Maria a Medjugorje Messaggio del 9 marzo 1988:Figli cari! Questa sera vostra madre desidera invitarvi a pregare di più in questo periodo affinchè attraverso la preghiera possiate rinnovarvi spiritualmente e prepararvi alla Pasqua. E’ per mezzo della preghiera che voi costruite voi stessi e rafforzate il vostro spirito.

Il vero miracolo di Medjugorje non è il sole




Era un tardo pomeriggio di agosto, circa le ore 18,00, io e alcune altre persone del mio gruppo siamo andati alla Croce Blu, che si trova ai piedi del Podbrdo, la collina delle apparizioni. Qui ci siamo uniti ad altri pellegrini presenti e abbiamo iniziato a recitare il Rosario. Il tempo, per tutta la giornata, era stato variabile, ma mentre recitavamo il Rosario le nuvole si son fatte minacciose e si iniziavano ad udire dei tuoni.

Varie persone, sentendo che i tuoni continuavano, preoccupate, si sono incamminate per tornare e mettersi al riparo. Anch’io e alcuni amici ci stavamo incamminando, ma la nostra capogruppo ci ha fatto segno di andare da lei…era un po’ più in alto, sul monte, insieme ad altri del nostro gruppo, dietro la Croce Blu, dove c’era meno gente e ci ha detto di aspettare perché quella era proprio l’ora dell’apparizione e di non rinunciare a mettersi in preghiera. Abbiamo volentieri seguito il consiglio e nel momento dell’apparizione ci siamo inginocchiati; ho alzato gli occhi verso il cielo, in mezzo alle nuvole si è aperto uno squarcio ed è uscito il sole…si poteva guardare stranamente a occhio nudo, ha iniziato a girare su se stesso e a cambiare colore…diventava da blu a rosa, a giallo e aveva davanti come una grande particola che copriva tutta la circonferenza! Come a significare che è Gesù Eucarestia la vera Luce del mondo!

Il miracolo è durato qualche minuto, il tempo dell’apparizione, poi il sole è tornato ad essere normale, accecante senza possibilità di poterlo guardare a occhio nudo. Dopo questo momento le nuvole sono sparite e il sole ci ha accompagnato fino a sera. Ma a Medjugorje quello che più colpisce non sono i fenomeni, abbastanza frequenti, del sole, ma è la Pace che si sperimenta nel cuore! A Medjugorje, si sente la presenza di Maria nell’aria, si respira la Pace e non è solo una sensazione, è una cosa che ti pervade, ti entra nell’anima; ti viene voglia di respirare a pieni polmoni quell’aria, nella speranza di far penetrare più a fondo, nell’anima, quella Pace incredibile che senti palpitare nell’aria.

E’ una cosa che senti che non viene da te, ma da qualcun Altro. E’ come se tu avessi la consapevolezza di essere una pozzanghera, sulla quale tutto d’un tratto si apre una cascata…e l’acqua di questa cascata riempie la pozzanghera e non solo, ma continua a sgorgare senza sosta invadendo tutto ciò che incontra. Così anche tu piccola pozzanghera sei totalmente riempita di questa nuova acqua fresca e zampillante; quest’acqua non viene da te, tu non sei in grado di produrla, non sei in grado di produrre una cosa così grande, è qualcun Altro che te la dona e sai che quell’acqua di cui sei piena non è tutta l’acqua che esiste, ma solo una piccola parte, perché Colui che ti sommerge in realtà è una fonte inesauribile, come una sorgente è fonte inesauribile di acqua…

A Medjugorje hai la sensazione di essere a Casa, di essere al sicuro e protetto, sei a centinaia di chilometri dal tuo ambiente e dai tuoi cari, ma hai la reale sensazione di esser giunto nella tua vera Casa… E ti dimentichi di tutto! Non solo dei problemi e delle preoccupazioni, ma anche delle cose che ami, perché questa è la vera anticamera del Paradiso!

Questa è la mia piccolissima testimonianza, spero che attraverso la grazia del Signore queste mie parole possano portare un briciolo di bene nei cuori di chi le legge.

F. I.

Fonte: http://pellegrinaggi.wordpress.com/2012/03/05/il-vero-miracolo-di-medjugorje-non-e-il-sole/

Visite: 469

TAGS: Testimonianza