Maria a Medjugorje Messaggio del 25 agosto 1989:Cari figli, vi invito a pregare. Figlioli, tramite la preghiera ricevete gioia e pace. Tramite la preghiera siete più ricchi di grazia divina. Perciò, figlioli, la preghiera sia vita per ognuno di voi. Vi invito,in particolare, a pregare per tutti coloro che sono lontani da Dio, affinché si convertano. Allora i nostri cuori saranno più ricchi, perché Dio regnerà nei cuori di tutti gli uomini. Perciò, figlioli, pregate, pregate, pregate! La preghiera regni in tutto il mondo! Grazie per aver risposto alla mia chiamata!

Far famiglia nel Cuore di Maria




Era normale incontrarla lì, a Medjugorje con un microfono in mano, sempre pronta a tradurre per i pellegrini le parole dei frati, in particolare di p. Slavko. MILONA DI ASBURGO, tedesca di nascita, per molti anni ha messo a disposizione della "Gospa" la conoscenza di molte lingue e il suo servizio ai pellegrini con uno stile umile e discreto, semplice e schietto che metteva tutti a proprio agio. L'abbiamo incontrata nuovamente a Medjugorje dove ancora una volta si è resa utile ai giovani francesi traducendo loro le relazioni del Festival lo scorso agosto. Ora però la sua vita è cambiata, perché nel frattempo Milona è diventata sposa e madre, e ha compreso - come lei stessa racconta nell'intervista - la chiamata ad essere contemplativa nel mondo e a vivere in famiglia il dono della consacrazione.

Milona, qual'è stata la tua esperienza di vita in questo luogo di grazia?
A Medjugorje ho vissuto una fantastica scuola di vita accanto a p. Slavko, dal 1985 sino al 1996 (anno in cui ho lasciato definitivamente Medjugorje) Rispondevo a tutte le lettere che arrivavano, ma soprattutto lo affiancavo nel lavoro di traduzione: 4 - 5 ore di catechesi al giorno, e quando c'erano troppi pellegrini univamo due gruppi di lingue insieme - p. Slavko parlava in tedesco ed io traducevo in inglese oppure lui predicava in italiano ed io traducevo in francese... E poi lo assistevo negli incontri personali, nei viaggi, insomma un lavoro che mi occupava dalle 9 di mattina fino alla sera, quando traducevo le preghiere e le riflessioni previste nel programma parrocchiale. Ma questo era il lavoro più leggero e più dolce, direi che non era più lavoro perché diventava solo preghiera. Ho vissuto qui anche durante la guerra, pregando e digiunando con la gente dell'Herzegovina. Momenti davvero preziosi che non dimenticherò mai.
In questa scuola ho conosciuto il vero senso dell'esistenza ma soprattutto ho imparato ad assaporare il gusto di stare dentro il cuore della Madonna. E' stata lei a farmi entrare nella sua famiglia, nella Santa Famiglia, e ho scoperto come lei la vive, come lei guarda il matrimonio, come lei ci invita a sperimentare le gioie profonde dell'amore familiare vissuto in Dio.

Avevi già contemplato l'idea di sposarti?
Nel cuore comprendevo tutta la bellezza della chiamata al matrimonio ma nella mia testa girava da tempo l'idea della consacrazione in una comunità. Pian piano scoprì tuttavia che la consacrazione l'avrei dovuta fare comunque, dentro o fuori un convento e che non esisteva una distinzione così netta tra questi due stati di vita. Fu la Madonna a farmelo capire. Mi spiegò che dovevamo essere contemplativi nel mondo. Questa è la chiamata di tutti; è la chiamata della Madonna stessa. E questo cambia il mondo, questo fa un mondo nuovo perché ci fa vivere continuamente alla presenza di Dio, e ci accorgiamo che Lui dà vita ad ogni cosa che noi facciamo. Questo è il futuro del mondo, e se questo manca la generazione che segue non avrà la terra dove poter crescere. Mancherà l'humus - la Madonna ci fa humus per quelli che verranno.
Era bello per me scoprire che Dio non vive solo nei "chiostri", ma dappertutto; sta a noi accoglierlo e vivere come Maria la fiducia nel nostro Padre Creatore, attraverso la redenzione del Figlio, nello Spirito Santo. E' una realtà che ci abita. E' la scuola di Maria perché Lei ha vissuto così. Sono convinta che il trionfo del suo Cuore Immacolato avverrà quando Gesù potrà essere il Re nella pienezza della sua azione salvifica; quando Dio sarà accolto ovunque come Padre; quando noi, tempi vivi dello Spirito Santo, diventeremo in ogni attimo della giornata adorazione e lode. Allora saremo come Maria.

Cosa provocò in te questa riflessione?
Avevo capito che questa era "la chiamata", così decisi di avventurarmi nel mondo e partii da Medjugorje un anno prima di conoscere quello che sarebbe divenuto mio marito. Non digerivo però ancora l'idea di sposarmi, ne intuivo i segni ma fino allora avevo guardato al matrimonio con un po' di paura. Mi pareva una condizione troppo stretta, limitante e anche un po' noioso come cammino. Nel passato avevo, tra l'altro, incontrato tanti uomini sposati che non avevano uno sguardo buono su di me; cercavano ciò che non avrebbero dovuto. Sentivo in me l'umiliazione della moglie rimasta a casa, forse la guardavo anche con un po' d'orgoglio perché lui in quel momento preferiva me. Questo clima di adulterio mi faceva male al cuore, alla testa, allo stomaco, mi mise addosso la paura e quindi dissi a me stessa un no deciso alle nozze.

