Maria a Medjugorje Messaggio del 2 febbraio 2009:Cari figli, oggi con cuore materno desidero ricordarvi, cioè avvertirvi dell’immenso amore di Dio e della pazienza che scaturisce da esso. Il vostro Padre mi manda e aspetta. Aspetta i vostri cuori aperti pronti per le sue opere. Aspetta i vostri cuori uniti nell’amore cristiano e nella misericordia nello spirito di mio Figlio. Non perdete tempo, figli, perché non ne siete padroni. Vi ringrazio.

Notizie dei giornali cattolici







Ci hanno provato in tutti i modi: trasformandola nella festa della luce e dei colori, in quella dei buoni sentimenti, sostituendo le immagini sacre con idoli pagani e commerciali. Ma alla fine tornano sempre lì: all’iconografia che fa del Natale il Natale: quella cristiana. Solo che il messaggio che deve passare è quello esclusivamente commerciale e non certo quello dell’Incarnazione, ergo per pubblicizzare un qualunque prodotto si torna alla tradizione cristiana, ma questa deve essere alterata chimicamente dagli sbuffi del consumismo.
Oggi inizia la Novena a Santa Lucia.
Il Presidente dei Giuristi per la vita, una giornalista e scrittrice di libri che sin dal titolo invitano a sposarsi, un educatore famoso per le sue lezioni, non solo scolastiche, su Dante. Saranno loro ad affrontare un tema di quelli che fanno tremare le vene ai polsi: “Famiglia: Cultura o Natura?”. Sunodia, associazione culturale romana che da sei anni a questa parte promuove iniziative educative e culturali su temi riguardanti la famiglia, ha chiamato Gianfranco Amato, Costanza Miriano e Franco Nembrini a portare il loro rispettivo e caratteristico contributo. Amato con un excursus storico metterà in luce – partendo dalla scoperta archeologica della “Famiglia di Eulau” del 2005 in Sassonia risalenti a 4600 anni fa – l’aspetto ontologico della famiglia, ripercorrendo alcuni interessanti aspetti dell’istituzione familiare, dall’antica Grecia ai regimi dittatoriali del XX secolo (rivoluzione sovietica) fino agli eventi dei nostri giorni». Costanza Miriano affronterà il tema dell’esperienza della genitorialità e della diversità uomo/donna come elemento essenziale della famiglia, dove uomo e donna trovano uno specifico spazio relazionale tra genitori e con i figli riscoprendo in questo rapporto la verità di loro stessi. Franco Nembrini tratterà il tema dell’educazione per precisare i contenuti, lo scopo e l’esperienza della famiglia. In tale esperienza l’esito non è mai scontato sebbene il rapporto educativo tra genitore/figlio appaia un binomio inscindibile e necessario. Infatti la condizione di libertà in cui si trovano i figli determina quel “rischio educativo” che fa parte della dinamica genitori-figli all’interno della famiglia.
Galeotto fu un convegno dell’Avv. Amato e della Dott.ssa Silvana de Mari a Bagheria del 17 novembre 2017. Fra gli spettatori quella sera sedeva anche Luciano Sesta, docente cattolico di Antropologia Filosofica e Bioetica dell’Università di Palermo. A fine convegno, invitato a dire la sua opinione su quanto ascoltato, ha voluto provocare dichiarando che a suo avviso il primo manifesto gender si trova nella lettera ai Galati 3,28 di San Paolo, nella parte ove l’apostolo scrive “Non c’è più giudeo né greco; non c’è più schiavo né libero; non c’è più uomo né donna, poiché tutti voi siete uno in Cristo Gesù”. In neretto la parte citata dal prof. Sesta. Procedendo con l’ascolto si comprende meglio la posizione di Luciano Sesta: il movimento gender è una risposta sbagliata ad un’istanza giusta, cioè “l’istanza di uguaglianza” di tutti gli uomini fra di loro. San Paolo dunque, avendo fatto sua tale istanza, ha per certi versi scritto il primo manifesto pro-gender.
Da piccola si domanda il senso di "un mondo crudele di cui non volevo far parte”. Fino al tentato sucidio, alla violenza e ai contatti con l'Isis. Ma "la Bibbia mi fologrò: Gesù è un Dio che chiede di amare i nemici". Ora, pur allontanata da casa, racconta la gioia cristiana ai musulamani.
Con la sfilata di moda nella chiesa di San Domenico ad Alba, il catalogo delle profanazioni tocca uno dei punti più bassi. I fedeli hanno il diritto di non vedere calpestato il tempio di Dio. La Nuova BQ lancia la campagna #SALVIAMOLECHIESE. Segnalateci i casi che conoscete per mettere fine a un lassismo clericale che danneggia la fede dei semplici e umilia il Padrone di casa.
