Maria a Medjugorje Messaggio del 20 maggio 2013:Cari figli, anche oggi in modo particolare vi invito, in questo tempo di grazia: apritevi allo Spirito Santo. Cari figli, non permettete che il mondo vi guidi. Perciò che lo Spirito Santo vi guidi! Pregate, perseverate nella preghiera. Che lo Spirito Santo scenda sulle vostre famiglie che sono nel buio. La Madre prega insieme con voi e intercede presso suo Figlio. Grazie, cari figli, perché anche oggi avete risposto alla mia chiamata.

Marija Pavlovic Lunetti parla ai pellegrini italiani

Medjugorje, 24 giugno 2003




Saluto tutti voi italiani che siete venuti oggi così numerosi e vi ringrazio che siete venuti qua alla festa della Madonna, Regina della Pace. Domani festeggiamo i 22 anni da quando la Madonna è apparsa. La prima volta la Madonna è apparsa verso sera il 24 giugno, proprio come oggi; è apparsa a Ivan, Vicka, Mirjana e Ivanka. Il giorno dopo la Madonna è apparsa anche a me e a Jakov, al posto di un altro ragazzo che si chiamava Ivan e a mia sorella Milka. Dal momento che la Madonna è apparsa, noi abbiamo cominciato a vivere questa avventura con la Madonna; di conseguenza anche tutti voi che avete abbracciato il suo messaggio e che l’avete portato nelle vostre case, voi che avete cominciato a venire, a ritornare e a vivere nella vostra vita, nella vostra famiglia, il messaggio della Madonna Regina della Pace. Per questo la Madonna vi ripete: "Grazie perché avete risposto alla mia chiamata"; e anch’io vi ringrazio perché in questa giornata così calda potevate essere alle spiagge o altrove e invece avete deciso di venire qua. Sono sicura che la Madonna vi ricompenserà non cento volte, ma mille volte. Infatti la Madonna fin dai primi anni ha detto: "Non dimenticate, io sono vostra Madre e vi amo". Mi ricordo quando i primi giorni la Madonna ha cominciato a darci i messaggi: abbiamo risposto con grande entusiasmo a vivere i suoi messaggi e abbiamo detto che non importa se piove o nevica, se fa caldo o freddo, eravamo pronti. E oggi vedo anche voi qua con questo caldo, come a dire: "siamo pronti". Io spero che attraverso di voi anche la cara Italia cominci a convertirsi, perché c’è tanto bisogno di conversione. Come anche questa nuova Europa, che sembra non accettare di essere fondata sui principi di Dio, ma sembra piuttosto che si stia costruendo sulla massoneria.

La Madonna ci aiuta a capire che dobbiamo mettere Dio al primo posto nella nostra vita. All’inizio noi ci siamo innamorati della bellezza della Madonna, perchè appare con un volto bellissimo; ci siamo innamorati e abbiamo cominciato a seguirla in tutto ciò che Lei ci diceva. Ma pian piano abbiamo cominciato a capire che non è importante Lei e la sua bellezza: la Madonna ci ha permesso di innamorarci di Lei per poi portarci a Gesù; e ha detto che Gesù deve essere al centro della nostra vita. Così pian piano abbiamo cominciato a vivere la preghiera, perché la Madonna ha detto che è arrivata qua con il nome di "Regina della Pace" ma che la vera pace arriva soltanto da Dio attraverso la preghiera. La Madonna ha cominciato a invitarci a pregare Dio e chiedere a Dio la pace per il nostro cuore, per le nostre famiglie e per "l’umanità che oggi costruisce un mondo senza Dio", come la Madonna ha detto in un messaggio. La Madonna ci ha invitato a pregare e ha detto che ogni preghiera fatta con il cuore è buona e piace a Dio. In modo particolare la Madonna ha cominciato a dirci che ci vuole bene, che conta su di noi e che noi siamo le sue mani allungate per il mondo di oggi. La Madonna ha detto di amare e di pregare per quelli che non hanno conosciuto l’amore di Dio, di essere la testimonianza per loro. Così noi abbiamo cominciato a dare la testimonianza a tutte le persone che hanno cominciato a venire a Medjugorje e abbiamo cominciato a vivere non soltanto la preghiera personale, ma sulla Collina delle apparizioni e sulla Collina della Croce, abbiamo cominciato anche noi ad avere l’esperienza della preghiera. E posso dirvi adesso che non ci siamo pentiti, perché abbiamo scoperto Dio, abbiamo capito che a chi bussa sarà aperto. Noi abbiamo bussato, abbiamo chiesto e abbiamo ricevuto. E abbiamo visto tante persone che hanno cominciato a venire qua a Medjugorje: anche loro hanno bussato e hanno ricevuto. Tante famiglie che erano distrutte, tante persone che erano senza fede, tante persone che prima bestemmiavano e che non bestemmiano più, ma danno lode e gloria a Dio. Abbiamo visto tante persone che erano malate e che hanno cominciato a camminare, che hanno cominciato a guarire. Abbiamo visto tante persone che hanno cominciato una nuova vita, una vita con Dio. Tutto ciò è una grande gioia per noi ed è una forza anche per poter dare ancora con più forza la testimonianza alle persone che vengono qua e dire loro che non dobbiamo avere paura del digiuno, della preghiera, della conversione, perché la Madonna ci ha detto che con la preghiera e con il digiuno anche le guerre si possono allontanare, non soltanto le guerre tra i popoli ma anche quelle del nostro cuore, le guerre delle nostre famiglie. Noi abbiamo dimenticato, ma anche nella Sacra Scrittura si dice che tutti gli spiriti maligni si possono allontanare soltanto con la preghiera e il digiuno.

