Maria a Medjugorje Messaggio del 25 agosto 2014:Cari figli! Pregate per le mie intenzioni perché Satana desidera distruggere il mio piano che ho qui e rubarvi la pace. Perciò, figlioli, pregate, pregate, pregate affinché Dio possa operare attraverso ciascuno di voi. I vostri cuori siano aperti alla volontà di Dio. Io vi amo e vi benedico con la mia benedizione materna. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

Jelena Vasilj: (Padre Slavko) Una morte feconda




Nessuno di noi può dire di non essere stato colto di sorpresa dalla morte di padre Slavko, tanto che abbiamo faticato ad accettare l’idea che la sua scomparsa corrispondesse ad un preciso progetto di Maria. Le parole che la Madonna ha riferito a Marija Pavlovic ci hanno consolato e immerso nel mistero della morte davanti al quale, ogni uno di noi, si sente un po’ straniero e confuso. Questo è un enigma che nessuna filosofia umana è riuscito a penetrare, ed è lo stesso che anche i discepoli di Gesù rifiutarono, attraverso le parole di Pietro, sino a rinnegarlo tre volte. Non solo il cuore dell’uomo desidera però vivere; anche Gesù stesso - ci dice l’apostolo Giovanni - fu turbato nell’anima davanti alla tomba di Lazzaro e pianse, in modo tale da convincere i giudei dell’amore che Cristo provava per quell’uomo (cfr. ).

La morte del nostro caro padre Slavko se, da una parte, ci priva dell’affetto di una persona dalla quale tutti ci sentivamo amati, dall’altra porta con sé tanti frutti; è lui stesso, infatti, il grano che muore e, come conseguenza, dona una messe abbondante (cfr. ). Parlando con diversi amici che hanno vissuto intensamente la sua "partenza" abbiamo convenuto che stiamo vivendo una nuova conversione; una amica mi ha detto: "Mi sembra come se ci fosse un velo in meno", vediamo ancora nel riflesso ma un po’ più chiaramente. In questo senso abbiamo compreso che stavamo incontrando il misterium mortis; stavamo vivendo la "luminosa" morte di un altro che è stato non solo obbediente fino alla morte come un fine, ma anche come parte integrante del progetto che Dio ha avuto su di lui. La sua morte ci ricorda in alcuni tratti quella di Cristo.

Come il suo Signore Slavko aveva appena terminato una via crucis ed e morto come Lui verso le tre, nell’ora della Sua misericordia. Quindi questa morte cristiana si incorpora nella nostra vita interiore. L’abbiamo vissuta come necessaria, e non causale. Nessuno di noi, anche so lo possiamo pensare, sarà una eccezione dato che essa è parte integrante della sequela Cristi. È da sottolineare che non è solo un passaggio alla nuova vita, che in un certo senso abbiamo già vissuto nel nostro battesimo e nei sacramenti, ma fa parte della prova dell’amore in un doppio senso. Ognuno di noi vive già questa morte, direi, anche nel corpo; basta vedere le nostre malattie che sono una sorta di morte, anche se non piena. Il Signore ci invita a deporre del tutto l’uomo vecchio e non risparmia il corpo al quale siamo cosi affezionati, forse perché è la nostra casa, la nostra cella, e lo viviamo in maniera cosi immediata. Ci chiede quindi non solo di passare passivamente alla nuova vita, ma di consegnare a Lui ciò che abbiamo ricevuto per averlo in pienezza. Tutto ciò lo possiamo già vivere intensamente anche nello spirito che viene toccato dalla separazione del corpo e, in qualche modo, soffre finché non sarà riunito ad esso nella forma "gloriosa".

Però vivere la morte di Cristo dentro di noi significa soprattutto diventare semplici e orientarsi verso l’essenziale. La nostra vita è davvero e un "soffio". Dio ci può chiamare nel pieno della nostra attività come ha chiamato padre Slavko, per un dono totale di sé. Quindi non permettiamo al nostro spirito di diventare aggravato dalle preoccupazioni superficiali; pensiamo solo alla carità, perché è l’unica cosa che alla fine resterà. Questa vita ci è data per conquistare il cielo, la vita eterna è il premio che ci aspetta. Dobbiamo quindi stare attenti a non lasciarsi incatenare dalle debolezze degli uomini, dal loro giudizio e dal loro dominio. La morte è il segno che ognuno di noi appartiene solo a Cristo e che il giudizio finale spetta solo a lui. Per anticipare questo momento e per prepararsi a questo esame ci può aiutare l’esame di coscienza ogni sera prima di andare al letto come un piccolo giudizio universale. Infine la morte la troviamo che pende nelle nostre case sul crocifisso. Quel corpo è il corpo morto di Cristo, sotto il quale la Madonna ci a chiesto di meditare i misteri gloriosi, perché il vangelo - ci dice il Padre - ha glorificato il Figlio sua croce, la morte è stata vinta. Uniti a questo mistero, che è anche nostro, perché alla fine si rivelerà anche la nostra gloria sino ad allora nascosta in Cristo. Adoriamo la Croce come la Madonna ci chiede e preghiamo per la virtù della pazienza che, dice l’apostolo, genera la speranza e, da questa, l’oggetto della vita beata. Chiediamo infine alla Madonna di pregare per noi adesso e nell’ora della nostra morte.

Fonte: Eco di Maria nr. 155

Visite: 536

TAGS: Jelena VasiljPadre SlavkoTestimonianza