE LIVIO: Sempre in quel messaggio dato a Vicka la Madonna ha detto che satana approfitta del vostro tempo libero.

JAKOV: Sicuramente anche delle nostre debolezze quando siamo deboli, quando cerchiamo le altre gioie e le altre felicità nelle cose pericolose. Lì satana è certamente presente e ci vuole distruggere nella nostra debolezza. Per questo la Madonna chiede il nostro aiuto invitandoci a pregare per i giovani.

PADRE LIVIO: Certo.

JAKOV: Affinché possano conoscere quell'unica pace e quell'unica gioia che viene soltanto da Dio.

PADRE LIVIO: Senti, a tanti giovani che sono lontani da Dio, a tanti giovani che, per esempio, vanno al sabato sera in discoteca e arrivano a casa al mattino della domenica, restando poi a letto fino alla sera senza mai andare alla Messa, che vengono a casa scontenti e sentono la nausea e il vuoto della vita, tu a questi giovani che cosa diresti?

JAKOV: Ma potrei raccontare loro la mia esperienza, così come ho fatto qui questa sera: cioè che l'unica gioia e l'unica pace che esistono al mondo vengono solo da Dio. Però vorrei richiamare anche i genitori alle loro responsabilità, perché se un giovane di quindici, sedici o diciassette anni resta fuori tutta la notte e poi lo lasciano a dormire tutto il giorno, questo dipende anche dai genitori. Tante cose dipendono dall'educazione dei genitori.

PADRE LIVIO: Non c'è dubbio. Ma senti: se uno dei tuoi figli, un domani che avesse diciotto anni, uscisse il sabato sera e rientrasse la domenica mattina, tu che cosa faresti?

JAKOV: Non lo lascerei mai!

PADRE LIVIO: No? Che cosa faresti? Lo sbatteresti fuori casa?

JAKOV: Ah sì!

PADRE LIVIO: Insomma, quando è necessario ci vuole il polso fermo dei genitori.

JAKOV: Ma sicuramente. Con i miei figli ad esempio io ho incominciato a far conoscere loro i valori della vita e non credo che cadranno in questa tentazione. Però, chissà che cosa potrà succedere nella vita. Non possiamo mai essere sicuri. Però se uno dei miei figli insistesse su quella strada, andrei a cercare un altro aiuto, fino a lasciarlo fuori casa se fosse necessario, perché lui deve capire che quello che tu gli chiedi è giusto.

PADRE LIVIO: Il metodo di suor Elvira insomma.

JAKOV: Anche.

PADRE LIVIO: Senti, Jakov, la Madonna invita i giovani a scoprire la grandezza e la bellezza della vita. Come possiamo fare per aiutarli?

JAKOV: Possiamo aiutarli come ho detto prima con la nostra testimonianza, ma anche con la preghiera. Con la preghiera possiamo fare tutto. Pregare per i nostri giovani, essere di esempio ai nostri giovani, affinché anche loro possano vedere in noi quella bellezza di Dio.

PADRE LIVIO: Qui in Italia c'è un fenomeno strano. Da noi molti giovani hanno paura di sposarsi, non escono di casa e rimangono nella famiglia di origine fino a quarant'anni. Tu, invece, hai solo ventotto anni e hai già una famiglia con tre bambini. Come mai, a tuo parere, c'è una così grande incertezza?

JAKOV: Penso che oggi, purtroppo, due persone hanno paura di legarsi veramente, di condividere anche i momenti difficili, oltre ai momenti di gioia. Hanno proprio paura! Oggi purtroppo mettiamo le condizioni su tutto. Per esempio, facciamo un figlio quando abbiamo la casa, quando abbiamo trovato il lavoro, quando abbiamo viaggiato: allora vogliamo un figlio. Non quando Dio lo vuole. Per noi tutto deve essere programmato. Ma questa non è vita! Non dobbiamo avere paura di legarci insieme, di formare nuove famiglie e di formare nuovi cristiani.

JAKOV: Ho tre figli e darei tutto per loro. Sono felicissimo e dico sempre grazie a Dio perché mi ha dato questi figli.

PADRE LIVIO: Si vede che sei felice di essere padre. Ma senti, secondo te la famiglia può essere una via di santità?

JAKOV: Ah, sicuramente. C'è un sacramento anche qui.

PADRE LIVIO: Non possiamo dimenticare che il matrimonio è un sacramento!

JAKOV: E la famiglia deve essere una famiglia veramente santa, che può aiutare tante altre famiglie nel mondo.

PADRE LIVIO: È vero che da ragazzino per un certo tempo hai avuto l'idea di andare in seminario?

JAKOV: Ma no!

PADRE LIVIO: Eppure l'ho sentito dire da qualche parte. Forse da qualcuno per il quale un veggente deve per forza abbracciare la vita religiosa.