La Madonna ci ha aiutato a scoprire un cammino concreto e così abbiamo capito che la Chiesa non è tanto una costruzione, ma la Chiesa siamo noi. La Madonna ci dice di pregare e noi abbiamo cominciato all’inizio a pregare sette Padre Nostro, Ave Maria e Gloria. Poi la Madonna ci ha chiesto di pregare questa preghiera dopo la Santa Messa e noi lo facciamo ogni sera, inginocchiati, come ringraziamento alla Madonna per la sua presenza qua in mezzo a noi. Ma poi pian piano la Madonna ci ha chiesto di pregare di più. Così abbiamo cominciato a pregare la prima parte del Rosario, poi la seconda, la terza e adesso con il Santo Padre abbiamo imparato anche la quarta parte del Rosario. In questo modo abbiamo scoperto la gioia di dire alla Madonna "io ti voglio bene" attraverso ogni Ave Maria, perchè abbiamo visto che quando diciamo alla Madonna "Ave Maria", in quel momento la Madonna ci da le grazie. Se apriamo il nostro cuore, la Madonna può aiutarci intercedendo davanti a Dio per noi. La Madonna ci ha anche invitati a far sì che la nostra vita diventi preghiera. Ci ha detto di mettere la Sacra Scrittura in un posto visibile nelle nostre case e di leggerla un po’ ogni giorno; di avere il coraggio di digiunare anche dalla televisione, staccandoci dalla televisione e da altre cose; di fare nelle nostre famiglie un altare dove mettere la croce, la Sacra Scrittura e una immagine della Madonna, creare cioè un angolo per la preghiera. La Madonna ci invita sempre ad avere il coraggio di proclamare l’amore di Dio nel mondo e così anche di cambiare la nostra mentalità. Io ricordo come nei primi giorni non sapevo come comportarmi perché temevo che mi prendessero per una fanatica.

