Maria a Medjugorje Messaggio del 10 ottobre 1985:Cari figli, anche oggi desidero invitarvi a vivere i messaggi in parrocchia. Voglio invitare particolarmente i giovani della parrocchia, che mi è cara. Cari figli, se vivrete i messaggi, voi vivrete il seme della santità. Come Mamma, desidero chiamarvi tutti alla santità, perché la possiate comunicare agli altri. Voi siete uno specchio per gli altri. Grazie per aver risposto alla mia chiamata!

Notizie dei giornali cattolici







«Erano deboli, fragili e peccatori come noi, ma grazie alla preghiera hanno potuto essere veri testimoni di Cristo». Qui un estratto del libro di Rebwar Basa, Un Sacerdote Cattolico nello Stato Islamico: di fronte alle persecuzioni il cristiano non mette in campo strategie di sopravvivenza, ma ricorre a Dio, il resto lo farà Lui.
Si festeggia il referendum indetto dal premier irandese per sovvertire una delle poche Costituzioni che protegge ancora la vita degli innocenti. Una vittoria contro le ingerenze della Chiesa, dicono i progressisti. Ma siamo sicuri? Ecco le pressioni economiche che in 15 anni hanno convinto un paese ad abbandonare la retta via.
Oggi al via tra mille incognite la III Conferenza Nazionale sulla Famiglia. "Ma la politica è amica dell'individuo e non della famiglia. Per il Fattore Famiglia basta una redistribuzione orizzontale". Parla Donati, autore del Piano rivoluzionario per la Famiglia, nel cassetto da 5 anni.
Francesco nella premessa alla “Bibbia dei giovani” lanciata dal gruppo editoriale San Paolo: «Oggi ci sono più cristiani perseguitati che all’epoca delle origini della Chiesa. Perché portano una croce e rendono testimonianza a Gesù. La Bibbia quindi è un libro estremamente pericoloso». E rivela: «Prego seduto perché mi fa male inginocchiarmi».
"Pre-embrione", "non ancora persona", "grumo di cellule", "essere umano in potenza". In decenni di contraffazione linguistica, la macchina culturale che promuove l’aborto ha inventato una miriade di termini per cancellare dalle nostre menti la realtà, ossia che il bambino nel grembo materno è un essere umano a tutti gli effetti e nessuno dovrebbe essere legittimato a toglierli la vita. Come spiegava il grande genetista francese Jerome Lejeune, la vita è biologicamente un continuum, senza alcuna discontinuità tra il concepimento e la nascita. Studenti e giovani americani, desiderosi di testimoniare questa realtà così oscurata dal potere, stanno attraversando gli Stati Uniti con un camion carico di 328.348 paia di piccole calze colorate, per ricordare tutti i bambini abortiti nelle cliniche della Planned Parenthood, secondo l’ultimo report diffuso dal colosso degli aborti per l’anno fiscale 2015-2016. Quelle 328.348 paia di baby calze, che avrebbero potuto custodire i piedini di altrettanti neonati, stanno lì a gridare al mondo tutte le bugie di chi legittima l’aborto come libera scelta e rappresenta il bambino non ancora nato come qualcosa di vago e fondamentalmente privo di diritti.
Bisogna farsene una ragione: la famiglia - quella vera, quella naturale fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna e aperta ai figli – è stata abbandonata da tutti. Sulla Conferenza nazionale della famiglia, che si apre domani, riferiamo a parte: basti dire che si tratta di una farsa che sancisce il totale disinteresse della politica per la cellula fondamentale della società. Resta qualche parlamentare in ordine sparso a tenere la posizione, ma è chiaro che con la legge Cirinnà la famiglia – dal punto di vista dello Stato – è già il passato.
