Maria a Medjugorje Messaggio del 23 maggio 1984:Desidero che i ragazzi della parrocchia si preparino con una novena a ricevere il sacramento della Cresima nel giorno dell’Ascensione.

Notizie dei giornali cattolici







In corrispondenza della Pasqua ortodossa – domani – si fanno rivivere molte tradizioni: i dolci, le uova, il fuoco santo in diretta dal Santo Sepolcro Gerusalemme. Il patriarca Kirill esorta a partecipare ai sacramenti. La partecipazione dei fedeli alla Settimana santa è stata fra il 2 e il 45.
Se alla Cirinnà e alle femministe in pre- e post-menopausa dispiace, a me non interessa. Quello di cui sono certo è che ogni singola affermazione del cartellone di Pro-vita contro l’aborto è scientificamente corretta. Il concepito inizia veramente a succhiarsi il pollice alla 10ª settimana (Walker HK. The Suck, Snout, Palmomental, and Grasp Reflexes. In: Walker HK, Hall WD, Hurst JW, (eds) Clinical Methods: The History, Physical, and Laboratory Examinations, 3rd edition, Boston: Butterworths, 1990; Festila D, et al. Clujul Medical 2014 Vol. 87 – no. 1, pp. 11-14). Il battito cardiaco inizia davvero alla fine della 4ª settimana di gestazione, quando l’embrione inizia la terza settimana di vita, poiché l’epoca gestazionale viene calcolata dal primo giorno dell’ultima mestruazione (Valenti O. et al. Journal of Prenatal Medicine 2011; 5 (3): 59-62). Il passaggio da embrione e feto viene realmente fatto risalire al termine dell’8ª settimana di vita pre-natale secondo le definizioni internazionali.
Dopo essere stati convocati dall'ospedale per un possibile traferimento all'esetro di Alfie, i suoi genitori sono in attesa del verdetto del giudice, interepellato a loro insaputa. Ieri due ospedali italiani si sono fatti avanti, ma quello che serve è un medico disposto dichiarare che il suo cervello è funzionale, come dimostra il video in cui Alfie risponde ai comandi del papà.
Roma, ProVita Onlus espone un enorme manifesto che ritrae un feto di 11 settimane. E' un modo per far capire a tutti che, ognuno di noi, a 11 settimane, è già una persona e che se siamo vivi è perché nostra madre non ha abortito. Ma le associazioni femministe, indignate, chiedono la rimozione del poster "violento".
Ieri l'Alder Hay Hospital in cui è ricoverato Alfie Evans, alla luce di nuove prove, pareva aver accettato di valutare l'espatrio del bambino in una struttura estera. La notizia appariva positiva, ma l'avvocato ospedaliero, mentendo alla famiglia, ha rimesso la decisione ultima nelle mani del giudice che condannò Alfie. Intanto si attende la disponibilità del Bambin Gesù di Roma ad accogliere il bimbo.
«Oggi conduciMi le anime che sono nel carcere del Purgatorio ed immergile nell'abisso della Mia misericordia. I torrenti del Mio sangue attenuino la loro arsura. Tutte queste anime sono molto amate da Me; ora stanno dando soddisfazione alla Mia giustizia; è in tuo potere recar loro sollievo. Prendi dal tesoro della Mia Chiesa tutte le indulgenze ed offrile per loro... Oh, se conoscessi i loro tormenti, offriresti continuamente per loro l'elemosina dello spirito e pagheresti i debiti che essi hanno nei confronti della Mia giustizia!».