Poi ho pensato che io sono quella che sono, che non posso nascondermi o fingere di non essere quella che sono e così ho deciso che io devo testimoniare. E ogni volta che dicevo ad una persona sconosciuta: "Dio ti benedica", ho avuto una risposta di sorriso, una risposta di gioia, di gratitudine. Tante volte guardiamo le persone e le scrutiamo dalla testa ai piedi senza dire niente, mentre la Madonna ci dice di vedere le cose positive nelle persone che vivono intorno a noi, nei nostri prossimi. La Madonna ci dice di scoprire dentro di loro il bene che Dio anche attraverso di loro Lui ci può dare. Poi abbiamo imparato anche a digiunare come la Madonna ci ha detto: dalla televisione, dall’alcool, da tante cose, fino a quando la Madonna ci ha invitato al digiuno migliore: pane e acqua. Per le persone ammalate che non possono digiunare a pane e acqua, la Madonna ha detto di offrire la loro malattia; i bambini possono digiunare rinunciando alle caramelle, ai cioccolatini; noi adulti possiamo fare dei fioretti, per esempio rinunciando al caffè, alle sigarette, all’alcool, alla televisione, rinunciando tante volte anche alla lingua se è un po’ troppo lunga e finisce per parlare male degli altri. Cominciamo a prendere la bella abitudine di benedire tutte le persone che incontriamo, cominciando nella nostra famiglia; e poi anche l’abitudine di fare un segno di croce prima di mangiare, una piccola preghiera insieme come famiglia; cominciamo a creare il primo gruppo di preghiera nella nostra famiglia. Se è difficile, cominciate voi, date voi l’esempio nella vostra famiglia. La Madonna ha detto che coloro i quali hanno avuto la grazia di venire qua, che cioè sono stati chiamati, ritornando alle proprie famiglie, devono dare testimonianza, devono essere gioia per gli altri, portando l’amore di Dio a quelle persone che non lo hanno ancora conosciuto. Così noi abbiamo visto che la Madonna, non soltanto attraverso il digiuno, poi ancor più attraverso la Confessione ci ha aiutato ad avvicinarci a Dio e ci ha raccomandato di prendere un sacerdote come guida spirituale; perché Lei ha detto che tante volte noi non sappiamo confessarci bene. Per questo la Madonna ci ha invitato a scegliere un sacerdote come guida spirituale, così possiamo capire di più l’importanza della Confessione. Poi pian piano, attraverso la Confessione e l’incontro con Dio nella Confessione, la Madonna ci ha portato alla Santa Messa e ha detto che la S. Messa deve essere il centro della nostra vita.

La Madonna ci ha invitato a vivere la Santa Messa; e come Lei ci ha indicato qui a Medjugorje, prima della Santa Messa noi abbiamo cominciato a pregare due parti del Rosario come preparazione all’incontro con Gesù, perché tante volte siamo distratti dai nostri pensieri e non siamo abbastanza concentrati per incontrarci con Gesù. La Madonna ci invita continuamente a mettere Dio al primo posto nella nostra vita. Poi pian piano la Madonna, attraverso la conversione quotidiana, ha cominciato a chiamarci alla santità; e ha detto che ognuno di noi è chiamato alla santità, non importa chi siamo, da dove siamo, quale scuola abbiamo fatto; che tutti siamo chiamati alla santità. Per questo la Madonna ha cominciato a dirci di creare gruppi di preghiera dove possiamo aiutarci l’uno con l’altro e scoprire l’amicizia e la gioia della preghiera. La Madonna tante volte ci ha invitato, come stasera, anche sulla Collina delle apparizioni e sulla Collina della Croce. La Madonna desidera che tutti noi facciamo esperienza di Dio, non soltanto andando in un Santuario, ma anche nella nostra camera, pregando nel silenzio della nostra camera, dove possiamo metterci in ginocchio.

In tanti messaggi abbiamo visto che la Madonna ci vuole bene e dice: "Io intercedo davanti a Dio per voi. Pregate perché quando pregate aprite il vostro cuore e io posso pregare per voi e in quel momento io posso darvi le grazie". Tante volte abbiamo visto che la Madonna ci vuole bene e per questo noi la seguiamo. La Madonna non ha interessi che riempiamo un Santuario o l’altro, ma la Madonna ha un unico interesse: noi, le nostre persone e ognuno di noi suoi figli. La Madonna in un messaggio nei primi giorni delle apparizioni ha detto: "Se c’è bisogno, io busserò sulla porta di ogni famiglia". Noi non abbiamo mai potuto pensare che la Madonna avrebbe potuto rimanere in mezzo a noi così a lungo. Ma durante questi anni abbiamo visto che la Madonna ci vuole bene, un bene immenso; infatti abbiamo visto che la Madonna tante volte guarisce. Ad esempio la settimana scorsa una mamma mi ha detto che dopo 15 anni lei adesso ha avuto una bambina, che è nata grazie alla Madonna. Racconta: "I medici mi avevano detto che non c’era niente da fare, di adottare un bambino e di essere contenta così".

