Maria a Medjugorje Messaggio del 19 giugno 1986:Cari figli, in questi giorni il mio Signore mi ha permesso di ottenervi molte grazie. Per questo, cari figli, desidero invitarvi di nuovo a pregare. Pregate continuamente, così vi darò la gioia che il Signore dona a me. Con queste grazie, cari figli, desidero che le vostre sofferenze diventino gioia. Io sono vostra Mamma e desidero aiutarvi. Grazie per aver risposto alla mia chiamata!

Notizie dei giornali cattolici







Dopo la strage della Palme nelle due chiese copte, si seppeliscono in fretta i cristiani anche per la coincidenza della Pasqua. Mentre ci si prepara all'arrivo del Papa in un Egitto blindato, l'Islam si ritrova a gestire la reazione alla strage. Come lamenta il portavoce copto i musulmani sono sinceri nelle manifestazioni di cordoglio, ma le istituzioni, compresa l'universtà di al-Azhar non hanno mai voluto affermare in maniera netta che l'Isis è kuffar, miscredente.
È il legno della croce di Gesù di Nazareth, da due millenni oggetto di culto per i cristiani e fonte di ispirazione per pittori, scrittori, registi e poeti, credenti e non. Si presenta così la copertina del Poema della croce (Ares, 2017), esordio letterario in versi di Antonio Tarallo, 34 anni, poliedrico artista romano, impegnato anche nella pittura e nel teatro. Per entrare più direttamente nel mistero della Pasqua il giovane poeta e sceneggiatore romano ha scritto il “Poema della Croce”. Ispirandosi al genere antico delle sacre rappresentazioni, Antonio Tarallo, con alcuni altrettanto giovani attori, ha inaugurato un percorso di letture poetiche fra atenei, centri culturali e parrocchie.
Punire i copti e mettere in difficoltà Al-Sisi: sono gli obiettivi del duplice attentato nelle chiese di Tanta e Alessandria durante la Domenica delle Palme, nel quale sono morte 45 persone
Fede e nuove generazioni: un rapporto complesso e contraddittorio, che non cancella il sacro. Parla il sociologo Franco Garelli, autore di un recente libro che affronta il problema: «I giovani italiani che si dichiarano non credenti rappresentano il 28 per cento del totale». Una percentuale che risulta in crescita. «Circa la Chiesa c’è una generalizzata resistenza: il dato di fede, quando c’è, è vissuto più a livello individuale che collettivo».
Perché il secondo comandamento dice di “non nominare Dio invano”? Lo spiega Valentino Guglielmi in “I Dieci Comandamenti – Amare Dio, amare il prossimo” (edizioni Ares)
Il doppio attentato in due chiese a Tanta e Alessandria, dimostra che i terroristi islamici sono in grado di colpire ovunque e che sono determinati a "ripulire" anche l'Egitto dai cristiani. In Egitto l'Isis c'è e raccoglie quanto seminato nel tempo dai Fratelli musulmani. Ma bisogna anche riconoscere che né Usa né Russia hanno davvero la volontà di sconfiggere i jihadisti. Ecco perché l'incontro tra il Papa e il rettore di al Azhar non può limitarsi a belle parole di circostanza.
Una bomba è scoppiata nella chiesa copta di Mar Girgis a Tanta, nel delta centrale del Nilo, mentre i fedeli celebravano la liturgia della Domenica delle Palme. Il ministero egiziano della sanità dichiara che per ora si contano almeno 21 morti e 69 feriti, ma il bilancio dei morti è destinato a salire. L’esplosivo era stato piazzato sotto una sedia nella navata principale della chiesa, molto vicino all’altare, prima della celebrazione, che aveva radunato molte persone.
Nel libro di Giuliano Guzzo Cavalieri e Principesse una solida carrellata di prove che smontano uno per uno i cosiddetti stereotipi di genere e ideologie connesse. Con tanto di chimica e scienza a comprovare una differenza, quella tra maschio e femmina, che è riscontrabile anche nelle scimmie. Come? Provate a farle giocare con una bambola...
Di fronte a quasi 2 mila persone radunate in Francia per l'anniversario del servo di Dio Jerome Lejeune, il prefetto del culto divino ha spiegato: "Questa è la lotta finale fra Dio e Satana, perché la difesa della vita è la madre di tutti i diritti. Di fronte a un disegno transumano pericoloso come il nazismo, non dobbiamo temere di agire come Davide contro Golia, perché quando una società uccide i bambini uccide anche il cristianesimo".
