Maria a Medjugorje Message of February 25, 2005:Dear children! Today I call you to be my extended hands in this world that puts God in the last place. You, little children, put God in the first place in your life. God will bless you and give you strength to witness Him, the God of love and peace. I am with you and intercede for all of you. Little children, do not forget that I love you with a tender love. Thank you for having responded to my call.

Venuti dall'aldilà: «Non aver paura»




Tra i ricordi di chi conobbe il Padre Giovanni Piamarta (morto nel 1913) si legge il seguente: «Mi trovavo in guerra [quella del 1915-18], in una località dove c'era da sgomentarsi anche a mettere il capo fuori della trincea perché s'era visti e presi. Un giorno si sparse la notizia: Domattina all'alba c'è l'avanzata. Dico io: Addio, domani è la giornata che ci si lascia la ghirba. E mi metto a scrivere a casa, e scrivendo, giù lacrime a fonte! A un tratto, senza sapere come, mi salta in mente lui, il Padre. Rianimato, penso: Mi metto nelle sue mani. E comincio a pregare: e prega, prega, prega, m'addormento.
In sogno mi appare, proprio lì in trincea. - Padre, - faccio io - è qui anche lei?
Lui - mi par di vederlo in questo momento - sorride, mi mette una mano sulla spalla e mi dice:
- Son venuto a dirti di andare tranquillo: di non aver paura... Va', va', figliolo, e non temere! - Poi sparisce.
Io mi sveglio di soprassalto; la paura m'è passata; mi sento sicuro come fossi nel mio letto. Infatti, ci fu l'avanzata, ma io... eccomi qui; e se sono qui vuol dire che il Padre aveva ragione».

Fonte: I. Felici, Volo tra le fiamme, Queriniana, Brescia 1951, p. 173.

Visite: 1463

TAGS: AldilàParadiso