Maria a Medjugorje Messaggio del 2 aprile 2013:Cari figli, vi invito ad essere nello spirito una cosa sola con mio Figlio. Vi invito affinché, attraverso la preghiera e per mezzo della Santa Messa, quando mio Figlio si unisce a voi in modo particolare, cerchiate di essere come Lui. Affinché siate, come Lui, sempre pronti a compiere la volontà di Dio, e non a chiedere che si realizzi la vostra. Perché, figli miei, per volontà di Dio siete ed esistete ma, senza la volontà di Dio, siete un nulla. Io, come Madre, vi chiedo di parlare della gloria di Dio con la vostra vita, perché in questo modo glorificherete anche voi stessi, secondo la sua volontà. Mostrate a tutti umiltà ed amore verso il prossimo. Per mezzo di questa umiltà e di questo amore, mio Figlio vi ha salvato e vi ha aperto la via verso il Padre Celeste. Io vi prego di aprire la via verso il Padre Celeste a tutti coloro che non l'hanno conosciuto e non hanno aperto il proprio cuore al suo amore. Con la vostra vita aprite la via a tutti coloro che stanno ancora vagando in cerca della verità. Figli miei, siate miei apostoli che non hanno vissuto invano. Non dimenticate che verrete davanti al Padre Celeste e gli parlerete di voi. Siate pronti! Di nuovo vi ammonisco: pregate per coloro che mio Figlio ha chiamato, ha benedetto le loro mani e li ha donati a voi. Pregate, pregate, pregate per i vostri pastori. Vi ringrazio.

Conversazione con Marija Pavlovic Lunetti, il 26 giugno 2005, a Medjugorje




Marija, ieri è stato il 24° anniversario delle apparizioni giornaliere della Madonna di Medjugorje. Come hai vissuto queste giornate?

Per noi veggenti è una grande gioia essere qui a Medjugorje nel giorno dell'anniversario. Io sono venuta dall'Italia con i bambini all'inizio della novena. Spero che anche i pellegrini che hanno l'opportunità di essere qui provino una grande gioia. Essere qui significa ringraziare insieme la Madonna per le grandi grazie che ci ha elargito in tutti questi anni grazie alla Sua presenza e all'intercessione presso Suo Figlio Gesù. Alcuni giorni fa, una persona malata che era venuta sulla collina delle apparizioni è stata guarita completamente. Ho sentito che in questi giorni anche altre persone sono state guarite. E quando vediamo tutte queste grazie che Dio ci dona, e pellegrini che vengono guariti non solo nell'anima e nel cuore, ma anche fisicamente, allora possiamo solo dire un grandissimo grazie a Dio e alla Madonna. Qui si sente e si vede un intenso pregare. Si vede anche come i pellegrini sono pronti e aperti alla grazia di Dio, e perciò Dio elargisce la Sua grazia infinita.

Qui a Medjugorje sentiamo in modo speciale che la Madonna svolge un'opera instancabile di intercessione per noi presso il Padre celeste. Nei Suoi messaggi lo ripete sempre: "Cari figlioli! Intercedo per voi presso mio Figlio ... "

In questi giorni molti pellegrini sono venuti a casa tua. Ci sono stati anche alcuni Vescovi che volevano vederti. Che cosa hai detto loro?

Sia che mi visitino pellegrini, sacerdoti o Vescovi, dico a tutti la stessa cosa. La cosa più importante è che tutti viviamo i messaggi che ci giungono per mezzo della Madonna. Spesso paragono tutto questo con il racconto del Vangelo, quando Maria, alle nozze di Cana, disse che mancava il vino. Oggi si può dire che è la fede che manca. Perciò la Madonna ci esorta instancabilmente ad essere coloro che danno testimonianza, che la trasmettono agli altri, e ci esorta a camminare sulla via della santità così che gli altri siano convertiti.

La Madonna ci sprona a questo ogni giorno, senza eccezione, senza tener conto di quale fede e di quale nazionalità siamo. Dinanzi a Dio siamo tutti uguali e come tali ci offre a Lui.

Nel giorno dell'anniversario hai assistito all'apparizione insieme a Ivan. Hai anche ricevuto un messaggio. Ci puoi dire qualcosa sull'apparizione e sul messaggio?