Era sulla “lista delle persone da uccidere” dello Stato islamico, ma convertendosi all’islam avrebbe potuto salvarsi lo stesso. Invece Bahgat Zakhar, cristiano copto di 58 anni e padre di due figli, ha preferito restare cristiano. Ed è stato brutalmente assassinato con un colpo di pistola alla testa.
Le gerarchie cristiane siriane contestano la legittimità del bombardamento americano. La prudenza vaticana e il ruolo della Russia
«Dal punto di vista religioso, Medjugorie è una terra molto fertile». A parlare così, due giorni fa, è stato monsignor Henryk Hoser, arcivescovo di Warszawa-Praga e inviato speciale della Santa Sede in Bosnia-Erzegovina. Quello che taluni media hanno dipinto come una sorta di “commissario”, ha parlato invece, con toni di grande apertura (accolti con stupore in primis dai giornalisti locali), durante una conferenza stampa a Medjugorje, da lui indetta, con 27 testate presenti.
Palermo, padre Minutella lascerà la parrocchia di Romagnolo. I fedeli sui social: "Siamo orfani" Ci ha pensato qualche giorno e alla fine padre Alessandro Minutella ha deciso di eseguire l'ordine dell'arcivescovo di Palermo Corrado Lorefice che gli imponeva di lasciare la parrocchia di Romagnolo. E' stato lo tesso Minutella ad annunciare la sua decisione nel corso di un videomessaggio su Radio Domina Nostra.
Dopo aver tagliato i fondi alle organizzazioni non governative abortiste, il presidente americano, nei giorni scorsi, ha sospeso anche i finanziamenti all’Unfpa, il fondo delle Nazioni Unite per la popolazione. La motivazione? L’Unfpa in Cina sostiene i programmi del governo che includono aborto forzato e sterilizzazione non volontaria. Solo in Cina si eseguono circa 12 milioni di aborti l'anno, ma l'Unfpa finanzia la strage degli innocenti in tutto il mondo. La Conferenza Episcopale Cattolica americana esulta per la vittoria contro il peggior crimine dei tempi. E l'Europa? Vuole colmare il vuoto lasciato da Trump con i nostri soldi.
Mt 21,1-11 Benedetto colui che viene nel nome del Signore.
Quando furono vicini a Gerusalemme e giunsero presso Bètfage, verso il monte degli Ulivi, Gesù mandò due discepoli, dicendo loro: «Andate nel villaggio di fronte a voi e subito troverete un’asina, legata, e con essa un puledro. Slegateli e conduceteli da me. E se qualcuno vi dirà qualcosa, rispondete: “Il Signore ne ha bisogno, ma li rimanderà indietro subito”». Ora questo avvenne perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta: «Dite alla figlia di Sion: “Ecco, a te viene il tuo re, mite, seduto su un’asina e su un puledro, figlio di una bestia da soma”».
I discepoli andarono e fecero quello che aveva ordinato loro Gesù: condussero l’asina e il puledro, misero su di essi i mantelli ed egli vi si pose a sedere. La folla, numerosissima, stese i propri mantelli sulla strada, mentre altri tagliavano rami dagli alberi e li stendevano sulla strada. La folla che lo precedeva e quella che lo seguiva, gridava: «Osanna al figlio di Davide! Benedetto colui che viene nel nome del Signore! Osanna nel più alto dei cieli!».
Mentre egli entrava in Gerusalemme, tutta la città fu presa da agitazione e diceva: «Chi è costui?». E la folla rispondeva: «Questi è il profeta Gesù, da Nàzaret di Galilea».
Incontro dell’Arcivescovo S.E. Mons. Henryk Hoser, Inviato Speciale della Santa Sede per Medjugorje, con i giornalisti. Medjugorje, 5 aprile 2017.
Qualche suggerimento per rendere il resto della Quaresima fruttuoso, e anche qualche idea per il prossimo anno
La visita del pontefice al Cairo, con un programma ancora senza i dettagli dei luoghi che visiterà per motivi di sicurezza
Oggi inizia la Novena a Santa Bernadette Soubirous.
“Medjugorie è una luce nel mondo di oggi”: lo ha detto oggi mons. Henryk Hoser, inviato speciale della Santa Sede a Medjugorje e arcivescovo di Warszawa-Praga, durante una conferenza stampa nella piccola località in Bosnia-Erzegovina dove dal 1981 a sei “veggenti” apparirebbe la Madonna che si presenterebbe come “Regina della pace”.
Il canale video della Tv cristiana Pure Passion è stato rimosso dalla piattaforma online Vimeo. Perché contiene, fra le testimonianze di conversione, anche quelle di ex gay che definiscono "disordinata" la loro precedente vita sessuale. Sulla stessa piattaforma restano pure video porno e discorsi pro-pedofilia. Ma guai agli ex gay cristiani.