Lei ha detto che ha pregato perché aveva sentito che la Madonna in diversi messaggi ripeteva: "Chiedete, ed io intercedo davanti a Dio per voi". Lei e suo marito hanno chiesto ed hanno avuto la bambina. Fra le tante, anche questa è una piccola gioia di una famiglia; ma se tutti noi cominciamo a raccontare, ognuno di noi potrebbe dire: "Anch’io ho avuto l’esperienza che la Madonna mi ha aiutato, mi ha dato una mano; quando abbiamo tirato il suo vestito e abbiamo chiesto aiuto, Lei ci ha aiutato". Così io vi auguro che anche oggi sia una giornata per scoprirLa ancora di più. Non come noi veggenti che il primo giorno siamo scappati e Vicka ha perso le scarpe scappando; perché nessuno di noi poteva immaginare che la Madonna potesse venire da noi. Adesso possiamo ringraziare Dio e dire che è una grazia. Una grazia che viviamo nella nostra vita in modo normale, non straordinario; io come mamma, perché io sento che la mia vocazione più grande è quella di essere mamma, con i miei figli, che posso aiutarli, istruirli e dire loro di mettere Dio al primo posto nella loro vita. Perché ho visto che prima delle apparizioni la mia famiglia aveva istruito anche me di mettere Dio al primo posto nella mia vita. Tuttavia allora Dio era uno di cui si raccontava tanto, ma era su, in cielo, lontano, un Dio di cui dovevamo avere paura. Ma abbiamo scoperto durante questi anni che invece Dio non è quello che ci castiga, ma Dio è quello che guarisce; Dio è quello che non ammonisce, ma ama; Dio è quello che aiuta.

Nel Vangelo Gesù dice: "Dove ci sono due o tre uniti nel mio nome, Io sono con loro". Dio non è su, in qualche parte del cielo, ma è in mezzo a noi. Io credo e oggi lo proclamo anche a tutti voi che Dio ci vuole bene e per questo ha mandato la sua e nostra Madre perché vuole aiutarci e vuole salvarci, vuole salvare questa umanità che va contro Dio e anche contro corrente. Vediamo infatti che senza Dio non è possibile vivere. Noi spesso diamo ai nostri figli solo le cose materiali e pensiamo di darne sempre di più, ma vediamo la povertà dei loro cuori quando non gli abbiamo dato Dio, quando non li abbiamo istruiti nella preghiera. Per questo è arrivata la Madonna. Lei fa capire a tutti noi che ognuno di noi è suo figlio e che possiamo cominciare anche oggi a vivere una vita nuova anche se abbiamo 90 anni, perchè la Madonna è in mezzo a noi e ci dice: "Io vi voglio bene; se sapeste quanto vi amo, piangereste di gioia". Un giorno abbiamo chiesto alla Madonna: "Perché tu sei così bella che non possiamo descrivere la tua bellezza? " La Madonna ha detto: "Io sono bella perché amo". Io vi invito tutti a cominciare ad amare la Madonna, perché se cominciate ad amare la Madonna, la Madonna vi porta a Gesù e quando avete Gesù, avete la vita eterna. La Madonna ha detto in un messaggio: "Desidero che cominciate a vivere il Paradiso qui sulla terra". Ma tante volte vedo famiglie che sono distrutte, separate che si costruiscono un inferno. La Madonna invece ci invita a costruire il Paradiso e lo possiamo se abbracciamo la preghiera. Ecco, io vi auguro questo con tutto il cuore e che Dio vi benedica. Questa sera, quando sarà il momento dell’apparizione io pregherò per tutti voi e per tutte le vostre intenzioni…(applauso). Lasciamo stare gli applausi. Tutto il merito va alla Madonna. Se la Madonna non veniva qua, io non ero qua e voi non eravate qua; se dobbiamo fare un applauso, dobbiamo farlo alla Madonna, perché è per causa sua che siamo qua.

Questa è la cosa più bella che possiamo fare: cominciare con un "Sì" alla Madonna. Dicendo "Si" alla Madonna in quel momento non diciamo soltanto un "Sì" alla vita, ma un "Sì" anche alla nostra personale conversione e alla conversione della nostra famiglia. In quel momento cominciamo a scoprire la gioia di essere figli di Dio. Vi auguro con tutto il cuore che ognuno di voi possa scoprire in questi giorni l’amore della Madonna. Andate sulla Collina delle apparizioni, sulla Collina della Croce, nella Chiesa, alla Croce Blu, ecc. Anche voi che siete qui per la prima volta, scoprirete chissà quale piccolo posto dove potete nascondervi e pregare. Sfruttate bene questo tempo, non cercate le cose, non preoccupatevi del cibo o del rosario nuovo che potete comperare per avere una collezione di rosari, o altre cose; ma cominciate a sfruttare questo tempo per dire: "Questo è il tempo che io dedico a Dio perché io voglio sentirlo".

