Maria a Medjugorje Messaggio del 2 marzo 2016:Cari figli, la mia venuta a voi è per voi un dono del Padre Celeste. Per mezzo del suo amore vengo per aiutarvi a trovare la via verso la verità, a trovare la via verso mio Figlio. Vengo a confermarvi la verità. Desidero ricordarvi le parole di mio Figlio. Egli ha pronunciato parole di salvezza per il mondo intero, parole d’amore per tutti, l’amore che ha mostrato col suo sacrificio. Anche oggi però molti miei figli non lo conoscono, non vogliono conoscerlo, sono indifferenti. A causa della loro indifferenza, il mio Cuore soffre amaramente. Mio Figlio è sempre stato nel Padre. Nascendo sulla terra, ha portato la Divinità, mentre da me ha assunto l’umanità. Con lui la Parola è giunta in mezzo a noi. Con lui è giunta la Luce del mondo, che penetra nei cuori, li illumina, li ricolma d’amore e di consolazione. Figli miei, possono vedere mio Figlio tutti quelli che lo amano, poiché il suo volto è visibile attraverso le anime che sono ricolme d’amore verso di lui. Perciò, figli miei, apostoli miei: ascoltatemi! Lasciate la vanità e l’egoismo. Non vivete soltanto per ciò che è terreno, materiale. Amate mio Figlio e fate sì che gli altri vedano il suo volto attraverso il vostro amore verso di lui. Io vi aiuterò a conoscerlo il più possibile. Io vi parlerò di lui. Vi ringrazio.

Padre Slavko: Il piano del Signore non è universale, è individuale




L'ultimo messaggio dice: « Cari figli, vi invito di nuovo alla preghiera col cuore. Se pregate, cari figli, col cuore, si scioglierà il ghiaccio dei vostri fratelli e scomparirà ogni barriera. La conversione sarà facile per tutti quelli che vorranno accoglierla. Questo è un dono che dovete implorare per il vostro vicino ». In questo messaggio la Madonna ha ripetuto tutto quello che ha detto fino ad oggi. Per esempio, se dice: « Vi invito di nuovo alla preghiera col cuore » allora è molto importante la preghiera. Voi sapete che domanda il Credo, 7 Padre, Ave, Gloria, il Rosario intero, leggere la Bibbia e partecipare alla Messa il più spesso possibile, confessarsi: tutto questo è sul livello della preghiera.

Ma noi sappiamo anche dal Vangelo che la preghiera non vale niente se non si prega col cuore.

Ma come si prega col cuore? Col cuore si può pregare se si continua a digiunare; io non posso dire che senza digiuno non si può pregare, ma posso dire che col digiuno si prega più facilmente col cuore e si prega proprio come vuole il Signore.

Sapete che Gesù ha giudicato uno che diceva: « lo prego, do l'elemosina, digiuno due volte la settimana e sono migliore di quello là nell'angolo ». Gesù ha detto: « Tu hai già ricevuto la tua ricompensa. Sei diventato migliore degli altri e basta ». Ma questo non era lo scopo del digiuno e della preghiera: lui si è fermato. Il digiuno e la preghiera, se si fanno col cuore non ci fanno migliori degli altri, ci fanno servi nell'amore per gli altri e ci portano più vicini al Signore. Questo è il senso: la preghiera e il digiuno per noi sono la via, non lo scopo. Per esempio, se avete digiunato venerdì, alla sera non dite: « Guarda, io ho digiunato; guarda, come sono forte »: questo non è lo scopo. Lo scopo è forse anche sentirsi debole, anche aver fame e dire: « Mio Dio non ce la faccio più ». S. Paolo ripete molte volte: « Nella debolezza ho sentito la forza della Grazia ».

La conversione sarà facile per tutti quelli che vorranno accoglierla.

Questo è un dono che dovete implorare per il vostro vicino », allora non digiunate per dire: guarda, lui non digiuna. Se io ho gli occhi non posso dire a un cieco: tu non hai gli occhi. lo posso dargli la mano ed aiutarlo ad andare avanti. Questo è il senso: farsi servo.

Allora pregate col cuore. Non si può dire: « Adesso io comincio a pregare col cuore », come una mamma non può dire al suo bambino: « Adesso tu devi fare il primo passo ». Si educa per il primo passo, per il secondo, per camminare: così anche per questa preghiera col cuore, come anche il crescere di un fiore. Se guardi come cresce non vedrai mai niente, se lo lasci crescere vedrai che diventa più grande. Così voglio dire di aver pazienza con se stessi, con gli altri, pregando, digiunando e lasciandosi anche guidare.

Di nuovo è una grande cosa quando la Madonna dice, conferma, che tutti questi messaggi sono nel Vangelo. È un dono che deve essere implorato per me stesso, ma anche per il nostro vicino.

