Maria a Medjugorje July 25, 2002:Dear children! Today I rejoice with your patron saint and call you to be open to God’s will, so that in you and through you, faith may grow in the people you meet in your everyday life. Little children, pray until prayer becomes joy for you. Ask your holy protectors to help you grow in love towards God. Thank you for having responded to my call.

Notizie dei giornali cattolici







Proseguendo nelle riflessioni sulla preghiera, Benedetto XVI comincia a parlare dei Salmi, “scuola di preghiera” fatta con le parole di Dio e nella quale confluisce tutta la complessità dell’esistere umano. Inni, lamentazioni e suppliche individuali e collettive, canti di ringraziamento, salmi penitenziali, salmi sapienziali, ed altri generi.
A Pontianak una telefonata anonima, con voce di donna, avverte di un ordigno piazzato nelle vicinanze della Stella Maris. Gli artificieri hanno fatto brillare un oggetto contenuto nella spazzatura. Il parroco chiede protezione, ma invita i fedeli alla calma. La zona in passato teatro di violenze interconfessionali.
Domenica fermati almeno altri 15 fedeli, decine già agli arresti domiciliari. Agli interrogatori ora partecipano anche membri della Chiesa ufficiale delle Tre autonomie, per convincere i fedeli ad aderire al loro gruppo. In atto in tutto il Paese una repressione contro le "chiese domestiche”.
Parla Sabino Simone, “guarito” dopo vent’anni di depressione Socchiude gli occhi azzurri, si concentra e pesa le parole Sabino Simone. Sono le 3 del pomeriggio, è appena tornato da Roma dove ha fatto il punto sulla celebrazione del 30° anniversario della prima apparizione avvenuta a Medjugorje. Non ha ancora mangiato. L’autoscuola di cui è titolare, a San Fermo, accanto al santuario del paese e vicina al monumento a Garibaldi, che qui vinse una storica battaglia del Risorgimento, è intitolata proprio all’Eroe dei due mondi, massone e acerrimo nemico della Chiesa.
L'evento straordinario è anche solo il fatto che se ne parli. Costretta per anni ad essere relegata ai margini e, come spiegherà in questa intervista Padre Justo Lo Feudo “secondo una errata ermeneutica del Concilio”, l'adorazione eucaristica sta tornando ad essere uno dei centri della vita cristiana. Vorrà pur dir qualcosa il fatto che solo in Italia negli ultimi 10 anni sono sorte oltre 50 cappelle di adorazione perpetua e oltre 3.000 in tutto il mondo. Solo 1.200 negli Stati Uniti, che dell'adorazione perpetua sono un vero e proprio propulsore. Di questo e della straordinaria messe di grazie, conversioni e risvegli della fede che la presenza davanti al Santissimo Sacramento sta generando nel mondo cattolico, si è iniziato a parlare ieri al Salesianum di Roma in un convegno con esperti e ben sette cardinali e che troverà il suo momento clou nella messa celebrata da Papa Benedetto XVI e nella successiva processione del Corpus Domini di giovedì.
La crisi economica? La guerra in Libia? Il terrorismo internazionale? Quisquilie signori miei. Il vero problema, a leggere Focus, è l’anidride carbonica, colpevole del surriscaldamento globale e quindi sicuro fattore inquinante. E’ sempre lui il nemico pubblico numero uno da debellare: l’anidride carbonica. Purtroppo si tratta di un avversario subdolo, abile nel nascondersi, capace di permeare le attività più innocenti e trasformarle in bombe ecologiche mettendo così a repentaglio la salute di noi tutti. Non ci dobbiamo più difendere solo dalla desertificazione, dalla deforestazione, dalle discariche a cielo aperto e dalle polveri sottili che anneriscono i nostri polmoni. Ora il nemico si è infiltrato nelle pieghe più insospettabili della nostra vita. Tutto può inquinare, anche i momenti più gioiosi e peculiari dell’esistenza. Come un matrimonio. Eh sì, nell’ultimo numero di Focus – Domande e Risposte in edicola da pochi giorni, si dice proprio questo: la celebrazione di un matrimonio inquina e non poco. Un titolo a due pagine infatti interroga così il lettore: “Quanto inquina un matrimonio in CO2?”. La risposta pesa come un macigno sulla coscienza di quanti si sono già sposati e di quanti si apprestano a farlo: 7,5 tonnellate di CO2. Il tutto in un solo giorno.
