Maria a Medjugorje Messaggio del 18 marzo 2008:Cari figli, oggi tendo le mie braccia verso di voi. Non abbiate paura di accoglierle. Esse vi vogliono dare amore, pace e aiutarvi nella salvezza. E per questo, figli miei, accoglietele. Riempite il mio cuore di felicità e io vi guiderò verso la santità. La strada sulla quale io vi guido è difficile, piena di prove e di cadute. Io sarò con voi e le mie braccia vi sosterranno. Siate perseveranti affinché alla fine del cammino tutti insieme, nella gioia e nell’amore, potremo tenerci per le mani di mio Figlio. Venite con me, non abbiate paura. Vi ringrazio.

Testimonianza di Mirjana di Medjugorje del 2003




Vi saluto con tutto il cuore e vi auguro il benvenuto a Medjugorje, luogo che la Madonna ha scelto per venire a dirci come trovare Suo Figlio.

Vorrei iniziare dal primo giorno delle apparizioni. Sicuramente tutti ricordate che le apparizioni a Medjugorje sono iniziate il 24 giugno 1981. Io venivo da Sarajevo, dove vivevo con i genitori e trascorrevo le mie vacanze estive a Medjugorje. Questo era un paese piccolo e calmo dove Dio era al primo posto in quasi tutte le case, dove la fede veramente era forte e in ogni famiglia, prima della cena, si pregava il Rosario.

Eravamo nel periodo del Comunismo nella Jugoslavia e così la vita spirituale si svolgeva nelle famiglie dove i genitori non parlavano né di Fatima né di Lourdes o della possibilità che la Madonna veniva sulla terra. Noi bambini non sapevano che la Madonna era apparsa sulla terra. Quel giorno, festa di San Giovanni, io e Ivanka volevamo stare da sole e siamo uscite dal paese e passeggiavamo sotto la collina delle apparizioni. Ad un certo momento Ivanka mi ha detto: ‘Penso che la Madonna è sulla collina’. Io non volendo nemmeno guardare e ho risposto: ‘Non prendermi in giro, la Madonna è sul cielo. Secondo te, non ha niente da fare che venire da noi qui’. Così l’ho lasciata sola, in quel posto e sono tornata in paese, ma quando sono stata vicino alle prime case, dentro di me sentivo il desiderio di tornare indietro per vedere cosa stava facendo Ivanka. L’ho ritrovata allo stesso posto e lei mi ha detto: ‘Guarda adesso’. Ho guardato e ho visto sulla collina una donna con un abito grigio lungo che teneva un bambino in braccio.

Era strano, perché sulla collina non andava nessuno e non esisteva il sentiero, come invece c’è oggi, e soprattutto non mi aspettavo di vedere nessuno con un abito lungo e un bambino in braccio. Ho provato tutte le emozioni in un stesso momento e non sapevo se ero viva o morta. Non sapevo cosa stava succedendo. In quel momento è passata Vicka che ci stava cercando e quando anche lei ha visto questa donna, scalza e di corsa è tornata in paese. Io ho detto a Ivanka: ‘Chissà che cosa è questo, è meglio che scappiamo anche noi’. Siamo scappate e subito ho detto a mia nonna: ‘Io penso di aver visto la Madonna sulla collina delle apparizioni’, lei mi ha risposto: ‘Prendi il Rosario e pregalo e lascia la Madonna lì dov’è’. Per tutta la notte ho pregato, in quanto solo nella preghiera sentivo la pace e solo nella preghiera sentivo me stessa e non potevo addormentarmi. Il giorno dopo abbiamo lavorato come gli altri giorni e non ho visto gli altri veggenti.

Quando è arrivata l’ora che il giorno prima avevamo visto la Madonna, ho sentito che dovevo andare ai piedi alla collina e l’ho detto ai miei zii che mi hanno accompagnato perchè si sentivano responsabili di me. Quando siamo arrivati ai piedi della collina, vi ho trovato Ivanka, Jakov, Marija e altri con i genitori e tanta gente, c’era già una folla. Abbiamo visto la Madonna allo stesso posto solo che non aveva il bambino in braccio, e questa volta, il 25 giugno, Lei ci ha invitati ad avvicinarci. Noi ci siamo avvicinati a Lei ed è stato un momento di grande emozione, di gioia, di paura, ma la Madonna ha detto: «Non abbiate paura, Io sono la ‘Regina della Pace’», si è presentata così e sono iniziate le nostre apparizioni quotidiane. Ma solo per un breve periodo avevano le apparizioni sulla collina, perché nel periodo del Comunismo, le preghiere non erano permesse e la Polizia circondava la collina delle apparizioni e tutti coloro che si trovavano in quel luogo li portavano in prigione. La Madonna ha pensato anche a questo, Lei ha fatto tanti segni naturali, così che tutti nel paese li hanno visti, e questo è stata la conferma che noi dicevamo la verità. Tutti ci aiutavamo e ogni giorno avevamo le apparizioni in posti diversi così che la Polizia non sapeva mai dove noi ci trovavamo.

