Maria a Medjugorje Messaggio del 25 ottobre 2013:Cari figli! Oggi vi invito ad aprirvi alla preghiera. La preghiera opera miracoli in voi e attraverso di voi. Perciò figlioli, nella semplicità del cuore cercate dall’Altissimo che vi dia la forza di essere figli di Dio e che satana non vi agiti come il vento agita i rami. Decidetevi di nuovo, figlioli, per Dio e cercate soltanto la sua volontà e allora in Lui troverete gioia e pace. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

Libri su Medjugorje e su altri argomenti



Una bellissima Signora dal manto candido, con il volto dolcissimo e tre rose sul cuore, appare a una contadina coinvolgendola in un’esperienza insieme dolorosa e meravigliosa, benedicendo una fonte a cui ancora oggi persone di ogni età e nazionalità convergono per implorare grazie e guarigioni. Sembra una bella fiaba, ma quella fonte esiste davvero, e in terra bresciana è fiorito un ardente culto mariano a seguito di messaggi celesti che la veggente Pierina Gilli (1911-1991) avrebbe ricevuto in due cicli di apparizioni negli anni ’40 e ’60 del secolo scorso, in cui la Vergine si sarebbe presentata con il titolo di Rosa Mistica e Madre della Chiesa. Se le apparizioni sono ancora in corso di esame da parte dei Pastori – ma almeno come testimonianza umana costituiscono un valido contributo spirituale –, dal 2001 il culto di Rosa Mistica – titolo peraltro antichissimo – è ufficialmente approvato in località Fontanelle di Montichiari e sin dall’inizio si è andato diffondendo nei cinque continenti. Ricollegandosi alle precedenti apparizioni di Fatima e di Ghiaie di Bonate, anche a Montichiari risuona l’invito materno alla conversione e alla riparazione, a lasciarsi prendere per mano da Maria e dissetarsi alla fonte della misericordia. Attingendo ai diari della stessa veggente e avvalendosi di autorevoli contributi, questo libro vuole essere un invito alla scoperta della devozione alla Rosa Mistica e degli straordinari frutti sperimentati dai pellegrini di tutto il mondo, nonché un piccolo vademecum per chi ci è già stato e vuole continuare il pellegrinaggio del cuore.
Il viaggio dell’autore del Padrone del mondo nel luogo dove cielo e terra si incontrano grazie all’intercessione della Madonna. Partito con l'intenzione di verificare sul campo l'origine soprannaturale dei miracoli grazie all'osservazione diretta e all'uso della ragione, il sacerdote cattolico Robert Hugh Benson racconta un suo pellegrinaggio a Lourdes fatto nei primi anni del XX secolo. Passando in rassegna i vari casi di guarigione e i momenti di preghiera e devozione, l’Autore descrive l'evoluzione delle sue reazioni, dai pregiudizi iniziali all'entusiasmo finale: per lui Lourdes è il luogo materiale in cui Cristo è vivo e dove la Vergine Maria è sempre pronta a intercedere presso suo Figlio per concedere grazie a chi la invoca.
Dal 1946 fino alla morte avvenuta nel 1991, Pierina Gilli di Montichiari ha ricevuto continuativamente rivelazioni celesti, con apparizioni e messaggi della Vergine (apparsa nel titolo di Rosa Mistica), di Gesù (che spiega alla veggente il dogma dell'Assunzione con due anni di anticipo sulla proclamazione del dogma), preparati come nel caso di altri mistici dalle visite di santi (nel suo caso Maria Crocifissa Di Rosa, fondatrice delle bresciane Ancelle della Carità, e dei piccoli Giacinta e Francesco di Fatima) e di angeli. Questo volume dà conto di tutto, attraverso la fonte primaria degli scritti finora inediti della Gilli. Ci si focalizza sui due cicli di apparizioni con messaggio pubblico verificatesi nel 1947 nel Duomo di Montichiari (in cui la Madre di Dio chiede preghiere e sacrifici per i Consacrati, mettendo in guardia da una grande crisi che colpirà la Chiesa) e nel 1966 in campagna, in località Fontanelle, dove la Madonna ha benedetto, definendola «piccola Lourdes italiana», una sorgente che da allora è effettivamente all'origine di numerose grazie di guarigione fisica e spirituale.Nella seconda parte del volume si pubblicano una serie impressionante di documenti inediti firmati dai confessori e direttori spirituali della veggente e da alcuni studiosi - fra cui il biblista mons. Enrico R. Galbiati, p. Stefano De Fiores e il curatore del volume - i quali, accostatisi a queste apparizioni in tempi più recenti, spiegano perché a loro giudizio siano da ritenersi autentiche e perché la Chiesa dovrebbe studiarle approfonditamente e con grande urgenza, anche alla luce della devozione a Maria Rosa Mistica che si è diffusa capillarmente a livello mondiale in un modo misterioso e insieme sorprendente.