Il Parlamento spagnolo ha cominciato a discutere una legge sull’uguaglianza, già ribattezzata “legge Lgbt”, che può probabilmente essere definita la più integralista e liberticida mai presentata in nessun angolo del mondo. Il disegno di legge è stato sviluppato dai partiti di sinistra Unidos Podemos, En Comú e En Marea, con la collaborazione e benedizione della Federazione spagnola lesbiche, gay, transessuali e bisessuali (Felgbt). Oltre alla promozione dell’ideologia gender in ogni istituzione statale e non, il ddl sancisce precisi obblighi e doveri in favore delle persone Lgbt, al pari di multe e sanzioni da comminare a chi non li rispetta.
Caro direttore, immagino che i lettori (ma anche alcuni tuoi collaboratori), vedendo la mia firma in calce alla “Correctio filialis” , si siano domandati se questa mia iniziativa sia in linea con quanto vado scrivendo da anni nei miei libri, negli articoli di riviste scientifiche e anche in tanti articoli che tu mi hai chiesto e hai pubblicato nella NBQ. So peraltro che molte interpretazioni giornalistiche dell’evento lo caricano di connotazioni negative: si parla di un «affronto al Papa», di un «gesto di ribellione» eccetera. Soprattutto, da parte di chi non ha alcun reale interesse per ciò che concerne la fede cattolica, si trascura il contenuto propriamente dottrinale del documento, limitandosi a inquadrarlo nella lotta intra-ecclesiale tra conservatori e progressisti. Io avrei partecipato dunque a un atto eversivo, gravemente lesivo dell’unità della Chiesa sotto la guida del supremo Pastore. Le cose non stanno affatto così, e i lettori della NBQ meritano un’informazione più veritiera, sia riguardo al documento in sé che riguardo al fatto che io lo abbia firmato. Cerco di chiarire tutto per ordine. ...
L'Ecr, il gruppo guidato dai conservatori britannici nel Parlamento Europeo, propone Asia Bibi come candidata del Premio Sakharov per la libertà di espressione. Sarebbe un riconoscimento alla sua sofferenza e a quella degli altri cristiani perseguitati in Pakistan.
Senza prospettive, senza idee e soprattutto senza alcuna strategia politica. Ma con la spina nel fianco delle sigle Lgbt che reclamano spazio e che, c’è da scommetterci, monopolizzeranno l’attenzione della due giorni, poco importa se come convitato di pietra o no. Domani inizia in Campidoglio la III Conferenza Nazionale per la Famiglia organizzata dal Dipartimento per le politiche della famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri col supporto dell’Osservatorio nazionale sulla famiglia. Ma all’orizzonte nessuno sa non solo che cosa si andrà a dire nella due giorni, ma soprattutto che cosa uscirà di concreto per le famiglie. E’ il frutto di una serie di decisioni affrettate che sanno tanto di promessa pre-elettorale, per tenere buono un certo mondo che nei sondaggi non sembra contare nulla, ma alla fine con il suo voto pesa.
Reagan Nielsen è la coordinatrice regionale nel Midwest degli USA dell’associazione “Students for Life of America”, che opera contro l’aborto. Ha raccontato a LifeSiteNews un episodio accaduto alla Lindenwood University, a St. Charles, nel Missouri, che la ha profondamente colpita. La Nielsen aveva esposto l’ultimo rapporto stilato da Planned Parenthood sulla sua attività, relativa all’anno fiscale 2013-2014: gli studenti sono rimasti scioccati nell’apprendere che Planned Parenthood pratica 897 aborti ogni giorno e che è finanziata con i denari dei contribuenti.
Padre Pio lo aveva conosciuto personalmente e definito “un sacerdote secondo il cuore di Dio”. La fama di santità di quel sacerdote, Candido Amantini (1914-1992), fa pensare in effetti che anche in questo caso il santo da Pietrelcina avesse visto giusto. Dopo una vita spesa al servizio della Chiesa e del suo gregge, nel 2012 padre Candido è stato proclamato servo di Dio e nel novembre scorso si è chiusa l’inchiesta diocesana per accertarne le virtù eroiche, passo preliminare sulla via di una possibile beatificazione. Il 22 settembre e nei tre giorni precedenti, in corrispondenza del venticinquesimo anniversario della sua morte, i confratelli passionisti del pontificio santuario della Scala Santa a Roma - dove ha vissuto per lungo tempo - lo hanno ricordato nella preghiera assieme ai fedeli.