Gesù a Santa Faustina Kowalska: Settembre 1936 «Figlia Mia, parla a tutto il mondo della Mia inconcepibile Misericordia. Desidero che la festa della Misericordia sia di riparo e rifugio per tutte le anime e specialmente per i poveri peccatori. In quel giorno sono aperte le viscere della Mia Misericordia, riverserò tutto un mare di grazie sulle anime che si avvicinano alla sorgente della Mia Misericordia. L'anima che si accosta alla confessione ed alla santa Comunione, riceve il perdono totale delle colpe e delle pene. In quel giorno sono aperti tutti i canali attraverso i quali scorrono le grazie divine. Nessuna anima abbia paura di accostarsi a Me, anche se i suoi peccati fossero come lo scarlatto. La Mia Misericordia è talmente grande che nessuna mente, né umana né angelica, riuscirà a sviscerarla pur impegnandovisi per tutta l'eternità. Tutto quello che esiste, è uscito dalle viscere della Mia Misericordia. Ogni anima nei Miei confronti rifletterà per tutta l'eternità sul Mio amore e sulla Mia Misericordia. La festa della Misericordia è uscita dalle Mie viscere; desidero che venga celebrata solennemente la prima domenica dopo Pasqua. L'umanità non troverà pace finché non si rivolgerà alla sorgente della Mia Misericordia» (pag. 267).
Sono decine i "missionari di frontiera", attivi con impegni sociali e di evangelizzazione. Almeno 10 uccisi, si sospetta da Pyongyang. Altri espulsi o arrestati in Cina. Il ricordo di Han Chung-ryeol, “martire” di Changbai.
Due preti litigano per la lavanda dei piedi: uno vuole i migranti, l'altro no. Il primo ovviamente ha il favore della stampa. Il secondo viene crocifisso. Ma perché ogni rito della Chiesa deve essere trasformato in un “messaggio” ideologicamente orientato al politicamente corretto del momento?
C’è chi accusa di disobbedienza quanti hanno espresso dubbi, domande e critiche all’operato del Papa, ma «la correzione della confusione o dell’errore non è un atto di disobbedienza, bensì un atto di obbedienza a Cristo e perciò al Suo Vicario sulla terra». Così il cardinale Raymond Leo Burke in questa intervista a La Nuova BQ, alla vigilia di un importante convegno che ci sarà a Roma sabato 7 aprile sul tema “Dove va la Chiesa”.
Domenica della Misericordia. Gesù risorto appare ai discepoli e dà loro lo Spirito che disperde il male dell’uomo: «Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati». Sì, ci vuole Dio stesso, il suo Santo Spirito, per vincere la battaglia che l’uomo ha con il suo cuore. Mille volte l’uomo si illude, con questa o quella disciplina, di poter dissolvere il non amore del suo cuore. Ma ci vuole che uno torni dai morti per perdonare l’uomo. Ci vuole Dio Padre per poter rinascere. L’uomo, che spesso sbaglia senza coscienza, prima o poi fa i conti con le sue stupidaggini. E quel giorno scopre che non è possibile tornare indietro, scopre la sua impotenza sui suoi errori. E prende contatto con la tragedia del male. Ammettere che il male ci sia è facile; il difficile, a quel punto, è credere alla Grazia.
Ha 15 anni e la sua famiglia, induista, viene dall’isola di Mauritius. Ha incontrato la fede frequentando la parrocchia del suo paese nel Padovano e a Pasqua è stata battezzata, cresimata e ha ricevuto la prima Comunione.
«Oggi conduciMi le anime che venerano in modo particolare ed esaltano la Mia misericordia, ed immergile nella Mia misericordia. Queste anime hanno sofferto maggiormente per la Mia Passione e sono penetrate più profondamente nel Mio spirito. Esse sono un riflesso vivente del Mio cuore pietoso. Queste anime risplenderanno con una particolare luminosità nella vita futura. Nessuna finirà nel fuoco dell'Inferno; Io difenderò in modo particolare ciascuna di loro nell’ora della morte».
La chiesa di san Francesco Saverio di Wewala, nella diocesi di Colombo, ha tre nuovi fedeli cristiani. Essi sono Iresha Sandamali, Theresa Rathnawathi e Joseph: tre adulti che hanno scelto di abbracciare Cristo. Per loro, il rito battesimale si è svolto durante la veglia di Pasqua, lo scorso 31 marzo. Ad AsiaNews affermano: “Un sogno atteso da tempo è diventato realtà. In questa nuova vita proviamo un sentimento nuovo di felicità interiore e forza. Abbiamo piena fiducia che l’amore di Gesù Cristo non finirà mai”.