Fontanelle è la raccolta località nella campagna bresciana dove la Madonna è apparsa a Pierina Gilli nel 1966, benedicendo una sorgente d'acqua limpida che i pellegrini provenienti da tutto il mondo giudicano miracolosa.
Contenuti: - Introduzione - Biografia del veggente prima dell’apparizione - L’apparizione della Vergine - La conversione del veggente - Intervista a Cornacchiola - Testamento spirituale - Riconoscimento ecclesiastico - Il profumo dei miracoli - Il desiderio di Maria - Insegnamenti spirituali della rivelazione della Vergine alle Tre Fontane - Preghiere alla Vergine della Rivelazione - Guida del pellegrino L’appassionante storia di Bruno Cornacchiola, un protestante anticlericale convertitori miracolosamente dopo un’apparizione della Madonna alle Tre Fontana, Roma. Un racconto dettagliato degli eventi e di ciò che ne è seguito, con una meditazione sulle parole pronunciate dalla vergine, che ci invita a trovare in Gesù Cristo, suo Figlio, l’unica risposta convincente e sicura all’umano desiderio di felicità.
In Africa, in un sofferto lembo di terra, è sorto un santuario intitolato a Nostra Signora dei Dolori. Qui il 28 novembre 1981 la Madonna apparve ad alcune ragazze invitandole a pregare per la salvezza del mondo.
I misteri di Maria (Paolo Brosio)
Il filo narrativo che attraversa questo libro è la “storia segreta” di Maria, così come la svelò al mondo suor Maria di Ágreda, figura straordinaria di mistica, vissuta nel 1600 vicino a Saragozza. Suor Maria venne chiamata “Lady in blue” in Nordamerica, perché con oltre cinquecento fenomeni di bilocazione, riconosciuti persino dal Tribunale dell’Inquisizione, si manifestò anima e corpo nel “Nuovo Mondo” in Texas, Arizona e Messico per catechizzare le tribù. La Chiesa continua a tacere e a sospendere il giudizio sulle apparizioni mariane in Bosnia-Erzegovina, ma i miracoli, i segni, le profezie non cessano di moltiplicarsi e sono il frutto di un preciso disegno che lega Saragozza a Medjugorje. In questi tempi oscuri, la Madonna vuole portare a tutti il suo messaggio di consolazione e di speranza. Per realizzarlo continua a moltiplicare prodigi. I nuovi misteri di Medjugorje, di cui i veggenti sono messaggeri, porgono un invito alla conversione per tutta l’umanità. Paolo Brosio scova storie e indaga avvenimenti inspiegabili con la sua straordinaria capacità di raccontare da cronista e da uomo di fede.
Le lacrimazioni di sangue di Maria Santissima, sia quelle avvenute nei secoli passati che quelle del nostro tempo, raccontate in questo libro, sono un segno tangibile della sua presenza viva nel mondo. Maria è sempre a fianco della Chiesa, di tutti i suoi figli, cammina con noi, prega con noi, piange con noi... "per dare forza alle nostre preghiere e asciugare il nostro pianto, per scuotere chi scende a patti con il maligno, per svegliare chi dorme nel peccato e per toccare l'anima di chi rifiuta i richiami di Dio" (Mons. Pasquale M. Mainolfi).
Nel 1944 la Madonna apparve a una bambina di sette anni, Adelaide Roncalli, a Ghiaie di Bonate (BG) presentandosi spesso accompagnata dalla Sacra Famiglia. Oltre alle esortazioni che già aveva pronunciato in occasione di altre apparizioni riguardanti la pace, la preghiera e la penitenza, si soffermò in particolare sull’importanza e sulla santità della famiglia. E proprio questo le valse il titolo di Regina della Famiglia. “Maria davvero potrebbe essersi fermata a Ghiaie, in 13 apparizioni avvenute a partire dal 13 maggio del 1944, nel cuore del secondo conflitto mondiale … per invitarci a una scelta semplice, quanto salvifica e rivoluzionaria: la santità nella famiglia” (dalla prefazione).
