Maria a Medjugorje Messaggio del 29 marzo 1988: Io vi do il mio amore affinchè voi lo diate agli altri.

Notizie dei giornali cattolici







Antiabortisti, anti matrimonio gay, creazionisti e scettici sui cambiamenti climatici. Ritratto politico dei 10 deputati del Partito democratico unionista (Dup) nordirlandesi
Un romanzo storico di Ada Grossi prova a dare la risposta che tutti cercano: dal 1204 al 1353 della Sindone si perdono le tracce. Il viaggio ricostruisce con personaggi esistiti e riferimenti storici perfetti il probabile intineraio del volto di Cristo in mano ai templari.
Ci sono molte ambiguità attorno al termine discernimento, un concetto che viene usato per concedere l'Eucaristia a chi si trova in situazione irregolare. Ma non è questo il significato che viene dalle Scritture e dal Magistero. Ecco, passo per passo, come accompagnare e accogliere.
L'ennesimo caso "montato" di un ragazzino maltrattato da un bullo perché di tendenza omosessuale è alla base di una traballante teoria di un immancabile chierico d’avanguardia, che si inerpica dicendo che Gesù è stato vittima di omofobia ante litteram. Ma legge mosaica, dati storici e familiari di Gesù dimostrano che è una tesi insostenibile. Ma è inquietante il processo a tappe forzate in corso nella Chiesa per sdoganare la pratica omosessuale.
Migliaia di persone hanno partecipato al “Raduno per la Vita e per la Famiglia” 2017, tenutasi nei giorni scorsi a Palermo.Dalle associazioni pro vita ai gruppi scout, dalle chiese pentecostali al cammino neocatecumenale in tanti si sono raccolti in Piazza Verdi per l’iniziativa, rappresentanti di 70 tra associazioni e movimenti religiosi e laici. Visto che non è stato possibile fare la marcia per la città siciliana come nei 7 anni passati, a causa della campagna elettorale in corso, ci si è ritrovati in piazza, con bandiere, slogan e canti del Rinnovamento nello Spirito che hanno animato l’evento. Ad aprire la manifestazione è stato Diego Torre, portavoce del Forum “Vita Famiglia Educazione”.
Al convegno milanese sulla sacra Liturgia, che si chiude oggi, il cardinale Raymond Leo Burke ha difeso la continuità della tradizione nella liturgia contro chi vorrebbe operare una rottura a partire dal Vaticano II e relegare la forma extraordinaria a reperto archeologico.
Gesù Cristo è il “demonio”. È la definizione del Figlio di Dio apparsa sui libri di testo della nona classe del Gujarat. Per questo la comunità cristiana sta protestando a gran voce e chiede l’immediata cancellazione della frase prima della riapertura delle scuole. L’errore, se così si può chiamare, è stato notato dall’avvocato Subramaniam Iyer, che ha pubblicato l’immagine del testo in hindi. All’agenzia DNA, egli afferma: “Errori simili non sono accettabili. Non si deve permettere che rimangano nei libri di scuola, che sono letti da giovani menti. Il governo deve correggerli o ordinare una ristampa”.
Ha cominciato la sua carriera come infermiera, salvando vite umane. Poi, senza cambiare mestiere, ha iniziato a eseguire procedure di ‘buona morte’ in una casa di cura. Anche su malati non terminali. Dopo l’agonia di nove giorni di una donna, uccisa per disidratazione, e di un’anziana a cui il figlio aveva chiesto l’interruzione delle cure, ha detto “no” all’ennesima procedura che le era stata assegnata. Ed è stata licenziata.
“Volevo essere una drag queen ma dentro pensavo: 'Perché sono qui? Non so chi sono'. E allora ho pregato...”
Il Regno Unito non è più un posto sicuro per i bambini. I giudici della Corte Suprema hanno confermato la condanna a morte del piccolo Charlie Gard, affetto da una patologia rarissima, autorizzando i medici a staccare il respiratore, contro la volontà dei suoi genitori che vorrebbero portarlo negli Usa per una cura che ha già avuto successo su almeno due bambini. Ora non resta che sperare che la Corte europea dei diritti dell'uomo accetti il ricorso e lo esamini. Ma è una corsa contro il tempo e contro l'ingiustizia di un atto che è omicida.
Il demonio è nemico di Gesù e il principale tentatore delle anime consacrate. Egli peccò di orgoglio non riconoscendo che doveva alla generosità di Dio la sua situazione di creatura privilegiata. Gesù per rimettere a posto le cose rispose agli insulti di satana umiliandosi. Ammiriamo l’atteggiamento di Gesù che per umiliarsi non ebbe orrore del presepio, della croce, del sepolcro, delle specie eucaristiche, né delle nostre anime che scelse come sua abitazione e dalle quali tante volte si rassegna anche ad essere scacciato. Che pena! Sforziamoci di vivere unite a Gesù. Pensiamo che per essere uniti a Lui ogni uomo deve essere umile e caritatevole. A niente serve essere intelligenti e intraprendenti, né è sufficiente avere buona volontà o un buon carattere, ma occorre essere disce­poli di colui che ha detto: "imparate da me che sono mite ed umile di cuore e troverete ristoro per le vostre anime".
