Maria a Medjugorje Messaggio del 25 novembre 1997:Cari figli,Oggi vi invito, a comprendere la vostra vocazione cristiana. Figlioli, io vi ho guidato e vi sto guidando in questo tempo di grazia, affinché diventiate coscienti della vostra vocazione cristiana. I santi martiri morivano testimoniando: Io sono cristiano ed amo Dio sopra ogni cosa. Figlioli, anche oggi vi invito a gioire e a diventare cristiani gioiosi, responsabili e coscienti che Dio vi ha invitati in modo speciale a diventare mani gioiosamente estese verso coloro che non credono e che con l'esempio della vostra vita ricevano fede ed amore per Dio. Perciò pregate, pregate, pregate affinché il vostro cuore si apra e sia sensibile per la parola di Dio. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

Da Medjugorje si riporta sempre una guarigione interiore




Un collaboratore di Radio Fiemme (TN) racconta la sua esperienza, che ricalca quella di tanti e tanti. Egli si sofferma sui suoi due viaggi a Medjugorje, fatti a distanza di un anno poi si è sentito di trarre queste conclusioni:

“A Medjugorje sembra che si guarisca dentro se stessi; è quasi inspiegabile, ma è cosi. Il superbo diventa umile. L'iroso diventa calmo, il sentimentale diventa obiettivo e lucido, l’angosciato trova pace, chi soffre arriva a gioire, i dubbi sembrano svanire, la pace inonda i cuori. Da tutti quelli che incontri ti viene un aiuto, da ognuno impari qualche cosa di nuovo che ti fa meditare e pensare. Li ti accorgi che gli umili sono migliori di te, che il povero ha ricchezze più grandi delle tue, impari che il tuo compagno che ti sta a fianco, sia in chiesa che fuori, è un tuo fratello vero a cui ti riesce più facile avvicinarti e, se occorre, perdonargli, e in definitiva volergli bene come a te stesso, come insegna il precetto evangelico; e tutto questo, senza falsi pudori o rispetto umano. Non provi dolore o stanchezza per le fatiche, non hai paura degli eventi esterni, non ti pesa pregare o stare in chiesa per qualche ora, sopporti fame e sete con facilita senza insofferenze. Ti viene voglia di fare invece qualche fatica, qualche sacrificio, di dare un aiuto a chi ti sembra ne abbia bisogno. Tutto questo avviene con facilita e naturalezza, e nella dimenticanza di te stesso e dei tuoi problemi. Perciò io non concluderei affermando che tutto questo sia opera di fanatismo o di esaltazione, ma più semplicemente sarei portato a dire grazie al Signore per tutti questi nuovi bei doni che sta offrendoci, insieme a tutti gli altri di cui ogni giorno disponiamo a profusione, e che in definitiva provengono sempre tutti quanti dalle sue sante mani”.

(Piero di Tesero - TN - ottobre 1989)

Fonte: Eco di Medjugorje

Visite: 853

TAGS: Testimonianza