Maria a Medjugorje Messaggio del 25 gennaio 2002:Cari figli, in questo tempo, mentre voi ancora guardate indietro l'anno passato, io vi invito figlioli a guardare profondamente nel vostro cuore e a decidervi di essere più vicini a Dio e alla preghiera. Figlioli voi siete ancora legati alle cose terreni e poco alla vita spirituale. Che anche questo mio invito di oggi sia per voi uno stimolo a decidervi per Dio e per la conversione quotidiana. Non potete convertirvi figlioli se non lasciate i peccati e non vi decidete per l' amore verso Dio ed il prossimo. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

Chi è venuto dall’aldilà? («Sono N. N... Se non mi avessero ucciso»)




«In un paesello dell'Italia centrale viveva la famiglia “Berardi”, benestante, dedita ai lavori dei campi e di sentimenti profondamente cristiani. Una figlia, che chiamerò Marcella, era cresciuta sana ed esuberante di vita. A tredici anni per la prima volta avvertì un malessere misterioso, che tale le rimarrà per ben dieci anni...».
Così Mons. Corrado Balducci inizia il racconto di un caso di possessione diabolica, nelle sue varie vicende e tentativi di esorcismo, nel libro «La possessione diabolica - Ediz. Mediterranea, Roma». Questo racconto fu pubblicato nella rivista «Famiglia mese, n. 4, 1975», dal la quale se ne riporta un tratto.
Nella povera donna si erano insediati dieci spiriti. In seguito ai diversi esorcismi, nove di essi furono cacciati. L’ultimo spirito aveva dichiarato: «io sono forte e potente; io non uscirò!».
Più volte il Sacerdote aveva scongiurato lo spirito a manifestare il suo nome, ma si rifiutava sempre. Un pomeriggio, nella chiesa gremita di gente, durante le preghiere di rito l’esorcista chiese: Dimmi, chi sei? — Tra lo spavento e il terrore dei presenti, si udì un grido: Sono N.N. — e pronunziò il nome di un uomo conosciutissimo in paese, vittima qualche anno prima di un attentato (lo chiamerò Pallante).
La stessa sera a tarda ora il Parroco, mentre esorcizzava privatamente in casa Berardi, interrogò così: «Dì, mi conosci? — E lo spirito: Mi hai portato al cimitero; tu quella notte pregasti per me e per la mia famiglia: ormai però le tue preghiere erano inutili.., io ero dannato.
In altra circostanza Pallante parlò così al Sacerdote: Se non mi avessero ucciso così presto, tu forse mi avresti convertito! Ti prego, porta via quella croce posta sul luogo del delitto, e passando di lì non dire più quelle preghiere, mi dai pena. Ho fatto questa fine perché ho ricevuto fin da bambino una cattiva educazione. Prega per mia sorella (la fattucchiera) che non venga in questi luoghi di tormento. Certo dovrei uscire da questa ragazza, perché i miei hanno ricevuto del bene dalla sua famiglia: l’anno scorso mia moglie è venuta qui a raccogliere le ulive (tutto rispondeva a verità).
E ancora, Povera figlia mia; quando saprà che sono io, quanto dovrà soffrire. Questa notte si è svegliata, ha preso la mia fotografia, piangendo mi ha baciato e mi ha detto: Papà, papà, se sei tu, esci da quella ragazza perché qui tutti mi dileggiano.
Se dunque — interruppe l’esorcista — tu ci hai conosciuto, se tante volte siamo stati insieme, perché non ci fai del bene? Lascia in pace questa ragazza.
Da parte mia — riprese lo spirito — sarei pronto a farti del bene... ma non posso — e qui lo spirito, perdendo per un istante la sua abituale asprezza, con voce pacata continuò — Pensa: anima dannata vuoi dire diavolo, e diavolo portare al male!
Un altro giorno l’esorcista, nella chiesa sempre gremita di gente, interrogò lo spirito: Si soffre all’Inferno? C’è il fuoco?
L'ossessa che balzando indietro dette in un gran sospiro e disse: Pensa, una goccia di quei fuoco sarebbe sufficiente per incenerire cinquemila persone!
— Ma Dio che ti ha condannato è ingiusto?
— No, è giusto.

Visite: 1150

TAGS: AldilàEsorcismoPurgatorio