Maria a Medjugorje Messaggio del 25 maggio 1997: Cari figli, oggi vi invito a glorificare Dio; che il nome di Dio sia Santo nei vostri cuori e nella vostra vita. Figlioli, quando siete nella santità di Dio, Dio è con voi e vi dona la pace e la gioia che vengono da Lui, solo tramite la preghiera. Perciò, figlioli, rinnovate la preghiera nelle vostre famiglie e il vostro cuore glorificherà il Santo nome di Dio e il paradiso regnerà nel vostro cuore. Io vi sono vicina e intercedo davanti a Dio per voi. Grazie per avere risposto alla mia chiamata!

Catechesi di Marija Pavlovic - Medjugorje 28 settembre 2013




Bene… Ben arrivati tutti. Cominciamo con il nostro incontro.

Preghiamo all’inizio.

Ci calmiamo tutti. Mettiamoci seduti.

Grazie a Dio abbiamo una bella giornata di sole. Sembra che siamo in spiaggia, ma siamo sulla spiaggia del Signore sotto la protezione della Madonna.

Cominciamo il nostro incontro con la preghiera.

Per favore non fotografate, perché ci sono già troppe fotografie in giro.

Penso che questo sia il momento della testimonianza.

Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.

Amen.

Padre Nostro… Ave Maria… Gloria al Padre… Salve Regina…

Maria, Regina della Pace. Prega per noi.

Ben arrivati tutti.

Io parlo in italiano. Poi dall’italiano facciamo la traduzione ufficiale e dal croato traduciamo nelle altre lingue.

Con la mia testimonianza vorrei invitare tutti voi ad essere in modo speciale sempre vicini alla Madonna.

Vorrei farvi innamorare della Madonna.

Noi già dai primi giorni abbiamo cominciato a mettere in pratica quello che Lei ci chiedeva. Ci siamo innamorati di Lei e abbiamo cominciato a seguire i Suoi messaggi. E pian piano quello che la Madonna diceva per noi era gioia.

Abbiamo iniziato a vivere con gioia quello che Lei voleva da noi. All’inizio con più difficoltà, più fatica, perché non eravamo tanto abituati a pregare. Ma poi pian piano, quando ci siamo innamorati della Madonna, abbiamo incominciato a seguire le Sue indicazioni.

Lei ha cercato di farci innamorare come Lei era innamorata di Gesù. E abbiamo cominciato a pregare. Abbiamo iniziato a contemplare la Sua bellezza. Con la Madonna abbiamo cominciato ad avvicinarci sempre più a Suo Figlio Gesù.

La Madonna ci ha permesso di innamorarci.

Le abbiamo detto che noi non siamo degni, ma Lei ha risposto che Dio Le ha permesso di essere in mezzo a noi. Lei ha detto che è un dono che ha potuto sceglierci e ci ha chiamati ad essere Suoi strumenti.

Abbiamo incominciato a sentirci importanti ai Suoi occhi. Abbiamo iniziato a sentire la gioia di Dio. Quel Dio che non era più su una nuvola o lontano, era in mezzo a noi con Sua Madre.

Abbiamo cominciato a pregare con il cuore, come Lei ci ha chiesto. E come pregare col cuore? E’ stata una cosa che la Madonna ha spiegato con tanto amore. Ci ha detto di essere sempre più innamorati di Dio; di essere innamorati della Chiesa; di pregare affinchè il Signore aumenti la nostra fede, perché la fede è un dono. Abbiamo cominciato con questo dono pian piano a vivere sempre più la presenza quotidiana della Madonna. Con tanta paura all’inizio. Paura di non essere degni. In quel momento c’era anche il comunismo qua. Avevamo anche paura di morire. Ma pian piano la Madonna ci fortificava con la Sua presenza di pace.

Lei si è presentata con il nome “Regina della Pace”. E oggi la Madonna ci ha detto che dobbiamo essere portatori della pace con la nostra vita, con la nostra preghiera. La Madonna ci chiede che ognuno di noi si decida per la preghiera attraverso la quotidiana conversione personale. Dio ci da in mille modi segni per dirci: “Convertitevi”.

Mettete Dio al primo posto della vostra vita. Senza Dio non avete né futuro né vita eterna. Per questo ci chiama. Lasciate le cose del mondo e pensate a Dio. Trovate l’equilibrio nella vostra vita tra le cose materiali e quelle spirituali.

