Maria a Medjugorje Messaggio del 5 ottobre 1985:Prima della preghiera bisogna sentirsi in pace con tutti e non pensare a niente tranne che alla preghiera. Questo però è possibile solo se aprite il vostro cuore a me. Quando vi riunite per pregare, se uno ha qualcosa contro un fratello del gruppo o un’altra persona lo confessi apertamente davanti al gruppo all’inizio dell’incontro. Pensate che quando fate così tutto il Cielo si rallegra e anche voi potrete pregare meglio. Poi leggete il vangelo, meditate e dopo pregate spontaneamente. E non state in silenzio, pregate con preghiere spontanee, apritevi, parlate tutti, pregate tutti: così sarete un cuor solo! Quando poi avete finito la preghiera chiedete la benedizione perché la vostra gioia non si dissolva dopo la preghiera.

Testimonianza di una ragazza tedesca




Venuta a Medjugorje senza fede, senza Dio che viveva in una situazione difficile di peccato (alcool, sesso, droga) ritornata a casa totalmente cambiata. Così scrive:’...Dopo la messa sono entrata dove altri stavano inginocchiati in preghiera adorando il Santissimo. Io non volevo fare altrettanto perchè non credevo. Ma mentre cantavano, ad un tratto ho sentito una forza che mi spingeva a terra. Non posso spiegare quello che ho sentito. E’ una grande grazia per me... Dio mi si rilevato.Io credo in Gesù Cristo Figlio di Dio, fatto uomo e morto per me. Io credo che in questa Ostia c’è il Vero Gesù che mi ama tantissimo. Io piango ... Io ringrazio la Madonna Regina della pace che mi ha guidata a Suo Figlio. Ora vado ogni giorno alla Santa Messa e questa è per me la prima e più importante cosa che faccio nella giornata. Io ricevo la comunione, ricevo il Re dei Re che mi ama e che mi riempie di amore da dare agli altri. Io ora sono la persona più felice del mondo: ho la fede, ho Gesù”.

Fonte: Eco di Medjugorje nr. 81

Visite: 1008

TAGS: GermaniaTestimonianza