Ho avuto le apparizioni quotidiane fino al Natale 1982, quando la Madonna mi ha dato il decimo segreto dicendomi che io non avrò più le apparizioni quotidiane, ma solo una volta all’anno, il 18 marzo e queste dureranno fino alla mia morte. Mi ha annunciato che avrò delle apparizioni straordinarie che sono iniziate il 2 agosto 1987 e che durano ancora oggi, ma non so fino a quando continueranno. Per le apparizioni annuali la Madonna mi ha promesso che proseguiranno per tutta la vita, ma non mi ha detto nulla per le apparizioni del 2 di ogni mese. Queste apparizioni sono per i ‘non credenti’, ma la Madonna non dice mai ‘non credenti’ ma: ‘Coloro che non hanno conosciuto l’amore di Dio’. La Madonna chiede il nostro aiuto ma non pensa solo a noi veggenti, ma a tutti coloro che vedono Lei come una Madre perché ci dice che noi possiamo cambiare i non credenti, ma solo con il nostro esempio e la nostra preghiera. Lei chiede che nelle nostre preghiere quotidiane mettiamo intenzione per i non credenti, perchè Lei dice che tante cose brutte che succedono al mondo come guerre, droga aborti partono dai non credenti, e in un messaggio ha detto: ‘Cari figli, quando pregate per loro, voi pregate per voi e per il vostro futuro’.

Oltre alle nostre preghiere, Lei chiede il nostro esempio, Lei chiede che testimoniamo con la nostra vita così i non credenti vedranno in noi l’amore di Dio, e Dio stesso. Quando dico che la Madonna non chiede da noi le prediche, non intendo dire che dobbiamo stare sempre zitti, ma prima dobbiamo pregare e sentiremo quando è il momento giusto per dire qualcosa e saremo guidati da Gesù Cristo. Se invece noi non preghiamo le nostre parole saranno vuote, mentre se preghiamo attraverso le nostre parole parlerà Gesù. Quando la Madonna dice ‘pregate per i non credenti’, Lei chiede che per prima cosa sentiamo amore verso di loro, dobbiamo sentirli come nostri fratelli e sorelle che non sono stati tanto gioiosi di conoscere l’Amore Divino, per cui quando sentiamo questo amore possiamo pregare per loro, non criticarli, non giudicarli mai, ma semplicemente pregare per loro, amarli e presentargli il nostro esempio.

Per la Madonna i ‘non credenti’ sono tutti coloro che non sentono la Chiesa come la propria Casa e Dio come proprio Padre.

La Madonna a noi veggenti ha dato una missione in queste apparizione:
la mia missione e la preghiera per i non credenti;
Vicka e Jakov pregano per gli ammalati;
Ivan per i sacerdoti;
Marjia per le anime delle purgatorio;
Ivanka per le famiglie.


Il messaggio più importante della Madonna e Lei sempre lo ripete è la Santa Messa e non solo di domenica. All’inizio a noi veggenti ha detto, quando eravamo ancora bambini: ‘..Se dovete scegliere tra vedere me e Santa Messa, sempre scegliete la Santa Messa , perché durante la Santa Messa, mio Figlio è con voi’.

In questi 23 anni di apparizioni la Madonna non ha detto mai di pregare che Lei ci darà, ma sempre ripete: ‘Voi voi pregate affinchè io possa pregare mio Figlio per voi’. Sempre Gesù Cristo è al primo posto Tanti pellegrini che vengono a Medjugorje pensano che noi siamo privilegiati e che le nostre preghiere valgono di più e che è sufficiente dire a noi i loro problemi e tutto sarà a posto, ma questo è completamente sbagliato perché per la Madonna non ci sono ‘figli privilegiati’ siano tutti uguali. Lei ha scelto noi veggenti e attraverso noi trasmette quello che è necessario fare per trovare Gesù Cristo, ma Lei ha scelto soprattutto voi perché in un messaggio dice: ‘Cari Figli aprite il vostro cuore e permettetemi di entrare che possa creare i miei apostoli con voi’. Allora che cosa possiamo fare noi 6 veggenti, se Lei non avesse invitato tutti voi come Suoi Apostoli per divulgare e portare a tutti i suoi messaggi.

