Maria a Medjugorje

Messaggio del 4 gennaio 1982:Se volete essere felici, fatevi una vita semplice ed umile. Pregate molto e non vi preoccupate troppo dei vostri problemi: lasciateli risolvere a Dio e abbandonatevi a Lui!

'Frutti di Medjugorje' ('Fruits of Medjugorje') da tutto il mondo per il mondo intero

01/09/2020 - Visite: 178
IncrFont Stampa IncrFont Facebook Twitter

 Numerosi frutti di Medjugorje sono da tempo riconosciuti e visibili in ogni parte del mondo, e i più recenti tra questi sono: "Frutti di Medjugorje." Anche se vi si lavora già da due anni, questo è un nuovo progetto del Centro Informativo Mir Medjugorje che i nostri spettatori e ascoltatori hanno incontrato per la prima volta quest’anno al 31 ° Mladifest. La direttrice di questo progetto è Marija Jerki?.

"Quasi due anni fa, su iniziativa del provinciale della Provincia francescana dell'Erzegovina, P. Miljenko Šteko, abbiamo lanciato il progetto" Frutti di Medjugorje". Da più di vent'anni Radio Mir Medjugorje raccoglie e trasmette testimonianze di pellegrini in formato audio con traduzione in croato, poichè  Radio Mir Medjugorje trasmette il suo programma in lingua croata.

Noi abbiamo avuto l’idea di offrire programmi simili agli amici di Medjugorje in tutto il mondo. E così è nato il progetto "Frutti di Medjugorje", un progetto video il cui obiettivo è raccogliere testimonianze di persone le cui vite sono state cambiate a Medjugorje o a causa di Medjugorje ", ha detto Marija Jerkic. Alcune testimonianze sono state mostrate al Mladifest di quest'anno.

"Il nostro piano originale era di iniziare  il progetto, ovvero renderlo disponibile al grande pubblico in primavera, ma a causa della pandemia abbiamo deciso di  rinviarlo e questa sembra essere stata la decisione giusta. “Siamo stati in grado di contribuire al programma del 31 ° Mladifest", ha detto  Marija Jerki?, le cui due testimonianze video del progetto "Frutti di  Medjugorje" ("Fruits of Medjugorje") sono state proiettate a Mladifest, insieme ad un documentario girato per alcuni mesi a Medjugorje e in Italia.

''La maggior parte delle testimonianze sono state registrate sotto forma di intervista. Tuttavia, come parte integrante del progetto "Frutti di Medjugorje", vogliamo realizzare occasionalmente brevi documentari, in base alle disponibilità finanziarie e logistiche.

Il secondo giorno del Festival è stato proiettato il nostro primo breve documentario, "Dono di conversione". Quando stavamo decidendo quale testimonianza registrare sotto forma di cortometraggio, P. Miljenko ha proposto l’esperienza di una coppia di sposi italiani - Romano Magnani e Silvana Spalanzani, che hanno perso il loro unico figlio in un incidente stradale.

Alcuni anni fa, da qualche parte ho trovato un’informazione su cui riflettere e cioè che nessuna lingua al mondo ha una parola per descrivere un genitore che ha perso un figlio. Abbiamo parole come vedova e vedovo per indicare persone che hanno perso il coniuge, la parola orfano per un figlio rimasto senza genitori, ma non c'è parola per un genitore che ha perso un figlio... perdere un figlio deve essere un dolore insopportabile, un dolore che ha conosciuto anche la Madonna, un dolore davanti al quale le parole scompaiono, la cosa più dolorosa che possa essere vissuta in questo mondo. È così che la storia di Romano e Silvana, due persone bravissime che hanno trovato conforto nel loro dolore a Medjugorje, mi è sembrata la giusta storia per il nostro primo cortometraggio ", spiega Marija Jerki?. Ma i contributi di tanti pellegrini che hanno partecipato a questo progetto "Frutti di Medjugorje" non mancano.

''Abbiamo già registrato testimonianze di persone che provengono da Argentina, Austria, Repubblica Ceca, Italia, Irlanda, Colombia, Messico, Nigeria, Germania, Polonia, Ruanda, USA, Slovenia, Slovacchia, Spagna, Scozia ...

Tra le testimonianze che abbiamo già registrato ne abbiamo alcune su esperienze di persone che hanno ricevuto una chiamata per una vocazione spirituale a Medjugorje, persone che hanno ricevuto il dono della guarigione fisica o spirituale, persone che si sono confessate a Medjugorje dopo venti o più anni, storie di coppie sposate che hanno pregato a Medjugorje per il dono dei figli e l'hanno ricevuto, ma anche coppie sposate i cui matrimoni sono stati salvati proprio per il bene di Medjugorje. “Davvero molte storie ed esperienze di vita interessanti e commoventi." La direttrice di questo progetto ci racconta come, chi ha incontrato e cosa l'ha toccata mentre girava questi film, e cosa toccherà anche gli spettatori di tutto il mondo perché i film sono stati tradotti, e sono ancora in fase di traduzione, in numerose lingue.

“Tutte le testimonianze sono registrate nella lingua madre dell'interlocutore e sono accompagnate da sottotitoli in croato, inglese, italiano, tedesco e spagnolo. Grazie a coloro che traducevano il Mladifest, per alcune delle testimonianze abbiamo anche traduzioni in cinese, francese, ceco, slovacco ...Per il momento vengono realizzati i sottotitoli in lingua coreana”, ha concluso Marija Jerki?, la direttrice di "Frutti di Medjugorje" ("Fruits of Medjugorje").

Fonte: www.medjugorje.hr