Maria a Medjugorje Messaggio del 5 agosto 2013:Cari figli, anche oggi, in questa mia grande gioia, guardando tutti voi con cuore aperto e con cuore gioioso, vi invito tutti a pregare responsabilmente per la pace. Pregate, cari figli, affinché la pace regni nel mondo, affinché la pace regni nel cuore degli uomini, nel cuore dei miei figli. Perciò siate i miei portatori di pace in questo mondo inquieto; siate il mio segno vivo, un segno di pace là dove vi incontrate con gli uomini, nella vostra parrocchia. Siate il mio segno, siate la mia luce, il mio specchio per gli altri. Sappiate, cari figli, che sono sempre con voi, che prego per tutti voi e che intercedo per tutti voi presso Gesù, presso mio Figlio. Perciò perseverate nella preghiera. Grazie per aver detto sì anche oggi alla mia chiamata.

Venuti dall'aldilà: «Esiste tutto!...»




«Il 29 luglio 1987, noi tre sorelle [suore] andammo a visitare la nostra sorella Claudia, residente a Paoloni-Piccoli, comune di Santa Paolina (Avellino). Il giorno seguente rendemmo visita alla vedova, più che ottantenne, di Albino Gnerre, e ai suoi figli. Uno di questi, fermandosi col nostro fratello Padre Beniamino, gli raccontò un sogno molto importante [...]. Questo giovane non credeva all'aldilà (cioè alle verità dei Novissimi: Giudizio, Inferno, Paradiso). Secondo lui la vita dell'uomo è come quella dell'animale, finisce con la morte. Ma un suo amico vicino di casa, Raffaele Paladino, morto da poco tempo, andò da lui in sogno. [...] Sempre nel sogno gli chiese: - Tu sei morto... dimmi se veramente esiste qualche cosa dell'altro mondo, perché io non credo a niente e bestemmio...
Il defunto rispose:
- Fai male, tu ci devi credere: esiste il Paradiso, il Purgatorio, l'Inferno, l'Eternità... - E continuò a ripetere: - Esiste tutto! Esiste! Esiste! E per conferma che è vero quel che dico ti do questi numeri che tu giocherai sulla ruota di Napoli.
Il giovane si risvegliò e scrisse: 17, 48, 90, e mise il foglietto in un taschino della giacca, vicino a un'immagine della Madonna di Montevergine, dimenticata chissà da quanto tempo. Ogni tanto il foglietto con i numeri saltava fuori dal taschino. Finalmente giocò quei numeri che gli aveva detto il morto. Dopo alcuni giorni il giornale pubblicò i detti numeri. Il giovane vinse una discreta somma. Il sogno si era avverato. Da quel momento non bestemmiò più e divenne un credente praticante».

Fonte: Da Il Santuario di Montevergine, maggio 1988, con qualche ritocco nel testo.

Visite: 1387

TAGS: Aldilà