[…]

Vogliamo essere sempre di più una parte di Lei. Cosa dobbiamo fare? Lei ci dice: “Pregate il rosario. Perché quando pregate il rosario il vostro cuore si apre e Io posso intercedere presso Mio Figlio, affinchè vi doni la grazia della conversione e tutte quelle grazie di cui avete bisogno”. La Madonna chiede di pregare nei gruppi di preghiera, nelle nostre case, nelle nostre famiglie, nelle nostre parrocchie. Siamo chiamati a procedere su questo cammino di crescita spirituale, a condividere e ad aiutarci l’un l’altro.

Ci ha chiamati a prendere un sacerdote come guida spirituale. Possiamo capire ogni giorno di più questa grazia.

La Madonna ci ha detto che con la preghiera e il digiuno si possono allontanare anche le guerre. Abbiamo esperimentato, pregato, digiunato e abbiamo visto i frutti della preghiera e del digiuno.

La Madonna ci ha detto che c’è il bene, ma c’è anche il male. Una volta ha detto in un messaggio che Satana vuole distruggere non soltanto la nostra vita, ma anche il pianeta su cui viviamo. Per questo la Madonna ci dice: “Pregate e digiunate”. Possiamo digiunare in tanti modi. I bambini dalle caramelle, dal gelato quando è caldo. Dai giochi che hanno. Tante volte hanno dipendenza da questi giochi. Da tante cose a cui siamo attaccati.

[…]

In modo speciale Papa Francesco ci ha chiamati al digiuno e ci siamo uniti a lui e alla Chiesa intera. Abbiamo chiesto la grazia della pace in Siria. Abbiamo ottenuto la grazia attraverso chissà quale fonte e quali politici. Ma Il Signore può ascoltare la nostra preghiera anche per i nostri piccoli miracoli quotidiani.

Tante volte nelle famiglie c’è la guerra. Tante volte non c’è la pace nei nostri cuori se non abbiamo Dio. Aridità, mancanza di desiderio di preghiera. Anche noi cristiani possiamo sentire allontanamento da Dio.

La Madonna ci chiama: “Ritornate a Dio. Senza Dio non avete né futuro né vita eterna”. Per questo ci chiama alla conversione. Ci ha detto: “Lasciate il peccato e abbracciate la santità”. E’ difficile lasciare le abitudini quotidiane del peccato.

Vuole che diventiamo le Sue mani allungate. In quel momento diventiamo Suoi strumenti. Cominciamo a sentire la gioia di essere strumenti. Poi vedremo che il deserto che è intorno a noi o dentro di noi inizia a fiorire. In quel momento nel nostro cuore comincia ad essere gratitudine.

La Madonna ci chiama a condire questo compito di strumenti con la nostra bontà, il nostro sorriso, la nostra gioia, il nostro amore.

Ella ci dice di iniziare ogni giorno a fare un cammino serio. Cammino di conversione. Per questo già dai primi mesi la Madonna ha cominciato a dirci di prendere un sacerdote come guida spirituale con cui fare un cammino serio. Per poter essere guidati nei comandamenti di Dio.

La Madonna ci ha detto di leggere la vita dei santi: “Imitateli”.

Una sera apparsa una seconda volta in un’apparizione straordinaria. Noi abbiamo cominciato a raccomandare le nostre intenzioni e tutto quello che avevamo nel cuore, i malati e tutti quelli che si erano raccomandati alla nostra preghiera. Ma ella ci ha detto che tutti i presenti si avvicinassero e che la toccassero. Abbiamo detto: “Ma come è possibile? Gli altri non ti vedono, solo noi ti vediamo”. Lei ha risposto: “Prendete le loro mani e avvicinatele a me”. Così abbiamo fatto. Pian piano tutti l’hanno toccata. Tutti hanno avuto esperienza che la Madonna era presente. Qualcuno ha sentito caldo, qualcuno freddo. Qualcuno una scossa elettrica. Ma tutti hanno creduto che la Madonna era là. Mentre le persone presenti toccavano la Madonna abbiamo visto che sul Suo vestito rimanevano le macchie: alcune grandi altre piccole. Ad un certo momento il vestito della Madonna era sporco. Abbiamo cominciato a piangere. Abbiamo detto: “Perché il Tuo vestito è diventato così sporco?” La Madonna ci ha risposto che erano i nostri peccati. Ci ha detto: “Ritornate alla Chiesa. Prendete un sacerdote che vi aiuterà a capire cosa è peccato e cosa non lo è”.