Ma non finì qui...
No, non finì qui, perché qualcosa in me non trovava pace. Mi recai allora in una piccola chiesetta francescana vicino alla mia casa di Monaco e dissi apertamente a s. Antonio: "Senti, se quest'uomo esiste sulla terra, te lo affido; proteggilo e fa' che diventi come deve diventare, io non so, non lo conosco...". Questo gesto mi diede serenità, avevo affidato tutto a lui. In me non c'era rimasto più niente. Dimenticato. Tornai quindi a Medjugorje.
Nel luglio del '93 sentivo che sarebbe arrivata una sorpresa nella mia vita e così feci una specie di ritiro interiore in compagnia di s. Francesco: una piccola statuina ed io nel silenzio della mia casa.
Un giorno il responsabile di un'associazione umanitaria francese mi si avvicinò: "Ciao, vedi Charlie, questa è Milona. Milona questo è Charlie!". In quel momento vidi il sorriso di questo alto giovane francese che mi veniva presentato in modo inatteso, e nello stesso istante vidi anche il suo cuore. Non guardavo lui ma il suo cuore "sveglio". Non sapevo che in me ci fosse qualcosa di vivo così profondo, l'ho sentito lì per la prima volta. Era un piccolo vento di primavera... Salutai e ripresi la mia strada, la mia novena e l'attesa della sorpresa, senza sapere che era già arrivata!

Capisti allora che era lui lo sposo che Dio ti aveva destinato?
Macché... Era più giovane di me, aveva scoperto Dio da poco e, come tutti all'inizio, voleva stargli più vicino possibile, così pensò al sacerdozio. Mi cercava solo per avere dei consigli spirituali... Il sentimento del primo incontro era ancora vivo in me, ma io non volevo essere innamorata di un "bambino" che voleva fare il prete! Non era certo la consacrazione alla quale aspiravo. Il cuore però sapeva più cose della mia testa, così accettai di vederlo e di pregare con lui. Qualcosa di completamente nuova entrò nella mia vita. Scoprii che era molto più bello pregare insieme. Non era mia abitudine, ero sempre stata da sola, mi accorsi che lì, pregando con lui, c'era qualcosa di più grande, di più completo.

Rimase anche lui a Medjugorje?
No, decidemmo di andare in Francia e di provare a camminare insieme. Ma io non sapevo cosa fare con un "boyfriend", come fare con un innamorato, avevo dimenticato quelle cose lì. Era una scoperta totale, in tutto, come per una bambina, anche se mi sentivo già vecchia nei miei 35 anni! Al corso per fidanzati mi insegnarono cosa fosse veramente il matrimonio. Mi dissero che Gesù protegge la relazione ma che Egli stesso è il centro. Facevo fatica a crederlo, io che stavo lasciando i maturi sacerdoti di Medjugorje per seguire un ragazzo... Ma il Signore mi mostrò che mi sbagliavo; non stavo lasciando i sacerdoti per Charles, stavo per entrare più profondamente in Lui; perché Lui, il Signore è la sicurezza di ogni cammino, Lui è la roccia.
Combattuta nelle mie paure, un giorno mi sentii dire da un confessore: "Sai perché alle nozze andrai con il vestito bianco?". Mi sembrava ovvio: simbolo di verginità, ecc. "No, perché tu sei sposa di Cristo!". Mi cambiò tutto. Sarei entrata in chiesa con il vestito della sposa di Cristo, rappresentando la Chiesa che si unisce con il suo Gesù. E' Lui il Vergine, e io la sposa in bianco perché sposo il Vergine. Non è quindi la condizione fisica ma la sua verginità; è la pienezza di vita dove Dio scrive di sé. Non ebbi più paura, stavo per vivere delle grandi realtà divine ed ecclesiastiche nella più totale semplicità.

Arrivò quindi il giorno delle nozze?
Sì, arrivò, anche se abbiamo dovuto attraversare diverse sofferenze umane. Però le realtà eterne erano così belle, così superiori a quelle umane che imparai ad amare questo cammino come dono di Dio. Io e Charles lo viviamo con questa consapevolezza, con gratitudine, accogliendo la nostra debolezza e i nostri limiti. E poi è arrivata Claire - Marie, una bimba meravigliosa che oggi ha due anni e mezzo e che oltre a darmi gioia mi aiuta nella mia conversione quotidiana. Cosa dire di più, so solo che quando stai con la Madonna tutte le domande spariscono e la vita di Dio si rivela in tutta la sua bellezza. La Madonna ci fa semplici dove noi siamo complicati. Ho sperimentato che se noi accettiamo la Madre, riceviamo il Padre, riceviamo il fratello e dunque diventiamo una famiglia. A quel punto ci accettiamo e allora l'attitudine ad essere famiglia diventa pace. Tutto questo passa attraverso il Cuore di Maria.

Fonte: Eco di Maria nr.160

Visite: 647

TAGS: Milona D'AsburgoTestimonianza