L'apparizione è stata molto bella.

Mentre parlavo con la Madonna provavo una grandissima gioia. Mi ha dato anche il messaggio che annoto regolarmente ogni mese e che poi viene trasmesso a tutto il mondo. La Madonna era di ottimo umore e allegra. Sono contenta di poter fare da tramite tra la Madonna e gli uomini, come dice la Madonna: "Cari figlioli! Voi siete il prolungamento delle mie mani in questo mondo". Anche nel giorno dell'anniversario la Madonna ci ha invitato in modo particolare ad essere apostoli nel luogo in cui viviamo. Nel messaggio la Madonna ha anche particolarmente ringraziato per le offerte che Le abbiamo portato. In questi giorni, durante la novena, veramente tante persone hanno portato un'offerta e sono volute salire sulla collina delle apparizioni o sul Krizevac. Molti hanno anche digiunato per i desideri della Madonna e nei 24 anni trascorsi hanno fatto anche molte altre cose. Il Suo ringraziamento per la nostra collaborazione ci dimostra che la Madonna è una madre attenta che incessantemente ci accompagna, ci protegge e intercede per noi. Non abbandona mai i Suoi figli, ma resta sempre con loro.

Durante l'apparizione era presente una commissione francese che dopo 20 anni ha voluto ripetere degli esami su di voi. Come ti sei sentita quando gli strumenti sono stati collegati?

Personalmente ho trovato questi esami molto pesanti. Tutto è avvenuto senza nessuna particolare richiesta o preparazione. Non mi aspettavo che gli esami sarebbero stati eseguiti proprio il giorno dell'anniversario. Ero un po' nervosa perché sapevo che avrei anche ricevuto il messaggio. Di solito annoto il messaggio subito dopo l'apparizione, ma questa volta ho dovuto aspettare fino a quando gli strumenti sono stati staccati. È stato un po' fastidioso perché era tutto molto insolito. Grazie a Dio tutto è andato bene, possa tutto avvenire a gloria di Dio! Spero che dopo così tanti anni di indagini tutti saranno soddisfatti e capiranno che la Madonna ci appare davvero. Se tutto questo è servito affinché molti che non credono finalmente credano alla presenza della Madre celeste, allora sono particolarmente contenta che siano stati fatti questi esami su noi veggenti.

Come ha reagito la Madonna quando vi ha visto con quegli strumenti? C'è stato qualche cambiamento sul Suo viso?

Per quanto riguarda gli esami, tutto questo non ha turbato affatto la Madonna. Non ci proibisce, né ci ordina di sottoporci alle indagini.

Ci lascia il libero arbitrio in tutto, anche in questa questione. Siamo noi stessi a decidere se accettare o no gli esami. Anche questo è stato un esempio di come possiamo rendere testimonianza. Le prove sono qua, i risultati lo dimostreranno. Spero anche grazie a ciò di poter avvicinare sempre più cuori alla Madonna e per questo ho acconsentito. Anche se devo dire che sono ormai stanca di tutte le inchieste e gli esami e che non so di che altro la gente abbia bisogno per accettare infine la verità.

Che cosa vuoi dire ai pellegrini che desiderano seguire totalmente la Madonna?

Metto sempre in evidenza il messaggio. La Madonna ci incoraggia continuamente ad accettare e vivere sempre più di giorno in giorno il Suo messaggio. Soprattutto a viverlo attraverso la nostra conversione e a seguire in santità il cammino della pace di Dio. Per essere perseveranti in questo, la preghiera e la Santa Messa sono essenziali. La Madonna è la nostra speranza e con Lei abbiamo una vita nuova, un nuovo senso della vita. La Madonna sottolinea continuamente: "Miei cari figli! Dio vi ha dato la libertà e con questa libertà potete decidere ciò che volete". Nella mia libertà, io ho deciso di servire con la Madonna il bene di questo mondo e collaborare il più possibile alla salvezza degli uomini. Questo è il mio compito e spero che lo assolverò fino alla fine della mia vita.

Fonte: Medjugorje - Un invito alla preghiera n. 65

Visite: 336

TAGS: IntervistaCommissione di studiMarijaVescovo