Io mi ricordo il giorno dopo: nessuno di noi voleva più sporcare il vestito della Madonna. Siamo andati alla mattina presto in chiesa e abbiamo detto a padre Jozo, che era parroco, che volevamo confessarci. Padre Jozo ha cominciato a chiamare anche altri sacerdoti. E Medjugorje oggi è diventato il confessionale più grande del mondo.

Il pellegrino è chiamato ad andare a fare la pace con Dio.

La Madonna che è Regina della Pace, ci chiama a diventare Suoi strumenti di pace. Ella ci dice di essere le Sue mani tese in questo mondo, nelle nostre case, sul posto di lavoro. Là diventa la nostra missione. In che modo? Con la propria vita. Con la conversione quotidiana. Con la preghiera. Con l’amore. Con tutti gli strumenti che la Madonna ci da attraverso i messaggi. Lei ci istruisce.

Lei ci ha detto: “Mettete la Santa Scrittura in un posto visibile nelle vostre case”, affinchè ogni giorno possiamo leggere e pregare e mettere in pratica quello che impariamo.

Tutto questo dalla collina delle apparizioni, dove è apparsa il primo giorno, dove eravamo contenti di andare, dove Lei ha scelto il posto, dove non c’è niente se non rovi e cespugli, un posto insignificante finchè Lei non è apparsa. Adesso, grazie alla Sua presenza, è diventato un punto molto importante nella nostra parrocchia.

Ma la Madonna non si è fermata sulla collina. Sono arrivati i poliziotti comunisti e ci hanno proibito di salire, perché era terreno dello stato. Padre Jozo era in chiesa e pregava: “Signore io non capisco. Tu sei qui nel Santissimo Sacramento dell’Altare e tutti passano e vanno sulla collina in mezzo ai rovi e alle pietraie”. Ma noi non capivamo: la Madonna, con la Sua presenza e il Suo amore, ci aveva catturato. Così abbiamo cominciato a seguirla. Ma sono arrivate le forze militari e ci hanno proibito di salire. Abbiamo chiesto alla Madonna: “Cosa dobbiamo fare?” Lei ci ha detto: “Andate in chiesa. Là sarete protetti”. E così è stato. Abbiamo cominciato a pregare. Abbiamo chiesto in quale modo andare in chiesa. Mi ricordo che per tre volte abbiamo domandato alla Madonna: “Proprio chiesa, chiesa? Nella costruzione della chiesa?” Perché noi volevamo mettere padre Jozo in difficoltà. Sapevamo che anche lui era scettico. E lui pregava poverino nella chiesa e diceva: “Signore aiutami. Cosa devo fare?” E il Signore gli ha parlato attraverso la Santa Scrittura. L’ha aperta e ha letto: “Sono i miei figli prediletti”. Noi in quel momento siamo entrati nella chiesa e abbiamo detto: “Padre Jozo, la Madonna ci manda. Noi vogliamo ascoltare il suo messaggio”. E lui ha detto: “Preghiamo”. Così abbiamo cominciato a pregare il pomeriggio nella chiesa, finchè la Madonna è apparsa. Ella ha cominciato a dirci cosa dovevamo fare. Lei ha detto: “Mettete Gesù al centro. Chiedete al vostro parroco di celebrare la Santa Messa”. E con tanta gioia nel cuore abbiamo detto “sì”.

Io mi ricordo quei tempi: la gente lavorava nei campi, perché si era contadini, e quando era buio si andava a casa, ci si lavava e si andava in chiesa. Si pregava tanto. Si pregava con tanto amore e cuore. La chiesa era ubbidiente. La Chiesa quella viva, quella di persone. Questa costruzione si è riempita di persone che hanno cominciato a dire “sì” alla Madonna, “sì” alla Sua chiamata. Hanno cominciato a dire “sì” alla preghiera, “sì” al digiuno, “sì” alla Santa Messa quotidiana.

La Madonna ha visto che poteva contare su di noi e ci ha detto che Lei ha bisogno di noi. Vuole offrirci come un bouchet di fiori a Suo Figlio Gesù. Lei ci ha chiesto se siamo pronti a pregare di più. Quando padre Jozo trasmetteva il Suo messaggio attraverso i microfoni della chiesa noi gridavamo: “Sì. Noi lo vogliamo!”