JAKOV: Hanno detto tante cose che non sono vere. Non ho mai sentito il desiderio di andare in convento perché...

PADRE LIVIO: Non sentivi la vocazione?

JAKOV: Non avevo la vocazione. Mi sono sposato a ventidue anni e...

PADRE LIVIO: Però hai vissuto il compito di costruire una famiglia come una vocazione.

JAKOV: Sì, sicuramente.

PADRE LIVIO: Come un progetto di Dio.

JAKOV: Sì.

PADRE LIVIO: Attraverso il quale si può diventare santi.

JAKOV: Anche. Tanti non riescono a capire e dicono: "Ah, voi che siete veggenti vi siete sposati: dovevate scegliere la vita religiosa". Non riescono a capire che il matrimonio è un sacramento. Oggi molte famiglie sono in crisi e forse è un progetto della Madonna per essere di esempio verso queste famiglie.

PADRE LIVIO: Lo penso anch'io.

JAKOV: Per portare a Dio queste altre famiglie.

PADRE LIVIO: Infatti su sei veggenti cinque siete sposati e avete tutti una bella famiglia.

JAKOV: Proprio così.

PADRE LIVIO: E avete tutti tanti bambini.

JAKOV: Sì.

PADRE LIVIO: È un incoraggiamento che la Madonna ha voluto dare a tanti giovani.

JAKOV: Sicuramente. Noi crediamo questo.

PADRE LIVIO: Dopo i giovani direi di rivolgere un pensiero ai malati.

JAKOV: Ai malati posso dire quello che la Madonna dice sempre: di pregare, di avere fiducia e di credere. È necessario che preghino per capire il valore della loro malattia.

PADRE LIVIO: È molto importante per poterla sopportare.

JAKOV: Non chiedersi perché mai Dio abbia dato questo castigo, ma credere che si tratta di un progetto di Dio, un progetto che Dio ha su ognuno di noi e che lui ci aiuta.

PADRE LIVIO: Quindi vedere la punto di vista soprannaturale.

JAKOV: Sì, Dio ci aiuta anche a capire la nostra malattia.

PADRE LIVIO: Vederla nella luce di Dio è una grazia.

JAKOV: Poi, però, non è sbagliato pregare per la nostra guarigione.

PADRE LIVIO: Anche nei Vangeli i malati chiedono a Gesù la guarigione.

JAKOV: Non bisogna dire: "Ho pregato per un anno e Dio non mi ha aiutato. Che cosa devo fare adesso?" Noi dobbiamo solo pregare e credere.

PADRE LIVIO: Quindi si può chiedere la guarigione, ma innanzi tutto bisogna comprendere il progetto di Dio.

JAKOV: E dire sempre, sia fatta la volontà di Dio e non la nostra.

Ai sacerdoti
PADRE LIVIO: Che cosa diresti ai sacerdoti?

JAKOV: La Madonna una volta ha dato un bel messaggio ai sacerdoti, dicendo che devono proteggere la fede del popolo. Personalmente auguro ai sacerdoti di essere sempre di esempio per gli altri e che tutti i cristiani possano vedere Gesù nel sacerdote.

PADRE LIVIO: Il sacerdote è veramente un altro Gesù.

JAKOV: E che Dio ci dia tanti e santi sacerdoti.

PADRE LIVIO: E alle suore che diresti?

JAKOV: La stessa cosa anche alle consacrate.

PADRE LIVIO: E agli ascoltatori di Radio Maria che cosa diresti?

JAKOV: Li saluti tutti. Posso dire loro una sola cosa, di accettare i messaggi della Madonna e donare completamente a lei il loro cuore. Solo così la Madonna può lavorare attraverso di noi.

PADRE LIVIO: Questo senza apparizioni è stato l'anno più lungo della tua vita?

JAKOV: Eh si. Però la Madonna è sempre con me.

Al papa
PADRE LIVIO: Se tu potessi parlare con il Papa, che cosa gli diresti?

JAKOV: Non so se sarei in grado di dirgli qualcosa, perché nella mia vita ho avuto due desideri: incontrare Madre Teresa e incontrare il Papa. Questo pensiero mi emoziona molto. Ho avuto occasione di incontrare il Papa in una udienza generale. Sono momenti molto emozionanti. Se mi capitasse di parlargli, penso che mi verrebbe qualcosa di spontaneo.

PADRE LIVIO: Quando riceverai la prossima apparizione della Madonna.

JAKOV: A Natale.

PADRE LIVIO: Aspetti con ansia questo giorno?

JAKOV: Ah, sicuramente. Questo è stato l'anno più lungo.

Erba(Radio Maria), 24 Settembre 1999.

Visite: 479

TAGS: IntervistaJacovPadre Livio Fanzaga