Fate un esperimento. Provate a porre ad un collega, un parente o amico dalle solide idee laiciste il seguente quesito: una donna aspetta un bambino affetto da una grave patologia per cui mai supererà il metro di statura e i 30 kg di peso, che soffrirà tutta la vita per un morbo che gli procurerà continue fratture ossee e che infine morirà in giovane età. Cosa consiglieresti a questa donna? Non serve possedere le doti da oracolo della Pitia per prevedere che il più delle volte il consiglio del collega o amico sarà assai infausto per il piccolo nascituro.
La bozza prevede che gli edifici religiosi debbano distare almeno 1 km da altri già esistenti, ma non spiega se moschee o chiese. Contestati anche il limite minimo di grandezza pari a 1000 mq e la gestione delle autorizzazioni data in mano ai governatori regionali.
Alcuni uomini, forse dei servizi segreti militari, lo hanno minacciato e accusato di essere corrotto dai servizi pakistani e dall’opposizione, per gettare discredito sul governo e sull’esercito. William Gomes, un musulmano convertito, lavora per l’Asian Human Rights Commission e gestisce una sua organizzazione umanitaria, la Christian Development Alternative.
Grazie all'impegno della Chiesa e dell'agenzia Fides, che sta seguendo da molto vicino la drammatica vicenda, cresce la mobilitazione a favore della ragazza cattolica Farah Hatim, rapita la mattina di domenica 8 maggio a Rahim Yar Khan, capoluogo dell'omonimo distretto nel sudest della provincia del Punjab, e costretta a convertirsi alla religione islamica e a sposare un giovane musulmano (cfr. ZENIT, 20 maggio). A rapire la studentessa ventiquattrenne di infermieristica, che stava facendo un tirocinio presso il reparto di ortopedia dello Sheikh Zaid Medical College della sua città, era stato proprio il suo futuro "marito", Zeeshan Iliyas.
Il processo della morte può spaventare, ma la società può essere giudicata da come risponde a queste paure, sostengono i Vescovi degli Stati Uniti in un nuovo documento sul suicidio medicalmente assistito. I presuli si sono incontrati a Seattle per il loro meeting generale primaverile e hanno approvato giovedì una dichiarazione dal titolo “Vivere ogni giorno con dignità”. “Una comunità premurosa dedica più attenzione, non meno, ai membri che affrontano il momento più vulnerabile della propria vita. Quando le persone sono tentate di vedere la propria vita sminuita in valore o significato, hanno bisogno dell'amore e dell'assistenza degli altri per essere assicurati del loro valore intrinseco”, afferma la dichiarazione.
Il Vescovo copto di Assiut, in Egitto, è ottimista per una nuova proposta governativa che, se passasse, renderebbe un po' più semplice costruire una chiesa nel Paese. Il Vescovo Kyrillos Kamal William Samaan ha riferito all'associazione caritativa internazionale Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS) che una nuova proposta per attenuare le restrizioni alla costruzione di chiese segna un passo avanti fondamentale per i 10 milioni di cristiani in Egitto, dove le severe restrizioni alla costruzione di templi sono spesso citate come una delle forme più gravi di oppressione anticristiana.
Una manifestazione-fiaccolata con oltre mille persone, altrettante firme raccolte in un appello pubblico, interpellanze di consiglieri e senatori al Sindaco di Roma, alla Presidente della Regione e al Ministro della Gioventù. Così la comunità della parrocchia Regina Pacis di Monteverde, a Roma, è scesa in piazza per difendere il diritto alle attività di oratorio. La vicenda che sta suscitando scalpore oltre a conquistare le pagine dei giornali e spazi all'interno dei telegiornali e radiogiornali, ha avuto origine da un ricorso presentato il 2 maggio scorso da 5 persone che abitano in un palazzo che si trova in Via Cavallotti 99, di fianco ai campetti di calcio, di basket e degli spazi ricreativi della Parrocchia.