Nell’ottobre del 2014 la copertina di Dabiq, il periodico dello Stato islamico, sconvolse il mondo civile, pubblicando un fotomontaggio nel quale la bandiera dell’Isis sventolava sull’obelisco dinanzi alla basilica di San Pietro. Sessantanove anni fa, nell’apparizione romana delle Tre Fontane, una simile profezia era già stata proposta dalla Vergine della Rivelazione a Bruno Cornacchiola: «Vi saranno giorni di dolori e di lutti. Dalla parte d’Oriente un popolo forte, ma lontano da Dio, sferrerà un attacco tremendo, e spezzerà le cose più sante e sacre, quando gli sarà dato di farlo».
Ipotesi su Maria (Vittorio Messori)
Nel 2008, trent'anni dopo il suo primo libro (Ipotesi su Gesù) divenuto subito un best e long seller mondiale, Vittorio Messori pubblicava, presso le edizioni Ares, Ipotesi su Maria. Un volume che, come tutti quelli (ormai più di 20) dell'Autore è stato accolto dai lettori con grande favore, ha esaurito molte ristampe, è stato tradotto in diverse lingue ed è tuttora «vivo» nel catalogo dell'editore milanese. Ma la ricerca mariana di Messori è proseguita in questi anni. Così, l'Ares presenta ora non una nuova ristampa, bensì una nuova edizione di Ipotesi su Maria, arricchita di 13 capitoli inediti, caratterizzati come sempre da quello stile che ha determinato il successo di Messori: la vivacità e la chiarezza del giornalista professionista unite alla solidità dello studioso esperto, dalla documentazione aggiornata e sicura. Inoltre, anche in questi nuovi capitoli, vi è la consueta, vivace scorribanda tra dogma e aneddoto, tra teologia e devozione spirituale, tra esegesi biblica e apparizioni. Dunque, si amplia ancora, nella nuova edizione, quella carrellata in un mondo luminoso e al contempo spesso sconosciuto, guidati da uno scrittore che non nasconde affatto la sua fede ma è allergico alla retorica mielosa di certo devozionalismo. Un autore che apprezza il sentimento, ma è lontano da un sentimentalismo che rischia di allontanare i nostri contemporanei da Colei che non a caso la Tradizione chiama «Madonna», cioè «Nostra Signora».
Suor Agnese, la veggente di Akita in Giappone, oltre a conoscere per via mistica i misteri degli angeli si è fatta portavoce accolta dalla Chiesa, di profezie straordinariamente compatibili con gli appelli di Fatima e di altre realtà mariane accreditate. Persino il prudente cardinale Ratzinger, poi papa Benedetto XVI, non ha esitato a concedere l’approvazione locale di questa apparizione sostenuta da lacrimazioni e sanguinazioni di una statua in legno raffigurante Nostra Signora dei Popoli di Amsterdam, intarsiata da un artista buddista. L’intera nazione giapponese osservò in televisione una di queste prodigiose lacrimazioni... Ma che segni devono accadere affinché certe nazioni lontane dalla fede nel Dio vero si convertano concretamente?
«"Stelle nella notte della fede". Bagliori, dunque, che illuminano gli uomini nel loro non sempre facile rapporto con il cielo, intessuto di luce ma anche di oscurità. Ecco come definisce René Laurentin, certamente il maggiore esperto al proposito, le apparizioni mariane. Si può parlarne anche come di una sorta di colpi di gong che ogni tanto risuonano nel mondo per risvegliarci dai nostri torpori, per denunciare le nostre illusioni, per ricordarci che esiste un rapporto ben stretto tra quel peccato che vogliamo ignorare e quei tanti mali per i quali continuamente ci lamentiamo. Colpi di gong, per svelare le idolatrie alle quali ci abbeveriamo, nel tentativo di rispondere al nostro bisogno di Dio ma, al contempo, per sfuggirgli in tutto o in parte. Ebbene, se tutto questo è vero, ciò che è avvenuto a Kibeho tra il 1981 e il 1989 è davvero una stella tra le più luminose, un colpo di gong che non possiamo non udire. E questo per molti motivi, come ci spiega bene, con autentico spirito mariano, don Edouard Sinayobye in questo suo volume».
Tra la fine di agosto e l’inizio di settembre del 1953 il bassorilievo di una Madonnina di gesso sconvolge dapprima la città di Siracusa, poi l’Italia intera e, infine, il mondo. «La Madonna piange!» dicono coloro che passano in via degli Orti in quei giorni. A distanza di 60 anni, quelle lacrime parlano ancora alle donne e agli uomini di tutte le latitudini, che pregano e sperano: parlano dell’amore di Dio, della sua misericordia e della nostra necessità di convertirci.
Le apparizioni mariane, dono per la fede e sfide per la ragione. Il testo tratta: la quantità delle apparizioni, la natura delle apparizioni, la valutazione delle apparizioni, il valore e il significato delle apparizioni.