La Madonna, soprattutto attraverso Mirjana, più volte ha detto: « Pregate per la conversione degli atei ». E io, secondo la mia esperienza e quella che altri sacerdoti mi dicono, credo sicuramente che molti pregano per le intenzioni della Vergine, per la conversione, preparano un cuore nuovo da per tutto. Quando comincio a parlare di Medjugorje tutti stanno attenti e sono già pronti a pregare, a digiunare: perché? Forse perché tanti pregano per le intenzioni della Vergine, per la conversione. E la Vergine, come madre, dà a tutti.

Un sacerdote anglicano americano che era qui un mese fa mi ha detto: « Per caso sono arrivato a Medjugorje. Tu sai che nella nostra Chiesa la Madonna non ha un gran posto, forse nessuno, ma io ho parlato con i miei parrocchiani e subito volevano pregare ». Lui adesso ha più di trenta gruppi che pregano il Rosario: anglicani, protestanti, anche alcuni buddisti e atei. Essi sono arrivati quando hanno sentito che una Vergine, che si presenta come la Regina della pace, chiede la preghiera e il digiuno per la pace. Ha detto: « lo ho nel mio gruppo anche degli atei: non so se pregano, in ogni modo si sono dichiarati così ». Questi sono tutti i segni, le grazie, che la Madonna e il Signore danno per il « vicino » se questi ha sentito il messaggio e segue quanto può. Naturalmente noi restiamo sempre liberi, davanti a tutte queste cose, davanti all'invito del Signore. Ad ogni modo, se si prega, le barriere scompariranno più facilmente.

Una cosa molto importante se qualcuno si interroga ancora sull'autenticità delle apparizioni. La penultima volta la Madonna nel messaggio ha detto di fare attenzione perché il diavolo vuole distruggere le cose. Ha detto il nome « diavolo » nel messaggio all'inizio di settembre e alcune settimane fa ha detto di fare attenzione che il diavolo non possa far niente. Subito dopo il messaggio abbiamo avuto nuovi attacchi da diverse parti.

Se si riassume la dottrina dei messaggi sul diavolo si può dire che lui vuole distruggere tutto e se distrugge in un cuore la pace, l'amore, ha distrutto il piano di Dio, perché il piano del Signore non è universale: è individuale, per ogni individuo.

Poi ha detto: « Pregate: una preghiera ardente e l'amore umile lo disarmano ».

Naturalmente pregare ardentemente e amare umilmente non è facile. È anche una grazia. Io mi domando quando ho pregato l'ultima volta la preghiera ardente, quando ho pregato l'amore umile, perché noi siamo molte volte egoisti nelle nostre preghiere: « Dammi questo, dammi quello » invece di pregare: « Dammi l'amore, dammi lo spirito di preghiera, dammi lo spirito dell'abbandono, della preghiera col cuore ». Queste sono le prime grazie per le quali dobbiamo pregare. Noi siamo abituati a pregare per qualcosa, dobbiamo invece chiedere di poter amare, saper perdonare, essere umili...

... Ai gruppi di preghiera si consiglia di vivere l'esperienza di preghiera degli esercizi spirituali proposti dalla Madonna ai giovani del gruppo di Ivan. Il gruppo può andare veloce come l'ultimo, come il più lento: questa è la velocità del gruppo. Si deve fare attenzione, vedere che cosa può fare un gruppo. Se dite a un gruppo: « Dobbiamo incontrarci tre volte » forse non riuscirete. Forse una volta al mese o ogni quindici giorni: ad ogni modo non forzate niente. Vedete e poi guidate.

La Madonna chiede dal piccolo gruppo di Jelena di incontrarsi ogni giorno, ad un altro gruppo ha proposto due volte la settimana. Anche la Madonna è molto cauta e rispettosa. La prima volta ha domandato un altro giorno. Ha detto: « Domando un altro giorno, perché molti non potevano venire il primo giorno ». Non ha detto: « Perché non venite? Avete promesso... ». Ha detto invece: « Perché molti non possono venire propongo un altro giorno ». E cambia anche i metodi: qualche volta chiede che tutto il gruppo preghi, altre volte che preghino a due a due per conoscersi un po' personalmente.

Se noi fossimo un gruppo di preghiera chi guida potrebbe dire: « Adesso a due a due dite il Rosario, scegliendo qualcuno con cui non si è mai pregato », così ci si conosce meglio, perché se si è in molti il gruppo diventa impersonale, e se si diventa impersonali non si riceve molto. Allora si deve fare attenzione alla dinamica del gruppo psicologicamente. All'inizio la Madonna chiedeva qualche volta di scegliere qualcuno con il quale incontrarsi ogni giorno a bere il caffè, fare una passeggiata, pregare... In Quaresima ha chiesto di scegliere qualcuno del gruppo con il quale fare il cammino spirituale per tutta la Quaresima: incontrarsi con lui anche fuori del gruppo. Questo è molto utile per la crescita spirituale.

Fonte: P. Slavko Barbaric - 24 gennaio 1986

Visite: 518

TAGS: ConversionePadre SlavkoSatana