Io mi ricordo una volta che la Madonna ha chiesto nove giorni di preghiera e digiuno a pane e acqua. Lo abbiamo fatto. Non con la nostra forza, ma con tanto amore per la Madonna. Ogni giorno andavamo sulla collina della croce o quella delle apparizioni o tutte e due. Sentivamo anche le nostre pance brontolare, perché erano vuote. In quel momento dicevamo: “Sì, perché noi crediamo che con la preghiera e il digiuno si possono allontanare anche le guerre”. Abbiamo visto tante conversioni. Tanti peccatori che hanno cominciato a scegliere la via giusta. Abbiamo visto che Dio non è da qualche parte su una nuvola, ma è in mezzo a noi: sana, guarisce, converte. Abbiamo cominciato a sentire la Sua presenza nei nostri cuori, nelle nostre famiglie.

La Madonna ha iniziato a guidare questa parrocchia con messaggi settimanali. Ogni giovedì la Madonna dava il messaggio per la parrocchia, affinchè essa diventasse esempio per tante altre parrocchie. Quando hanno cominciato a venire sempre più pellegrini la Madonna ha cominciato a dare il messaggio il 25 del mese. Lei ha detto che questi messaggi sono per tutti noi, per crescere sempre di più nella fede. Non sono messaggi nuovi. Ha detto: “Io voglio risvegliarvi”. Perché ci siamo addormentati. Non preghiamo più. L’incredulità ha cominciato a prendere il nostro cuore. Dio ci è diventato lontano. Noi non Lo cerchiamo, non Lo preghiamo. Non crediamo nella Sua potenza.

Noi, con l’aiuto della Regina della Pace, abbiamo cominciato a vivere un cammino nuovo. “Quale cammino?” vi chiedete. Un cammino di semplicità. Di vita quotidiana. Dal mattino, quando ci svegliamo, fino alla seratarda, quando ci addormentiamo con la preghiera nella bocca e nel cuore. Abbiamo cominciato a pregare e lavorare, a digiunare e a pregare, a cantare e pregare, ad essere inginocchiati pregando. In tutti i momenti la preghiera era condimento della nostra giornata. E come diceva un amico vescovo, abbiamo cominciato a lavare pregando, a stirare pregando, a cucinare pregando. Come facevano le nostre mamme. Abbiamo risvegliato la preghiera nelle nostre famiglie, nel nostro cuore. Non davamo spazio al diavolo per occupare la nostra vita, la nostra esistenza.

A questo siamo chiamati. Siamo chiamati ad essere preghiera per tutti quelli che non pregano. Per tutti quelli che non adorano Gesù. Noi scopriamo come adorare qua a Medjugorje. Abbiamo cominciato con canto, silenzio, preghiera e meditazione. Essere davanti a Gesù.

Tante volte quando non sapevamo cosa fare ci mettevamo davanti a Gesù e dicevamo: “Gesù, io Ti guardo e Tu guardi me e questo mi basta. Tu sai quello che ho nel mio cuore. Tu sai i miei desideri, i miei dolori. Tu sai, perché Tu mi hai creato, a Tua immagine. Quando divento Tuo servo, Tuo strumento Tu mi plasmi e mi usi e io trovo la gioia. Quella gioia che dura fino all’eternità”. Per questo la Madonna ci dice: “Cominciate a vivere il Paradiso qua sulla terra”. Dove? Nel nostro cuore. Con Dio. Con l’aiuto della Regina della Pace. Lei è la nostra Regina. Regina dei nostri cuori. Regina del nostro futuro. Lei è speranza per tutti quelli che non hanno posto per la speranza. Lei è qua presente e ci dice: “Non dovete avere paura, perché Io sono con voi. Io vi amo”. Perché uno che prega, che ama, che ha Dio non ha più paura. Dio è al primo posto. Per questo ci ha mandato la Sua e nostra Madre che non ci abbandona. Ci aiuta come una madre, come una maestra.

Ci dice: “Figli Miei, ritornate alla preghiera. Ritornate a Dio. Ritornate a vivere i sacramenti. Vivete i comandamenti di Dio”. Quando sarete di Dio sarete gioiosi e la vostra vita troverà la pienezza. Da quel momento potete diventare strumenti per tutti quelli che non hanno conosciuto Dio.

