Maria a Medjugorje Messaggio del 17 luglio 1986: Cari figli, oggi vi invito a riflettere perché io sono da tanto tempo con voi. Io sono la Mediatrice tra voi e Dio. Per questo, cari figli, vi invito a vivere sempre con amore tutto ciò che Dio vi chiede. Cari figli, vivete nell'umiltà perfetta tutti i messaggi che io vi sto dando. Grazie per aver risposto alla mia chiamata!

Venuti dall'aldilà: Scrisse alla luce dell'apparso (padre Leopoldo da Castelnuovo)

Lo stesso episodio, con alcuni particolari in più, venne riportato anche nel volume dello stesso Bernardi, Il Beato Leopoldo Mandic, Padova 1978. Il Beato fu dichiarato Santo nel 1983.




La signorina Teresa Pezzo di Valdiporro (Verona) veniva sottoposta a difficile intervento chirurgico per malattia di fegato. L'operazione durò oltre tre ore (22 ottobre 1946). Dopo parecchi giorni passati tra la vita e la morte, l'inferma parve riprendersi e andò ospite presso lo zio arciprete a Bovolone. Il 4 dicembre dovette rimettersi a letto per dolori fortissimi. Febbre oltre i 40. Vomito quasi continuo da non riuscire a ritenere nemmeno un po' d'acqua. Si aggiunse un gonfiore duro e voluminoso al di sopra del taglio dell'operazione. Dolori continui e acutissimi si estendevano alla gamba e al braccio destro. Divenne così debole che non poteva quasi più parlare.
Il giorno 8 dicembre, domenica, Teresa cominciò una novena a padre Leopoldo da Castelnuovo (morto nel 1942) e pose una reliquia di lui sulla parte malata. Martedì notte si addormentò alle 11.30. Suonava la mezzanotte quando all'improvviso le apparve padre Leopoldo. Era identico - attestò - alla sua immagine, ma senza stola e molto più bello. La camera, sebbene la luce fosse spenta, era illuminata a giorno. Il padre avanzò fin vicino al letto dell'inferma. Seguì un colloquio.
Teresa depose: «[Padre Leopoldo] mi disse con molta bontà di non aver paura, che sarei guarita. Mi disse anzi di alzarmi al mattino per andare alla Messa e ricevere la comunione. Mi toccò con la mano alla parte malata e scomparve. Nella commozione più grande posi istintivamente la mano dove avevo un gonfiore dolente e non sentii più nulla, né gonfiore né dolore».
L'apparso le aveva promesso: «Tornerò lunedì a mezzanotte perché ho molte cose da dirti. Intanto ti do la benedizione». La benedisse e scomparve dicendo: «Sia lodato Gesù Cristo».
Teresa credeva di aver sognato; ma si sentì bene. Non più dolori al fegato, scomparso il gonfiore e i dolori alla gamba e al braccio, cessata la febbre. La zia, che dormiva nella stessa camera, aveva sentito tutte le parole di Teresa, ma non quelle di padre Leopoldo e non aveva visto nulla.
La mattina, Teresa si alzò, scese in fretta le scale, mentre il giorno prima non poteva reggersi in piedi, andò in chiesa alla Messa delle otto, fece la comunione, rimase a lungo in preghiera. Tornata in canonica, mangiò con appetito senza sentire alcun disturbo. Era perfettamente guarita.
Grande impressione in paese. A tutti era nota la dolorosa condizione della signorina Pezzo, e vivissima fu l'attesa della nuova apparizione promessa. Molte persone incaricarono la giovane a presentare a padre Leopoldo varie domande.
Alla mezzanotte tra il 16 e il 17 dicembre padre Leopoldo comparve circonfuso di luce così da illuminare la stanza a giorno. Teresa rivelò: «Mi disse parole buone e incoraggianti.
Mi ricordò che a 19 anni avevo incominciato una via e poi l'avevo abbandonata.
- La devi riprendere, - mi disse - e avrai la felicità in eterno.
Le parole di padre Leopoldo io le ho capite come un richiamo e un comando, poiché a 19 anni effettivamente avevo sentito inclinazione allo stato religioso, ma poi, sia per la salute cagionevole, sia per poca buona volontà, avevo lasciato ogni pensiero...».
Le raccomandò in modo particolare di pregare. Poi rispose alle domande che Teresa si era incaricata di rivolgergli. La giovane scrisse le risposte man mano che padre Leopoldo parlava, e le scrisse alla luce dell'apparizione, perché la luce elettrica era spenta.
La zia che dormiva nella stessa camera e un sacerdote fuori della porta udirono le parole di Teresa ma non videro nulla e non sentirono le parole dell'apparso. Appena questi scomparve, la signorina accese la luce esclamando: «Che bellezza!». Teneva in mano il foglio che aveva scritto sotto dettatura. Da tutte le risposte si rileva una cosa molto importante: padre Leopoldo si lamenta, quasi con tutti, che pregano poco e male e insiste che tutti preghino di più se vogliono che Dio li benedica.
La miracolata concluse la sua deposizione davanti al tribunale ecclesiastico in questo modo: «Dall'8 gennaio 1948 mi trovo presso le Pie Madri della Nigrizia... Iniziai il noviziato e fui felicissima».
Il parroco confermò. Il medico lasciò la dichiarazione che scientificamente la guarigione era inspiegabile.

Fonte: P. Pietro Bernardi da Valdiporro, Il Servo di Dio P. Leopoldo da Castelnuovo, Padova 1950, pp. 396ss.

Visite: 532

TAGS: AldilàMiracoloParadiso