Maria a Medjugorje Message of February 2, 2012:Dear children; I am with you for so much time and already for so long I have been pointing you to God’s presence and His infinite love, which I desire for all of you to come to know. And you, my children? You continue to be deaf and blind as you look at the world around you and do not want to see where it is going without my Son. You are renouncing Him - and He is the source of all graces. You listen to me while I am speaking to you, but your hearts are closed and you are not hearing me. You are not praying to the Holy Spirit to illuminate you. My children, pride has come to rule. I am pointing out humility to you. My children, remember that only a humble soul shines with purity and beauty because it has come to know the love of God. Only a humble soul becomes heaven, because my Son is in it. Thank you. Again I implore you to pray for those whom my Son has chosen - those are your shepherds.

LA PIÙ BELLA CONFESSIONE DELLA MIA VITA




Dopo aver letto un libro sui veggenti mi è nato il desiderio di venire in pellegrinaggio a Medjugorje. Sono passati degli anni, ma io non avevo realizzato il mio desiderio. Viaggiando per lavoro nel 1998, le strade mi hanno portato da una signora che era andata molto spesso a Medjugorje e così abbiamo iniziato a parlare di questo. Allora mi ha dato un opuscolo sulla Madre di Dio a Medjugorje. Le dissi che già da molto avevo il desiderio di andare a Medjugorje e lei mi rispose che in quel momento mi si offriva l'occasione perché le sue nuore sarebbero andate qualche giorno dopo a Medjugorje e io avrei potuto andare con loro. Ho accettato.

Sulla Collina delle apparizioni ho pianto così tanto e ho vissuto un Rosario così gioioso che non riuscivo a trattenere le lacrime. In Chiesa ho incontrato la signora Mara, membro della comunità di preghiera e piangendo l'ho abbracciata chiedendole di perdonarmi perché piangevo. Lei ha fatto un cenno col capo e ha sorriso. Allora non capivo cosa significasse questo, ma ora mi è tutto chiaro.

Sull'autobus una volta la guida parlò dell'importanza della Confessione che forse per orgoglio non avevamo ricevuto, e ci disse che questa era l'occasione per riceverla proprio qui. Seguì le sue parole perché avevo un problema che mi faceva soffrire da anni, ma del quale, quando in passato ero andata a confessarmi, non avevo avuto la forza di parlare. Allora mi sono decisa ad andare e confessarmi sinceramente.

Durante la Santa Confessione piansi così tanto che singhiozzavo, ma quando il sacerdote mi ha rivolto alcune parole di consolazione ho vissuto la Santa Confessione come un vero dialogo amichevole, tale che mai nella vita l'avevo trovato. E' stato qualcosa di straordinario, inaspettato, miracoloso. Piangendo, sono uscita dal Confessionale sentendomi leggera e con una gioia senza fine. Ho pensato che tutti vedevano le mie lacrime, ma non me ne sono più preoccupata.

Sull'autobus le donne hanno pregato diverse preghiere senza sosta e ho desiderato io stessa di unirmi a qualche comunità di preghiera per poter pregare regolarmente. Non ci sono riuscita fino al 2003, finché non conobbi la comunità di preghiera di Medjugorje 'La visita di Maria' e da allora vado ogni Giovedì alla preghiera e alla Santa Messa. Ho imparato a rallegrarmi ogni giorno e a pregare per me stessa e per gli altri. Mi impegno a vivere i messaggi della Gospa , prego delle preghiere fisse e questo ha la sua durata , ma io maturo nella fede e nell'amore di Dio.

Zora Škrlin, Bistra, Croazia

Fonte: Fonte: 'Glas mira' Febbraio 2005, pag. 6 traduzione personale dal Croato a cura di Manuel

Visite: 1672

TAGS: ConfessioneTestimonianza