Oggi inizia la Novena a Nostra Signora di Guadalupe.
L'inizio dell'anno liturgico, con la prima domenica di Avvento, ci dispone all'attesa di quell'evento che resta il fatto decisivo della storia. "Dio si è fatto carne", questa è la notizia delle notizie. Non c'è un solo fatto che possa essere più importante di questo. Per questo per tutte le domeniche di Avvento e per Natale, vi proponiamo una lectio divina sulle letture del giorno preparata da una monaca trappista del Monastero di Valserena.
La Polonia ha adottato una legge che prevede di chiudere negozi e grandi supermercati tutte le domeniche entro il 2020. La legge di iniziativa popolare presentata da Solidarnosc un anno fa ha ricevuto commenti contrastanti dopo l'approvazione.
«Lasceremo il Creatore per andare alle creature? Gesù basta: là dove Egli è, niente manca». Animato da questo amore il beato Charles de Focauld, di cui ieri la Chiesa ha fatto memoria, ha speso la sua vita in solitudine e povertà per portare beduini e Tuareg a Cristo.
Nel 2050 i musulmani saranno oltre l'11% della popolazione europea. E tra i musulmani oggi i giovani sono il 27% (contro il 15% dei non musulmani). È quanto emerge da uno studio del Pew Research Center sull'espansione musulmana in Europa. Unico dato in controtendenza: le conversioni, soprattutto al cristianesimo, il solo fattore che rallenta la crescita dell'islam.
Suor Maria Gloria Riva: l'esperienza di pre-morte e l'intervista a Pomeriggio 5. "Mentre ero in coma ho visto Dio, era lì con me, mi amava come nessuno e mi ha risuscitata"
Ha pregato ogni giorno per suo figlio, ha frequentato la Messa quotidiana e tutti martedì si è recata al santuario di Boston dedicato a sant’Antonio chiedendo il miracolo della conversione. Tutto ciò, per 25 anni, senza mai smettere, nonostante i momenti di probabile scoraggiamento. I risultati alla fine ci sono stati e hanno superato ogni possibile aspettativa o pensiero anche miracoloso sul figlio, che alla fine Dio si è preso completamente all’età di 52 anni. Questa settimana, infatti, Anthony Cipolle, è stato ordinato sacerdote della Chiesa cattolica nella diocesi di Portland alla presenza di sua madre Louise che oggi ha 91anni.
Se ne vedono di tutti i colori, proprio come i colori dell’arcobaleno simbolo dell’attivismo gay. Ci mancava, nella liquidità sessuale in cui tutti siamo ammollo, la coppia omosessuale maschile che si “fidanza” con una donna bisessuale. La storia(ccia) è questa. I newyorkesi Chris e Matt, rispettivamente 38 e 28 anni, fanno coppia fissa da un po’ di tempo, ma forse manca a loro qualcosa…. O qualcuna. E così conoscono su un’app di incontri Cait, anche lei 28enne e bisessuale. Si incontrano e, usando un’espressione prelevata di peso dalla gastronomia, si piacciono. Si piacciono così tanto che Cait va a vivere con loro e divide con la coppia tutto, pure il letto.
Dal Regina Coeli di san Giovanni Paolo II, IV domenica di Pasqua, 10 maggio 1981.
Un servizio di AFP News Agency sui cattolici in Myanmar e la visita del Papa (qui per vedere il video su YouTube).
Oggi inizia la Novena alla Madonna di Loreto.
L'utilizzo sacrilego delle chiese non ha confini. In Austria c'è persino la rassegna Electric church con performance di musica techno nelle principali cattedrali. Una profanazione ipocrita, che alcuni preti hanno il coraggio di chiamare esperienza mistica.
La tomba del Santo Sepolcro, chiamata anche Edicola, è stata aperta per la prima volta nell’arco di secoli nel 2016 ed è stata sottoposta a un accurato restauro. In questo periodo sono stati estratti per essere datati dei campioni di malta, e i risultati hanno confermato la convinzione che si tratti davvero del luogo in cui Gesù venne deposto dopo essere stato tirato giù dalla croce.
Alberi pieni di luci e palline colorate, addobbi ovunque. È il Marocco, paese musulmano dove non c'è alcun problema a mostrare le luci del Natale. Che paradosso rispetto all'Italia dove, in nome di un presunto rispetto per l'islam, i soliti buonisti vogliono cancellare il Natale.
Nel suo viaggio nel Myanmar, il papa esorta i buddisti a superare tutte le forme di odio. Cita Buddha e San Francesco come esempi per «continuare a ispirare ogni sforzo per promuovere la pazienza e la comprensione, e per guarire le ferite dei conflitti». E ai cattolici ribadisce: siate ospedale da campo.