La Madonna parla soprattutto in questo ultimo periodo dei sacerdoti e dice: ‘Loro non hanno bisogno delle vostre critiche e del vostro giudizio ma hanno bisogno delle vostre preghiere’ e soprattutto in questo periodo difficile che tutti possiamo vedere. Noi che ci chiamiamo ‘Figli di Dio’ dobbiamo presentare e dobbiamo rispettare e amare i sacerdoti, non giudicarli o criticarli, perché Dio giudicherà noi, secondo il nostro giudizio verso i sacerdoti, giudicherà anche loro sulla loro vita di sacerdoti, ma solo Dio giudica e non noi. La Madonna dice: ‘Se perdete l’affetto verso i sacerdoti lo perdete verso la Chiesa e alla fine verso Dio stesso’. Per questo vi prego, soprattutto voi che siete venuti qui a Medjugorje, di ascoltare il messaggio della Madonna e quando tornate nelle vostre parrocchie siate di esempio e rispettati i sacerdoti e aiutate anche agli altri ad averne. La Madonna chiede che riportate il Rosario nelle nostre famiglie perché dice che niente può radunare la famiglia come la preghiera e i genitori hanno una grande responsabilità verso i proprio figli perchè sono coloro che devono fare le ‘radici’ per i figli e possono farlo solo se pregano insieme e se vanno insieme alla Santa Messa. I figli ascoltano poco di quello che dicono i genitori, ma molto di più guardano cosa stiamo facendo, perciò i genitori con il loro esempio devono testimoniare che Dio e la Madonna sono al primo posto, questo i bambini devono sentire nelle nostre famiglie, così avranno le giuste famiglie della fede.

Io sempre racconto l’esempio della mia famiglia che mi ha toccato tantissimo. Mia figlia Marija, aveva due anni e mezzo e non le ho mai parlato delle apparizioni, perché pensavo che non poteva capire, invece un giorno mentre giocava nella camera insieme con le amiche e ho sentito una amica che diceva a Marja: ‘La mia mamma guida la macchina’. Mia figlia dapprima sta zitta e poi ha risposto: ‘Ma cosa vuoi che sia questo, la mia parla con la Madonna ogni giorno’. Quindi lei, anche piccola, aveva capito perché vedeva cosa succedeva nella casa e per questo i genitori devono essere molto attenti di dire meno parole ma più opere davanti i figli. La Madonna chiede il digiuno, a pane e acqua il mercoledì e il venerdì, perché molto spesso Lei ha detto anche durante la guerra: ‘Con la preghiera e il digiuno voi potete cambiare tutto’. Quindi il digiuno è importante, la Madonna non chiede il digiuno dagli ammalati, ma chi lo è veramente, perché avere solo male di stomaco o male di testa sono cose normali che compaiono quando si è all’inizio del digiuno. Ma le persone che sono veramente malate attraverso la preghiera sentiranno cosa possono fare per Iddio, se non possono digiunare possono fare altre cose, possono come aiutare anziani o altri malati, possono fare ciò che manca nel mondo di oggi, cioè fare un ‘SORRISO’ al prossimo, si può trovare del tempo per il prossimo.

Qualche volta non capiamo che chi ci passa vicino è pieno di problemi, di dolori, di preoccupazioni ed è ‘perso’ in questo mondo, ma un nostro sorriso può cambiare tante cose. Per questo io dico sempre ai pellegrini: ‘Abbiate tempo per il vostro prossimo, fate un sorriso, è un esempio di fede’, noi possiamo dare esempio della fede perché è bello essere ‘figli della Madonna’, e invece stiamo spesso con il ‘muso’, arrabbiati e non abbiamo un sorriso da offrire gli altri. Dobbiamo sforzarci di sorridere e di presentare agli altri il nostro amore per loro e in ogni uomo vedere Gesù Cristo. Secondo la mia opinione, se facciamo qualcosa per gli altri, possiamo dire che siamo dei veri fedeli, quello che ha detto un sacerdote mi ha toccato tanto: ‘Come puoi dire che credi in Dio, che Dio è al primo posto per te, se con il tuo vicino di casa non parli, voi non sapete come è lui come persona. Forse lui sta aspettando un incontro con te, perché in te, lui, vede Gesù e quando anche tu lo vedrai come Gesù, potrai dire di essere fedele e il tuo cuore è riempito con Dio’.

Fonte: http://www.medjugorjegiovani.it/

Visite: 398

TAGS: FatimaFamigliaLourdesMirjanaTestimonianzaVeggenti