Maria a Medjugorje Messaggio del 2 ottobre 2011:Cari figli, anche oggi il mio Cuore materno vi invita alla preghiera, ad un vostro rapporto personale con Dio Padre, alla gioia della preghiera in Lui. Dio Padre non vi è lontano e non vi è sconosciuto. Egli vi si è mostrato per mezzo di mio Figlio e vi ha donato la vita, che è mio Figlio. Perciò, figli miei, non fatevi vincere dalle prove che vogliono separarvi da Dio Padre. Pregate! Non cercate di avere famiglie e società senza di Lui. Pregate! Pregate affinché la bontà che viene solo da mio Figlio, che è la vera bontà, inondi i vostri cuori. Solo cuori pieni di bontà possono comprendere ed accogliere Dio Padre. Io continuerò a guidarvi. In modo particolare vi prego di non giudicare i vostri pastori. Figli miei, dimenticate forse che Dio Padre li ha chiamati? Pregate! Vi ringrazio.

PADRE JOZO ZOVKO: A TIHALJINA ABBIAMO GUSTATO UN PEZZO DI CIELO

Oltre 200 pellegrini italiani in preghiera: In preghiera col P. Jozo Zovko (Venerdì 13.2.1987, ore 14.30)




Intervento e preghiera di P. Jozo prima della Messa:

“Ci eravamo abituati a ricevere ogni settimana un messaggio dalla Madonna. Ora essa ha prodotto in molti come uno choc: non parla più ogni settimana, ma solo una volta al mese, il 25 di ogni mese.
C’era, purtroppo, molta curiosità. La gente telefonava chiedendo:
Che dice la Madonna? Che ha detto la Madonna?
Ma la Madonna non parla per questo, non parla per soddisfare la nostra curiosità. Essa persegue un altro valore. Allora io desidero e voglio pregare per voi e con voi, per capire questo dono che ti è stato dato, per capire meglio il senso di questo pellegrinaggio, la tua presenza a Medjugorje, in questi posti sacri.
Preghiamo: Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

1. Padre, ecco la tua Chiesa: sta qui davanti a Te. Sono tuoi figli, che Tu hai chiamati. Sono presenti in questi luoghi, dove in modo particolare è presente la tua Madre da cinque anni, sette mesi e venti giorni.
Padre, là Chiesa è qui, umilmente prega: apri i nostri occhi per vederti, apri i nostri orecchi per sentirti, apri la nostra mente per capire la nostra presenza qui, la nostra chiamata.
Tu sei grande. Hai mandato il tuo Figlio, perché nessuno si perda. O Gesù, oggi, venerdì, Tu sei morto, Tu hai dato la vita, in questa stessa ora Tu sei stato sulla croce.

Noi siamo inginocchiati davanti a Te, sul Calvario. Il nostro cuore desidera dirti il nostro ringraziamento. Grazie, Signore Gesù, grazie per la tua morte, grazie per la tua croce. Tu hai abbracciato la croce, Tu hai sentito da ognuno di noi l’abbraccio, Tu ci hai visti. Oh, Tu sei caduto, perché io sono pesante. Grazie, Signore Gesù, perché Tu non mi hai rifiutato, non mi hai gettato, Tu mi hai portato. Grazie, Signore Gesù, per il tuo sangue, uscito dal tuo corpo come segno di vita, come seme di vita. Grazie, Signore, perché il tuo sangue adesso è presente nel nostro corpo. Grazie, Signore Gesù, per le tue piaghe, che sono sorgenti di amore, di luce, di speranza, che sono impronte del tuo amore.

O Signore Gesù, la tua Chiesa umilmente prega davanti alla tua croce: apri i nostri occhi e liberaci, Signore, con la tua morte da noi stessi, dal nostro orgoglio, dalla nostra superbia, dal nostro egoismo. Il tuo amore è più forte del nostro egoismo. Vieni Tu in noi, o Gesù, con l’amore e con la pace.