I fedeli colpiti mentre viaggiavano su un rick-shaw; ucciso anche l’autista. Continuano le intimidazioni alla Chiesa metodista colpita da due attentatori lo scorso dicembre. “Colpire e uccidere le minoranze religiose è diventata una moda”.
L’invecchiamento della popolazione sta mettendo a dura prova il sistema finanziario del Giappone ormai da molti anni. Sono sempre meno i giovani che fanno ingresso nel mondo del lavoro, ed è sempre più difficile per il paese sostenere il peso del debito pensionistico. Il Giappone non ha solo un’alta percentuale di persone anziane che ricevono una pensione media appena sufficiente per vivere, ma anche poche strutture da mettere loro a disposizione, se si pensa che ci sono almeno 420.000 anziani in attesa di posti letto in case di cura.
Sette vescovi tedeschi hanno scritto una lettera alla Santa Sede per protestare contro la decisione presa il 22 febbraio scorso dalla Conferenza Episcopale tedesca di permettere, in qualche caso, ai coniugi di fede protestante di ricevere la Comunione nella messa cattolica.
Ahmed Hassan era considerato uno studente modello, finché non è diventato il mancato attentatore della metropolitana di Londra, lo scorso settembre. Era entrato clandestinamente nel paese ed è rimasto impunito. Ora è in carcere e il giudice lo esorta a studiare meglio l'islam, "religione di pace".
Una suora dall'Argentina sdogana i preservativi: "Me l'ha detto il Papa...". Silenzio dalla sala stampa vaticana. Intanto però si fa largo un magistero privato di Francesco esposto sempre da terzi, ma in contraddizione con quello pubblico che rende ormai urgente un intervento chiarificatore. Perché quando le opinioni sono imposte da chi ha potere, il passo verso l'ideologia è molto breve.
«Richiedo al Papa di aiutarci. Lo supplico. Il 28 marzo scorso il Santo Padre ha ricevuto la mia richiesta d’asilo in Vaticano». Thomas Evans spiega alla NuovaBQ i tentativi fatti nella battaglia per difendere il suo bambino, contro un mondo sanitario e giuridico che «non vede l’ora di sopprimerlo, mentre mio figlio lotta per vivere».
L'anima tutta luminosa si mise a sedere vicino a un tavolino; le altre, invece, non si mossero dal loro posto. Vedendola triste le chiesi di dirmi se c'era ancora qualcosa che non andava bene per lei, così avrei pregato con più diligenza. Le dissi anche: "Se preferisci scrivere, allora scrivi ciò che ti manca" e le porsi un foglio con una matita. Lei cominciò a scrivere; sulla prima riga c'era scritto: "Ho bisogno di una Messa"; purtroppo non riuscii a leggere il resto e neppure il suo nome. Tutto però era scritto molto bene, con una calligrafia molto bella. Quando le altre videro questo, cominciarono a chiedere di poter fare la stessa cosa, per cui dissi loro: "Scrivete anche voi tutto ciò che vi manca" e diedi loro foglio e matita. Purtroppo, non potei leggere nulla di quanto avevano scritto, perché i fogli erano tutti grigi. Mentre queste povere anime scrivevano un sacco di cose, io continuavo a recitare giaculatorie per loro e dissi: "Per ognuna di voi che siete qui offro una Santa Comunione" e nel medesimo istante cominciarono a ringraziare e a piangere. Poi dissero che la Santa Comunione, la Santa Messa e il prezioso Sangue di Gesù erano per loro di infinito conforto e sollievo. Allora, nel sogno, pensai che ero rimasta in quel luogo abbastanza a lungo e che era ora di andarmene.