Maria a Medjugorje Message of April 25, 2011:Dear children! As nature gives the most beautiful colors of the year, I also call you to witness with your life and to help others to draw closer to my Immaculate Heart, so that the flame of love for the Most High may sprout in their hearts. I am with you and I unceasingly pray for you that your life may be a reflection of Heaven here on earth. Thank you for having responded to my call.

Domande a padre Petar Ljubicic

La Mamma è qui e ci chiama prima che sia troppo tardi - Senso dell’avvertimento che egli dovrà svelare tre giorni prima






D - Padre, molti si chiedono: “ La Madonna appare davvero a Medjugorje?”. Forse molti vorrebbero fare questa domanda: lei, quale testimonianza può darci su queste apparizioni?

P.Petar: “Queste apparizioni per me sono la verità che Dio è vivo, che anche oggi Dio porta l’umanità alla salvezza. Anche se esiste tanto male e grandi peccati in questa terra, Dio dà il suo amore al mondo. Queste apparizioni potevano essere di pochi giorni come a Lourdes e a Fatima. Penso che il mondo oggi ha tanto dimenticato Dio, per questo Dio desidera dare tutto per la nostra salvezza e manda Sua Madre per aiutarci a ritornare a Lui: specialmente quando Dio aspetta una persona che non si confessa da 30 o 40 anni (e viene a Medjugorje e si confessa) vuol dire che Dio ci aspetta con amore per la nostra salvezza.
E quando vengono a Medjugorje dicono: “Qui io non mi vergogno di niente, perché qui c’è la Madonna che è mia Madre e io non ho niente da nascondere”. Tanti dicono: “Queste apparizioni ci spiegano che noi non possiamo più vivere come abbiamo vissuto fino adesso in peccato; non è importante se io vedo o no la Madonna, per me è importante solo se sento nel mio cuore che Lei è presente e che mi desidera come una Madre desidera il figlio”.
Tanti sono venuti e vogliono ritornare perchè vogliono ricevere energia per portare avanti quello che Dio vuole da loro.

D - “Sappiamo che la Madonna ha detto a Mirjana che un giorno o l’altro Lei comunicherà a Padre Petar, con un anticipo di tre giorni, un evento straordinario. Vorrei chiedere a Padre Petar: questo fatto lo lascia sereno, tranquillo, fiducioso o gli crea apprensione?”.

P. Petar: “ Questo è solo un avvertimento per dirci: la Madonna è veramente stata qui in mezzo a noi. Lei in questo momento desidera che ci prepariamo per quello che deve avvenire, affinché dopo non ci spaventiamo. Cosa deve succedere? Non sappiamo perché è segreto: sicuramente si tratta di una cosa spiacevole, sopratutto sarà una ammonizione per coloro che giocano con la salvezza delle anime. Una volta, tramite Mirjana, la Madonna ha detto: “Tanti si interessano solo quando succederanno quelle cose; io sono qui già da più di 5 anni e vi richiamo sempre alla conversione e alla preghiera”.
Questa è la cosa più importante; quando arriva il tempo del compimento, rimane poco per pensarci e convertirsi. Se noi, durante al nostra vita, non accettiamo le grazie, aspettando solo i segni, siamo sempre in pericolo di non accettare nemmeno l’ultima grazia.
Spesso racconto una cosa che è successa poco fa ad una madre in ospedale: moriva nell’ospedale perché nell’anima aveva tanti peccati, avendo fatto aborti, ammazzando bambini. Quando il sacerdote, perché consigliato dai parenti, ha detto: “Vado ad aiutarla nel momento della morte”, lei non accettava nessuno. Quando il sacerdote le ha portato la croce ha detto: “Tu non devi fare niente, solo guardare Gesù e baciarlo e tutto è perdonato”, non ha detto niente, ha sputato solo sulla croce ed è morta.
Ecco cosa vuoi dire non accettare l’ultima grazia. Dio aspettava anche sul letto di morte. Quando uno non accetta, Dio non forza nessuno. La Madonna ha detto: “ Io non voglio che siate santi per forza”.
Nemmeno i veggenti che vedono ogni giorno la Madonna fanno le cose per forza. Dio dona sempre in piena libertà e attende la nostra disponibilità: qui è la Sua grandezza e il nostro potere: o la nostra salvezza o la nostra perdizione”.

Fonte: Eco di Medjugorje nr.59 - da Medjugorie-Montecassiano, n.36

Visite: 2030

TAGS: IntervistaPadre Petar Ljubicic