Maria a Medjugorje Messaggio del 2 marzo 2015:Cari figli, voi siete la mia forza. Voi, apostoli miei, che, con il vostro amore, l’umiltà ed il silenzio della preghiera, fate in modo che mio Figlio venga conosciuto. Voi vivete in me. Voi portate me nel vostro cuore. Voi sapete di avere una Madre che vi ama e che è venuta a portare amore. Vi guardo nel Padre Celeste, guardo i vostri pensieri, i vostri dolori, le vostre sofferenze e le porto a mio Figlio. Non abbiate paura! Non perdete la speranza, perché mio Figlio ascolta sua Madre. Egli ama fin da quando è nato, ed io desidero che tutti i miei figli conoscano questo amore; che ritornino a lui coloro che, a causa del loro dolore e di incomprensioni, l’hanno abbandonato e che lo conoscano tutti coloro che non l’hanno mai conosciuto. Per questo voi siete qui, apostoli miei, ed anch’io con voi come Madre. Pregate per avere la saldezza della fede, perché amore e misericordia vengono da una fede salda. Per mezzo dell’amore e della misericordia aiuterete tutti coloro che non sono coscienti di scegliere le tenebre al posto della luce. Pregate per i vostri pastori, perché essi sono la forza della Chiesa che mio Figlio vi ha lasciato. Per mezzo di mio Figlio essi sono i pastori delle anime. Vi ringrazio!

Pellegrini dall’Uganda a Medjugorje




Insieme a pellegrini di numerosi Stati del mondo, dopo la celebrazione del trentunesimo anniversario, si trovano a Medjugorje anche pellegrini provenienti dall’Uganda. Fransis porta pellegrini da quella terra a Medjugorje dal 2005. Allora erano venuti con lui una quarantina di pellegrini. Egli aveva sentito parlare di Medjugorje da un sacerdote italiano a Radio Maria Uganda. “Ho dovuto prendere una cartina e cercare questo luogo. Poi ho deciso di portare un gruppo con un sacerdote. Ottenere il visto è stato un problema, perché non abbiamo una ambasciata per questo Stato” – ci ha detto Fransis, nel cui gruppo c’è anche Frederik Deogratias Musaazi che ci ha parlato delle sue impressioni su Medjugorje. “La mia prima impressione è stata la convinzione delle persone circa la presenza della Madonna. Le persone qui credono così tanto, sono stato molto ispirato insieme alle persone con cui sono venuto. Quando sono tornato in Uganda, ho promesso alla Madre Maria che avrei parlato di Lei nell’intera Uganda, che avrei diffuso il Nome della Madre di Dio. Le persone chiedono di venire. Vogliono sapere dove si trova Medjugorje. Penso che ciò non si arresterà, le persone continueranno a venire a Medjugorje” – sono state le parole di Frederik dall’Uganda. In questi giorni Radio “Mir” Medjugorje sta mandando in onda anche conversazioni con pellegrini giunti a Medjugorje a piedi in occasione del trentunesimo anniversario delle apparizioni della Madonna. Livia Cianni e Guido Pianeselli sono venuti a Medjugorje a piedi da Roma. Hanno iniziato il cammino il 16 giugno e sono arrivati qui il 24 giugno 2012, alla vigilia dell’anniversario delle apparizioni della Madonna. Questi due pellegrini hanno parlato del pellegrinaggio e dell’esperienza di Medjugorje all’interno del programma di Radio “Mir” Medjugorje. “Medjugorje ci ha chiamava: eravamo stati qui nel 2011, sentivamo una chiamata perché Medjugorje ci ha cambiato”. Qui c’è un centro di spiritualità. E’ stato un lungo viaggio e la cosa peggiore è stata il caldo” – hanno affermato Livia e Guido, che hanno anche annunciato un prossimo pellegrinaggio a Medjugorje e che si uniranno a loro anche altri pellegrini. Davor Mikšic, Mile Pavic e Vjeko Rimac sono giunti a Medjugorje a piedi da Samobor, dopo dodici giorni di cammino. Si sono messi in cammino verso Medjugorje martedì 12 giugno. Hanno percorso circa cinquecentoventi chilometri. “Questa è per noi una grande esperienza di vita. Abbiamo conosciuto persone meravigliose e questo è un ringraziamento alla Regina della pace e a Gesù” – hanno detto i tre pellegrini venuti a piedi da Samobor. Va ricordato anche un gruppo di ventidue pellegrini venuti a Medjugorje a piedi da Rama. Si sono messi in viaggio sabato 23 giugno per giungere alla meta intorno alle ore 16:00 del 25 giugno 2012, anniversario delle apparizioni della Madonna. “Siamo venuti a ringraziare la Madonna, siamo pieni di Spirito Santo”, hanno detto i pellegrini da Rama. Anche Ivica Šapina è venuto a piedi da Bugojno. Ha camminato per tre giorni fino a Medjugorje. “Questa per me è già la dodicesima o tredicesima volta che vengo a Medjugorje a piedi. Non mi è stato difficile, qui trovo la vera pace”, ha detto Ivica. Abbiamo incontrato anche un gruppo di nove persone giunte a piedi da Livno e c’era con loro anche un ragazzino di dodici anni. “Ho fatto un voto alla Madonna: avevo desistito, ma poi mi sono ricordata perché ci sto andando”, ci ha detto una ragazza di sedici anni.

Fonte: www.medjugorje.hr

Visite: 453

TAGS: Uganda