La Madonna ogni due del mese ha cominciato ad apparire chiedendo soltanto di pregare per quelli che sono lontani. E ognuno di noi può pensare nel cuore: “Sì, io conosco questo e quello”. Chissà quanti conosciamo che sono lontani da Dio e vorremmo che tornassero ai sacramenti. La Madonna ci dice che la preghiera non ha barriere. La preghiera fa miracoli. La preghiera è la nostra vita. Anche nell’ultimo messaggio ci ha detto che la preghiera diventi gioia per noi. Non sforzo o tristezza. La Madonna ci dice: “Scegliete con la libertà che Dio vi da. Scegliete Dio, perché senza Dio non avete né futuro né vita eterna”. Per questo Lei non si stanca. Sa che abbiamo bisogno di Lei. Lei è la nostra madre. Lei vuole guidarci, aiutarci. Vuole dirci che è con noi. Come sotto la croce, quando era con Suo Figlio morto. Sembrava che non ci fosse nessuna speranza. Lei è diventata la speranza della Chiesa.

Noi cristiani dobbiamo essere grati e possiamo essere fieri di avere la Madonna come nostra madre. Un cristiano mariano è più ricco. Perché abbiamo la Madonna. Lei intercede davanti a Dio per noi. Lei, come Madre di Gesù e Madre nostra, sa come presentare i nostri desideri e i nostri dolori davanti a Dio. Lei è Sposa dello Spirito Santo. Lo Spirito Santo sappiamo che soffia dove vuole e come vuole. Lei, come Sposa, sa come presentare le nostre vite e così diventano il dono più bello per Gesù, affinchè ognuno di noi diventi santo. Come ha fatto per Giovanni Paolo II e per tante altre persone che ancora oggi muoiono testimoniando la loro fede.

La Madonna ci chiede di essere portatori di fede. In questo anno della fede, dove siamo uniti in modo speciale col Santo Padre, nella preghiera e anche nella consacrazione che farà presentandosi davanti alla statua della Madonna di fatima, che farà il 13 ottobre. Noi che siamo amanti della Madonna in modo particolare ne saremo contenti e saremo uniti con lui e con tutta la Chiesa, affinchè Maria, la Madre di Gesù, protegga questa Chiesa. E comincia un cammino nuovo con questo dono che Dio ci ha dato di Papa Francesco, attraverso la sua semplicità e preghiera. Attraverso la sua testimonianza. Ci sta dicendo: “Testimoniate con la vostra vita quotidianamente, là dove siete”. Ci dice di non essere indifferenti e che cominciamo ad essere “mani tese”, come la Madonna ci dice per le persone che sono lontane. Pagane. Quelle che non hanno conosciuto il Vangelo e quelle che non hanno conosciuto l’Amore di Dio. Ce ne sono tante. Dobbiamo metterci in testa che dobbiamo aiutarle a conoscere l’Amore di Dio.

Per questo vi invito: voi che siete qua a Medjugorje aprofittate di questo tempo, affinchè sia per voi incontro con Dio attraverso la Madonna. Il tempo giusto per la preghiera. Andate sulla collina della croce e delle apparizioni pregando. Pregate davanti al Santissimo Sacramento dell’Altare. Se non siete abituati prendete dei libri che vi aiutano a riscoprire la preghiera. Arricchitevi sempre di più conoscendo devozioni e preghiere nuove, finchè la nostra vita diventa preghiera.

Io che ho la grazia di avere ogni giorno il momento dell’apparizione pregherò per voi. Per tutte le vostre intenzioni. Mentre voi sarete inginocchiati qua davanti alla chiesa in preghiera io vi raccomanderò. Vi offrirò al Suo Cuore Immacolato, affinchè voi, tornati nelle vostre case, ricominciate una vita nuova. Che cominciate ad essere esempio con la vostra vita.

Abbiamo la grazia di avere sacerdoti con noi. Chiediamo di pregare su di noi. Chiediamo loro di benedirci, affinchè possiamo diventare strumenti. Che il nostro cuore di pietra diventi sensibile. Così, quando arriveremo da Lei in Paradiso, potrà dirci: “Grazie che avete risposto alla Mia chiamata”.

Adesso ci alziamo e chiediamo al sacerdote di venire e gli chiediamo di pregare su di noi, affinchè possiamo avere la forza per iniziare una vita nuova.

Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

Padre Nostro…

Benedizione sacerdotale.

Fonte: ML Informazioni da Medjugorje

Visite: 583

TAGS: CatechesiComunismoConfessioneConversioneDigiunoMarijaPapa Francesco