Maria a Medjugorje

Messaggio del 20 dicembre 1984:Cari figli, oggi vi invito a compiere qualcosa di concreto per Gesù Cristo. Desidero che ogni famiglia della parrocchia, in segno di abbandono a Gesù, porti un fiore entro il giorno della gioia (il Natale). Desidero che ogni membro della famiglia abbia un fiore accanto al Presepio, affinché Gesù possa venire e vedere il vostro abbandono a Lui. Grazie per aver risposto alla mia chiamata!

Il Rosario della madre salva un delinquente

20/07/2009 - Visite: 1464
IncrFont Stampa IncrFont Facebook Twitter
Una sera, verso la mezzanotte, un uomo suona alla porta dell'ufficio parrocchiale. Un sacerdote che stava per coricarsi ha aperto la finestra per chiedere chi suonava e che cosa desiderava. L'uomo ha gridato: “Padre, mi salvi l'anima!”. Il sacerdote allora uscì e discese per parlare con lui. L'uomo sembrava un mendicante. Tremava tutto. Disse: “Debbo riconoscere che non ero mai stato così. Nella mia giovinezza ero molto devoto e credente, grazie agli insegnamenti di mia madre. La mamma mi ha supplicato di rimanere buono. Io gliel'ho promesso, ma non ho mantenuto. Ho cominciato a bere, ho perduto il posto di lavoro, sono diventato un delinquente. Ecco, proprio poco fa ho incontrato un operaio che tornava dal lavoro. Gli ho sfilato dalla tasca il portafoglio e con il portafoglio la corona del rosario. Nel vedermi in mano la corona, gli ho restituito il denaro, pregandolo di lasciarmi la corona. Mi sono allontanato fin presso un muretto, sul quale mi sono seduto ed ho cominciato ad osservare la corona. All'improvviso ho visto come in visione la mia mamma nell'atto di recitare il rosario. Ho sentito le sue parole: “Figlio mio, io prego sempre per te la corona: CONVERTITI! Ecco il motivo per cui sono venuto qui da lei, per chiedere di salvarmi l'anima”. Si è confessato e così ha cominciato a vivere una nuova vita.