Tra le 62 firme che sostengono una “correzione filiale” consegnata fisicamente in agosto a papa Francesco c’è anche quella di monsignor Bernard Fellay Superiore generale della Fraternità San Pio X, la comunità sacerdotale fondata da monsignor Marcel Lefevbre nell’immediato post concilio per fuggire al rinnovamento ritenuto spurio.
Suor Rasika Pieris commenta il Documento preparatorio al Sinodo dei vescovi sui giovani, previsto per ottobre 2018. “La Chiesa è euro-centrica nella sua dottrina”. Le sfide dei giovani in Asia sono diverse da quelle dei giovani in Europa.
Sui monti di Modena, Gabriele fu comandante partigiano del terzo battaglione della seconda brigata Italia. Riuscì per ben tre volte a sfuggire dalle mani dei fascisti salvandosi da una condanna a morte assicurata. Poteva fregiarsi della medaglia al Valor militare e di quella della Liberazione. Dopo la guerra arrivò la laurea in Giurisprudenza, la militanza nell’Azione cattolica e nella Fuci, l’impegno tra le fila della Democrazia Cristiana accanto a Giulio Andreotti e Alcide De Gasperi. A soli 22 anni fu nominato vice delegato nazionale dei movimenti giovanili della Dc. Ma c’era una promessa nella vita di Gabriele, quella fatta a don Giacomo Alberione, fondatore della Famiglia Paolina.
Oggi inizia la Novena a San Francesco D'Assisi.
La pedofilia non è una malattia, ma un disordine. Dal punto di vista clinico sono pedofili i comportamenti sessuali che coinvolgono bambini prepuberi. Non è il caso del prete citato dal Papa. E qui la giurisprudenza estende o accorcia a piacimento l'età del consenso.
Nelle ultime osservazioni Il Comitato per i Diritti dell’Uomo dell’ONU compie giravolte linguistiche per affermare il diritto all'aborto, che però non è sancito dalla Dichiarazione Universale dei diritti dell'uomo, che dovrebbe attuare.
Fa tappa a Firenze il #busdellalibertà che scardina i principi dell'ideologia gender. Proprio nei giorni in cui infuria la polemica per un convegno in Regione sui bambini in transizione, strumentalizzati per dimostrare un passaggio che non esiste in natura.
«Un aspetto essenziale del sacro ministero, e ravvisabile nella vita di padre Pio, è l’offerta che il sacerdote fa di se stesso, in Cristo e con Cristo, come vittima di espiazione e di riparazione per i peccati degli uomini. Il sacerdote deve avere sempre davanti agli occhi la definizione classica della propria missione, contenuta nella Lettera agli Ebrei: “Ogni sommo sacerdote, scelto fra gli uomini, viene costituito per il bene degli uomini nelle cose che riguardano Dio, per offrire doni e sacrifici per i peccati”… Questa offerta deve raggiungere la sua massima espressione nella celebrazione del sacrificio eucaristico. E chi non ricorda il fervore col quale padre Pio riviveva, nella Messa, la passione di Cristo? Da qui la stima che egli aveva della Messa – da lui chiamata “un mistero tremendo” – come momento decisivo della salvezza e della santificazione dello uomo mediante la partecipazione alle sofferenze stesse del Crocifisso. “C’è nella Messa – diceva – tutto il Calvario”. La Messa fu per lui la “fonte ed il culmine”, il perno ed il centro di tutta la sua vita e di tutta la sua opera».
E' possibile perdonare un tradimento dopo anni di matrimonio? E' possibile accettare un figlio nato dall'adulterio? Audrey e Bob spiegano come, con la grazia di Dio, l'aiuto degli uomini che Lo amano e la volontà di rimanere fedeli ai Comandamenti è possibile ricevere l'amore di Cristo, dandolo e perdonando.