E vedrete che Dio non si nasconde, ma si mostrerà con tutto il suo splendore ad ognuno di noi. Desidero dirvi ancora una cosa sola, visto che prima cominciavate ad applaudire, e ricordatevi bene questo: non attaccatevi ai veggenti, qualsiasi veggente, neanche a me che da 22 anni vivo questa esperienza e che al 100% vi dico è verità, che ci hanno studiato, che hanno detto che siamo normali… Noi tante volte prendiamo in giro i giornalisti che arrivano e che chiedono se siamo schizofrenici e gli diciamo che siamo normali e che abbiamo i documenti che dicono che siamo normali. Gli diciamo: "Quando tu avrai un documento come il mio ritorna e poi parleremo". Ormai io vivo in Italia, sono parte di voi e ho visto che tante volte ci sono veggenti o presunti veggenti qua e là. Per favore, se per caso vedete dei segni che Dio vi da, sono per voi. Mi ricordo una volta un gruppo di Napoli, alle 2 di notte era davanti alla mia casa e hanno detto che avevano visto una cosa bellissima; gridavano alle 2 di notte dicendo che vicino alla Croce Blu c’era l’immagine della Madonna alta più di 20 metri. "Vieni, presto!". Io mi sono messa uno scialle sulla testa perché non volevo che mi vedessero perché potevano dire che anche Marija la veggente ha visto e allora è vero… Ma io ho pensato di andare a vedere e l’ho vista anch’io: la Madonna non era quella che vedevamo ogni giorno, ma era più grande, era alta più di 20 metri.

Di questo gruppo napoletano l’hanno vista tutti mentre pregavano alle 2 di notte; hanno pregato col cuore, come sanno fare i napoletani. Questo è successo nel 1984. Il giorno dopo sono andati dal Parroco a testimoniare; erano circa 60 persone. Ma non soltanto loro. Qui si sono visti tanti segni, anche prima delle apparizioni; tante persone di Medjugorje hanno visto. Dove voi dormite, provate a chiedere e loro cominceranno a raccontare le loro storie che ognuno di loro ha; per questo ci hanno sostenuto. Qui c’era il comunismo che cercava di soffocare tutto questo. Noi abbiamo allora chiesto alla Madonna: "Queste persone hanno visto dei segni. Cosa sono?" La Madonna ha risposto che sono segni personali per aumentare la loro fede. Così anche se avete segni, teneteli per voi e dite: questo è un segno per me perché devo crescere nella fede. Una volta mi hanno portato in un gruppo di persone i cui figli sono morti e hanno creato un gruppo di preghiera. Ma li c’è una signora che vede la foto e dice: "questo è salvo e questo non è salvo". Mi hanno portato dentro una volta e ci sono cascata. Per questo vi dico per esperienza: non legatevi ai veggenti. La Madonna già all’inizio ci disse: "Dalla Collina delle Apparizioni andate nella Chiesa e là sarete protetti". Noi siamo andati in Chiesa e siamo parte della Chiesa. Per questo vi dico: non legatevi a nessun veggente. Anche se è una persona santa, consigliatela di prendere un sacerdote, una guida spirituale e di lasciarsi guidare; più nascosta è, meglio è. Anch’io ho una guida spirituale, prima avevo Padre Slavko, adesso ho un altro. Questo vi ho detto per mettervi in guardia da tanti veggenti, maghi e stregoni.

Grazie di nuovo e che Dio vi strabenedica tutti.

Concludiamo il nostro incontro pregando e accogliendo la benedizione di un sacerdote: Pater, Ave, Gloria. Don Luigi Ferrari: "Sotto la tua protezione cerchiamo rifugio Santa Madre di Dio, non disprezzare le suppliche di noi che siamo nella prova, ma liberaci o Vergine gloriosa e benedetta". Preghiamo: Padre Santo, Dio Onnipotente ed eterno, ti ringraziamo perché per 22 anni hai reso presente quotidianamente la tua e nostra santissima Madre. Continua con questo dono, abbiamo bisogno di Lei per arrivare attraverso Gesù a Te, per essere riempiti del tuo amore, della tua presenza e della tua grazia per cominciare a vivere il Paradiso su questa terra. Per questo Ti benediciamo e nel Tuo nome benediciamo tutti i presenti, nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

Visite: 461

TAGS: ConversioneBestemmiaDigiunoMadonnaMarijaMassoneriaPreghieraSacra ScritturaSanta MessaTestimonianza