Gesù, con le tue mani difendi la tua Chiesa, difendici da ogni male. Nel tuo nome, nel nome di tutta la Chiesa, preghiamo umilmente per il dramma dell’amore:
Pater, Ave, Gloria.

2. Gesù, prima di morire, ci hai regalato la tua Mamma. Dalla beata Vergine Tu hai generato ognuno di noi. Questi dolori sulla croce sono tuoi, sono nostri; in questo parto siamo tutti noi. In questi giorni risuona nel nostro cuore questa voce: «Ecco la tua Mamma; prendila!».

Grazie, o Mamma. Noi ti ringraziamo, perché Tu non hai paura di stare con noi, perché Tu non hai paura di tornare a casa con noi. Noi, che tante volte siamo come pagani e non come tuoi cari figli, stasera, adesso, siamo davanti a Te. Dal tuo Figlio crocefisso ascoltiamo la parola: «Ecco la tua Mamma!».

Gesù, Signore nostro, noi ti ringraziamo per la Mamma. Grazie, Signore Gesù, per la Madonna; grazie, perché Lei è entrata nella nostra Chiesa e vi è rimasta per sempre. Grazie, perché noi non possiamo organizzare la nostra vita senza la Mamma.

O beata Vergine, ecco i tuoi figli, dispersi dal male per ogni dove, col male nel cuore; tante volte nel buio, senza pace, senza armonia nella famiglia, senza amore, tante volte rovinati dal male. Ecco i tuoi figli, che ti vogliono bene. Hanno sentito la tua voce, hanno sentito la tua chiamata, e sono arrivati. Apri le tue mani e abbracciali ad uno ad uno, difendili, riempili con la tua presenza, con la tua benedizione, con la tua pace. O Regina della pace, Tu sei Regina dell’amore, Regina della fede, Tu sei la nostra Protettrice.

Proteggi ognuno, difendi ognuno, salvaci tutti. O Tu, quale nostra Mamma, entra nella nostra vita. Ecco il tuo tempio. Il popolo sta nel tempio come il tuo Figlio, davanti al Padre, al tuo Figlio e davanti a Te. Oh, trova ognuno di noi, prendi ognuno e porta a casa ognuno.

Distruggi il male in noi, supera il male che c’è in noi.

Gesù, Figlio della Madonna e di Dio, Salvatore nostro, entra nei nostri cuori con la tua pace e con la tua luce, e supera ogni tenebra; entra con il tuo amore, e distruggi e supera l’invidia, la gelosia, l’odio, l’ateismo, ogni male. O Signore, pieni di fiducia, di grande speranza, di grande amore, uniti alla tua Mamma e a tutta la Chiesa, noi supplichiamo questi doni, queste grazie da Te:
Pater, Ave, Gloria.

3. 0 beata Vergine, Tu hai pregato con la Chiesa, nel Cenacolo, per il dono dello Spirito Santo. Lo Spirito Santo è stato mandato dal Padre e dal Figlio. La Chiesa lo ha ricevuto. Ecco la tua Chiesa: ti prega per questo dono. Oh, mandaci il tuo Spirito, o Signore Gesù, lo Spirito Santo che rinnova e fa rinascere, che crea un nuovo mondo e dà una nuova vita. Siamo poveri, siamo morti. Tocca, o Signore, con il tuo Spirito tutti morti, e risusciteranno. Tocca, o Signore, con il tuo spirito tutti i prigionieri del male, noi, schiavi del peccato.

Oh, vieni, Spirito Santo, rinasci in noi, cambiaci, aiutaci. Tutta la Chiesa, tutti i presenti, con la Mamma di Gesù, preghiamo per il tuo Dono: apri i nostri occhi, cambia i nostri cuori e la nostra mentalità; donaci un cuore nuovo, un cuore che sappia amare, sentire e vivere per gli altri. Oh, cambiaci, Signore. Vieni, Spirito Santo, e riempi tutti noi, e fa di noi la tua Chiesa, che viva per Te e in Te.
Pater, Ave, Gloria.

Visite: 385

TAGS: Padre Jozo