L’era digitale, in cui tutti stiamo vivendo, può presentare alcuni rischi legati ad un uso non corretto delle nuove tecnologie. Ma è anche un’epoca di grandi opportunità di dialogo, di apertura, di conoscenza di culture e mondi diversi, di arricchimento umano e spirituale. Per questa ragione l’Istituto Superiore di Scienze Religiose dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum ha organizzato il corso intensivo “La sfida antropologica nell’era digitale”, dal 4 al 13 luglio 2011, che ha lo scopo di offrire una visione ad ampio raggio sulla persona consacrata e il suo modo d’interagire con i mezzi di comunicazione.
Sono 150 i giovani iracheni che partiranno per la Giornata Mondiale della Gioventù di Madrid ad agosto. A rivelarlo all'agenzia Sir è il vicario patriarcale caldeo di Baghdad, mons. Shlemon Warduni che guiderà la delegazione. “Partiranno in oltre 150 – spiega il vicario - di cui circa la metà dalla capitale, gli altri dal resto del Paese. Per loro, ma anche per altri giovani dai Paesi arabi terrò tre catechesi in lingua araba sui seguenti temi: ‘Radicati in Cristo’, ‘Saldi nella fede’ e ‘Testimoni di Cristo nel mondo’”.
Il cardinale segretario di Stato, Tarcisio Bertone, ha inaugurato, stamani a Taormina, il Centro Cardiologico Pediatrico del Mediterraneo - Bambino Gesù, dell’Ospedale “San Vincenzo”. Nel suo discorso, il porporato ha sottolineato che, tra gli obiettivi di questo Centro, c’è il tentativo di ridurre i “viaggi della speranza” dal Sud Italia e dare una risposta alla domanda di aiuto che viene dalle sponde del Mediterraneo.
Bombe Nato sulla residenza di un fedelissimo del rais. Il regime reclama 19 vittime. Mons. Martinelli sottolinea che la popolazione vuole la fine dei bombardamenti e si sta stringendo intorno al proprio leader. Rappresentante dei ribelli in Cina per trovare una via d’uscita dalla guerra e stringere accordi economici con Pechino.
Sessanta ore di adorazione eucaristica per la santificazione dei sacerdoti e per ottenere da Dio il dono di nuove e sante vocazioni. È quanto richiesto dal cardinale Mauro Piacenza, prefetto della Congregazione per il Clero, a tutti i vescovi del mondo per festeggiare il sessantesimo anniversario di ordinazione presbiterale di Benedetto XVI, che si celebra il prossimo 29 giugno, solennità dei santi Pietro e Paolo Apostoli.
Riproponiamo un articolo di Antonio Socci uscito su Libero di domenica 19 giugno, in cui il giornalista e scrittore chiede che la Chiesa "annunci davvero il fatto cristiano nella sua verità e integralità, che nelle parrocchie, nelle associazioni, nei movimenti lo si viva in tutte le sue dimensioni (...). Che il popolo cristiano si veda e illumini la vita pubblica"
Papa Benedetto XVI ha visitato la comunità di San Marino-Montefeltro. Il vescovo della diocesi, mons. Luigi Negri, descrive l'incontro tra il Pontefice e la gente, specie i giovani: «Non ha illuso i ragazzi offrendo loro ipotesi parziali o utopiche, ma ha fatto una proposta educativa integrale al loro cuore, perché prendano sul serio la vita e ne siano responsabili»
a visita del Papa a San Marino ha avuto una notevole eco sui media soprattutto per alcuni aspetti sociali che Benedetto XVI ha toccato nei sui discorsi: famiglia, lavoro migrazione. Ma un sacerdote che ha seguito la preparazione e la visita ci racconta il senso più vero di questo evento, che è una lezione che vale per tutti.