Preghiera e sacrificio anche fisico. Sono queste le richieste che la Madonna fa alla mistica di Montichiari Pierina Gilli, scomparsa nel 1991. In “Maria Rosa mistica. Il culto mariano a Fontanelle di Montichiari” (Sugarco edizioni) Stefano Chiappalone riporta quei dialoghi segreti con la Vergine che hanno preso il via nel 1944, dopo l’ingresso di Pierina come postulante nelle suore Ancelle della Carità. Da queste pagine apprendiamo che l’incontro con la Madonna sarebbe stato anticipato e preparato dalle visioni di suor Maria Crocifissa Di Rosa, fondatrice della congregazione delle Ancelle della Carità, beatificata nel 1940 da papa Pio XII e da lui canonizzata nel 1954. In diverse occasioni le apparizioni della Vergine e di suor Maria avvengono insieme.
La città di Marawi, nelle Filippine, è da settimane in mano al gruppo terroristico Maute, affiliato all’Isis. Nei giorni scorsi, l’agenzia di notizie Amaq ha diffuso un video in cui si vedono alcuni di questi combattenti che profanano la cattedrale, e poi la incendiano. Le immagini risalirebbero al 23 maggio scorso, lo stesso giorno in cui i terroristi hanno sequestrato padre Teresito “Chito” Suganob e alcuni fedeli riuniti nella chiesa. Le immagini sono molto forti. Si vedono i terroristi rompere e calpestare statue, bruciare i testi sacri, distruggere il crocifisso, buttare a terra le ostie, strappare le immagini di Papa Francesco e Papa Benedetto XVI.
Pubblicare foto dei propri figli sul web per moltissimi genitori è la normalità. Lo si fa per condividere un momento di gioia, per annunciare una nascita, per celebrare un compleanno. Dietro a un gesto apparentemente così innocuo si cela però un pericolo. Dove finisce tutto quello che pubblichiamo? Chi protegge le immagini che condividiamo sui social?A mettere in allerta mamme e papà arriva l’allarme del garante della privacy (Vanity Fair, 7 giugno).
Ha raggiunto 1 milione e 700mila firme, ma la petizione One of Us è stata rifiutata dalla Commissione Ue perché la linea politica prevale. Ma non è questo lo spirito dei trattati che consegnarono ai cittadini il diritto di farsi ascoltare. Ma per l'Ue è ancora vitale finanziare gli abortifici.
Il quotidiano La Repubblica elenca le sei riforme che dovrebbero essere approvate prima di tornare alle urne. Risolvere la crisi economica? Riformare la macchina burocratica? Affrontare l'immigrazione? No. Le leggi "urgenti" sono: biotestamento, reato di tortura, legge sulla cittadinanza, legalizzazione della cannabis, nuovo codice antimafia, no alla prescrizione dei processi. Legalismo e libertinismo: quel che vuole l'élite sempre più lontana dal popolo.
E' la sessualizzazione precoce il fine subdolo di quasi tutti i corsi di educazione sessuale che si propinano nelle scuole. A Modena i genitori sono infuriati: ai loro figli di 10 anni è stato fatto fare un corso di educazione sessuale con immagini esplicite e frasi di amplesso dalla violenza verbale inequivocabile. La preside dà la colpa alla scarsa attenzione dei genitori e si difende, ma rischia un procedimento disciplinare. Ma ciò che viene nascosto è che esporre ai figli una sessualità esclusivamente genitale con la scusa che sono già bombardati dai media è quanto di più violento gli si possa fare. Invece la vera educazione è all'affettitivà, come dimostra l'esperienza della Fondazione Incendo, che in pochi anni ha già incontrato 2.500 studenti.
Vangelo Gv 3, 16-18: Dio ha mandato il Figlio suo perché il mondo sia salvato per mezzo di lui.
«Dio ha tanto amato il mondo da dare il Figlio, unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna. Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è già stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell’unigenito Figlio di Dio».
Rapporto Open Doors. «Il 50-80 per cento della popolazione cristiana dell'Iraq e della Siria è emigrata dall'inizio della guerra civile siriana nel 2011»
Il leader islamico Norodin ha protetto 70 cristiani: «Sono arrivati i jihadisti, ho detto loro: “Deponete le armi e non vi farò uccidere”. Mi hanno risposto: “Combattiamo il jihad, vogliamo morire”»
Gli interventi di Sorondo, Turkson, Marx e Ravasi - con la condanna di Trump per aver ritirato la firma dagli Accordi di Parigi - fanno trasparire un mix di ignoranza, ideologia e conformismo. Ma soprattutto sono anch'essi il segno della protestantizzazione della Chiesa.