Maria a Medjugorje Message of October 2, 2016:Dear children, the Holy Spirit, according to the Heavenly Father, made me the mother - the mother of Jesus - and by this alone, also your mother. That is why I am coming to hear you, that I may open my motherly arms to you; to give you my heart and to call you to remain with me, because from the top of the cross my Son entrusted you to me. Unfortunately, many of my children have not come to know the love of my Son; many of them do not want to come to know Him. Oh, my children, how much bad is done by those who must see or interpret in order to come to believe. That is why, you, my children, my apostles, in the silence of your heart, listen to the voice of my Son, so that your heart may be His home, that it may not be dark and sad, but that it may be illuminated with the light of my Son. Seek hope with faith, because faith is the life of the soul. Anew I am calling you: pray, pray to live faith in humility, in spiritual peace, and illuminated by the light. My children, do not strive to comprehend everything immediately, because I also did not comprehend everything immediately; but I loved, and I believed in the divine words which my Son spoke - He who was the first light and the beginning of redemption. Apostles of my love - you who pray, sacrifice yourselves, love and do not judge - you go and spread the truth, the words of my Son, the Gospel, because you are the living Gospel; you are the rays of the light of my Son. My Son and I will be with you to encourage you and to test you. My children, always implore the blessing of those, and only of those whose hands have been blessed by my Son, of your shepherds. Thank you.

Venuti dall'aldilà: Il pellegrino tedesco dimenticato




Il venerabile Domenico di Gesù Maria (morto nel 1630), carmelitano, quando fu trasferito al convento di Roma, nella cella assegnatagli trovò un teschio autentico, che doveva servirgli, secondo l'usanza di allora, per meditare sulla morte. Una notte, da questo teschio udì una voce alta che gridava:

«In memoria hominum non sum» (nessuno si ricorda di me). Le parole furono ripetute più volte e udite in tutto il dormitorio del convento. Il venerabile rimase stupito e timoroso, dubitando che si trattasse di un fenomeno diabolico. Si mise subito a pregare per sapere ciò che dovesse fare. Prese poi dell'acqua benedetta e, mentre l'aspergeva sopra il teschio, il medesimo pronunciò queste altre parole: «Acqua, acqua, misericordia, misericordia». Il religioso gli domandò poi chi era e che misericordia voleva.

Il defunto rispose dandogli queste informazioni: era un tedesco, venuto a Roma a visitare i luoghi santi. Il suo corpo era stato sotterrato da molto tempo nel camposanto; l'anima si trovava in Purgatorio. Non aveva nessuno che gli facesse del bene, né chi si ricordasse di lui. Gli raccomandò che pregasse per lui il Signore.

Padre Domenico promise. Pregò molto e fece penitenze. Pochi giorni dopo il defunto gli comparve in cella per ringraziarlo del beneficio della liberazione dal Purgatorio.

Fonte: Dai Processi di beatificazione del P. Domenico di Gesù Maria.

Visite: 1335

TAGS: AldilàPurgatorio