Maria a Medjugorje Messaggio del 25 settembre 1998: Cari figli!Oggi vi invito a diventare miei testimoni vivendo nella fede dei vostri padri. Figlioli, voi cercate i segni e i messaggi e non vedete che Dio vi invita con il sorgere del sole al mattino, che voi vi convertiate e ritorniate sul cammino della verità e della salvezza. Voi parlate troppo, figlioli, ma lavorate poco sulla vostra conversione. Perciò, convertitevi e cominciate a vivere i miei messaggi non con le parole ma con la vita. Così avrete la forza, figlioli, a decidervi per la vera conversione del cuore. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

CAPOVOLTA LA MIA VITA: PACE ANCHE NEL DOLORE




Da Savona 8.10.87- “... Medjugorje mi ha sconvolto e trasformato. In due giorni trascorsi là ho provato quello che non era capitato a Lourdes: ho aperto gli occhi e ho capito quanto fino allora ero stata egoista e avara di amore verso Dio e Maria. Prima avevano occupato un posticino di riserva, ora invece il primo posto: tutto il resto non ha più valore: tutto si è capovolto dentro di me. A Medjugorje ho lasciato una crosta grossa e dura ed ora mi sento libera... L’anno scorso è mancato mio marito che amavo moltissimo: 23 anni di matrimonio senza alcuna ombra ne screzio di sorta: un duro colpo per me, come se il mondo mi fosse crollato addosso. Sì, la fede mi aveva aiutato ad accettare questa grossa prova, ma mi ponevo tanti perché e più di una volta me la sono presa con il Signore. la Madonna, a Medjugorje mi ha dato tanta serenità e pace e questo mio dolore e questa croce hanno acquistato un altro valore. Ho chiesto solo una cosa a Maria: di disporre di me come lei vuole”.

Visite: 998

TAGS: Testimonianza