Maria a Medjugorje Messaggio del 25 luglio 1988:Cari figli, oggi vi invito all'abbandono totale a Dio. Tutto ciò che fate e tutto ciò che possedete, datelo a Dio, affinché Lui possa regnare nella vostra vita come Re di tutto. Non abbiate paura, perché io sono con voi anche quando pensate che non esiste via d'uscita e che satana regna. Io vi porto la pace, io sono la vostra Madre e la Regina della Pace. Vi benedico con la benedizione della gioia, affinché Dio sia tutto per voi nella vita. Solo così il Signore potrà guidarvi attraverso me nelle profondità della vita spirituale. Grazie per aver risposto alla mia chiamata!

Un giovane sacerdote: La sola vista di quell'immagine cambiò la mia vita




Due anni fa stavo vivendo un momento difficile della mia vita come uomo e come sacerdote. Dopo diverse delusioni e sbagli mi ero praticamente “adagiato”, vivacchiando in una vita stanca e di routine. Molto imborghesito, non mi facevo mancare niente degli ultimi ritrovati tecnici: una bella macchina nuova, televisione con video, computer, stereo, ecc. Non vivevo bene la mia consacrazione e la mia spiritualità aveva raggiunto un livello minimo: poca preghiera e affrettata, e quasi assente la confessione.

Fino a quando... incontrai Angelo, un giovane della parrocchia, molto devoto di Maria e un poco ai margini della comunità ma, presumo, solo per un eccesso di discrezione sua. O forse perchè “troppo cattolico”? Non so bene. Un giorno mi portò come regalo una immagine del volto di Maria come appare nella statua di Medjugorje, dicendomi che se l'avessi esposta ne avrei avuto grandi grazie. A queste sue parole — di giovane semplice e schietto — sorrisi un po', ma poi lo feci.

Io non so effettivamente se fu quello o altro. Io non so con sicurezza se Maria appare o no nella tanto discussa Medjugorie!! Ma ricordo bene che da allora qualcosa di incredibile “apparve” nella mia anima e nella mia vita tutta... Gradualmente sentii l'esigenza interiore di confessarmi, di “cambiare vita”, di impegnarmi con tutto il cuore e con tutte le forze per conoscere e far conoscere Dio, il suo Amore, la gioia che viene da Lui, i suoi strumenti eletti: Maria in particolare e i Santi.

Tutte cose che possiamo considerare scontate per un prete, ma non è vero!!! Purtroppo io — prete — vi dico che non è sempre vero. Come dicevo, da allora non sentii più l'esigenza di possedere delle” cose” o gratificazioni umane e me “ne sbarazzai” quasi subito, in favore dei più poveri.

Il resto è questo: che ora sono qui a lodare e ringraziare con tutto il cuore.

(Un giovane sacerdote mantovano)

Fonte: Tratto dall'eco di Medjugorje n.87 - anno 1991

Visite: 489

TAGS: SacerdoteTestimonianza