Maria a Medjugorje Messaggio del 23 febbraio 1984:Vi tengo tutti sulle mie braccia perché siete miei. Ho bisogno solamente delle vostre preghiere per rendervi miei completamente. Io desidero essere completamente vostra e desidero che voi siate completamente miei. Accetto tutte le vostre preghiere, le accetto con gioia.

Richieste di preghiere





    Mir
    Cara ho letto una tua risposta ad una rdp...parole meravigliose che toccano il cuore e che (forse)con un po di egoismo voglio fare un po mie...anche x me....ti abbraccio Donatella
    Rif. rdp 11.28
    Io ti capisco...perché tanto tempo fa dicevo le stesse cose che ora dici tu. I tuoi stessi pensieri, le tue stesse angosce. Ero stanca, tanto stanca. Il tempo passava velocemente e non vedevo mai un cambiamento nella mia vita, non c'era la luce che desideravo, ma solo buio e vuoto. Vivevo male ma nessuno se ne accorgeva; c'ero per tutti, ma nessuno c'era per me. Poi ho cominciato a pregare come mai avevo fatto prima e ho seguito un richiamo spirituale inaspettato che mi ha condotta ad una nuova percezione della mia vita. Un richiamo che avevo lì tutti i giorni... ma non me ne accorgevo tanto era il mio avvilimento generale. Ho cominciato ad affrontare la mia vita senza più pessimismo, con la fiducia che prima o poi tutto sarebbe cambiato. Dovevo solo aspettare il tempo giusto. E' bello sentirti invocare la Madonnina perché anch'io iniziai così. Per questo ti consiglio: affida sempre tutto a Lei che con i suoi tempi ti aiuterà come ha aiutato me e tante altre persone. Non mollare perché nulla è perduto. E convinciti che se fino ad ora la tua vita non è stata come la volevi tu, è stato soltanto perché per te il meglio deve ancora arrivare. Qualcosa di grande e duraturo che il Signore ha preparato per te, ma che non ha ancora raggiunto i Suoi tempi. Aspetta con fede, con serenità e con la consapevolezza che non sei sola. Pregherò per te e per la tua storia, come prego anche per le altre persone che scrivono e che hanno le tue necessità. In questo tempo di Avvento e di Attesa di Gesù cerca di vivere questo tuo stato d'animo con la consapevolezza che prima o poi le cose cambieranno. Sii fiduciosa e continua ad invocare la Madonnina come stai facendo. Buon Natale. Mir.
    «Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero»
    Oggi, Gesù ci conduce verso il riposo in Dio. Lui è certamente un Padre esigente, perché ci ama e ci invita a dargli tutto, pero non è un giustiziere. Quando ci esige qualcosa è per farci crescere nel suo amore. L’unico comandamento è quello di amare. Si può soffrire per amore, però si può anche gioire e riposare per amore... La docilità verso Dio libera e dilata il cuore. Per questo Gesù, ci invita a rinunciare a noi stessi per prendere la nostra croce e seguirlo, dicendoci: «Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero». (Mt 11,30). Anche se in occasioni ci costa ubbidire alla volontà di Dio, farlo con amore ci rende pieni di felicità: «Dirigimi sul sentiero dei tuoi precetti; sì sta in esso il mio diletto» (Sal 119,35). Mi piacerebbe raccontare un fatto. A volte, dopo una giornata abbastanza faticosa, vado a dormire e percepisco una strana sensazione interna che mi dice: - Non entreresti un momento nella cappella per farmi compagnia? Dopo alcuni istanti di confusione e resistenza, finisco per acconsentire e passare un momento con Gesù. Dopo ritorno a dormire in pace e contento, e al giorno dopo non mi alzo più stanco del solito. Nonostante tutto, a volte mi succede il contrario. Di fronte a un problema grave che mi preoccupa mi dico: Questa sera pregherò un’ora nella cappella per far si che si risolva. Dirigendomi alla cappella, una voce nel fondo del cuore mi dice: - Sai?, mi compiacerebbe di più se andassi a letto subito e riponessi in me la tua fiducia; io mi prendo cura del tuo problema. E ricordando la mia felice condizione di “servo inutile”, me ne vado a dormire in pace, lasciando tutto nelle mani del Signore... Tutto questo è per dirci che la volontà Divina esiste dove c’è grande amore, ma non obbligatoriamente dove c’è grande soffrimento... C’è più amore nel riposare grazie alla fiducia, che non preoccupandosi per l'inquietudine! «Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e troverete ristoro» Rev. D. Jaume GONZÁLEZ i Padrós Barcellona Spagna
    Commento al Vangelo del giorno: da Non di solo pane
    Che strana proposta quella di Gesù. Se uno è “stanco e oppresso” probabilmente tutto vuole fuorché prendersi sopra le spalle un giogo, ovvero un attrezzo di legno sagomato creato per stare sul collo di un paio di tori e guidarli nei campi per l’aratura. Non a caso le parole che troviamo in qualunque dizionario come sinonimo di giogo sono: dominio, schiavitù, servitù, sottomissione, dipendenza, dominazione, tirannia. Che senso ha precisare che il giogo è dolce, che il peso è leggero? Sempre di giogo si tratta. Cosa intende veramente qui Gesù? Da cosa nasce la stanchezza e l’oppressione? Da cosa gli uomini cercano ristoro? Forse hanno un peso da cui liberarsi. Forse la libertà consiste nel non avere pesi e quindi non portare sulle spalle niente, non avere niente da portare. Questa forse è la percezione del mondo: libertà come leggerezza, non avere responsabilità, non avere lo stress di dover rispondere di qualcosa che portiamo su di noi. Gesù propone uno sguardo diverso. Libertà è portare su di sé gli altri. È rispondere. Ma rispondere degli altri sarebbe effettivamente intollerabile se portassimo il peso da soli. Gesù dice: non sei tu che porti il peso, l’ho preso io su di me. Per te ora è leggero. Prendilo su di te e sentirai una libertà straordinaria.
    Parole del Santo Padre
    Parole del Santo Padre Cari fratelli e sorelle, anche per noi ci sono momenti di stanchezza e di delusione. Allora ricordiamoci queste parole del SignorParole del Santo Padre Cari fratelli e sorelle, anche per noi ci sono momenti di stanchezza e di delusione. Allora ricordiamoci queste parole del Signore, che ci danno tanta consolazione e ci fanno capire se stiamo mettendo le nostre forze al servizio del bene. Infatti, a volte la nostra stanchezza è causata dall’aver posto fiducia in cose che non sono l’essenziale, perché ci siamo allontanati da ciò che vale realmente nella vita. Il Signore ci insegna a non avere paura di seguirlo, perché la speranza che poniamo in Lui non sarà delusa. Siamo chiamati quindi a imparare da Lui cosa significa vivere di misericordia per essere strumenti di misericordia. (Udienza generale, 14 dicembre 2016)e, che ci danno tanta consolazione e ci fanno capire se stiamo mettendo le nostre forze al servizio del bene. Infatti, a volte la nostra stanchezza è causata dall’aver posto fiducia in cose che non sono l’essenziale, perché ci siamo allontanati da ciò che vale realmente nella vita. Il Signore ci insegna a non avere paura di seguirlo, perché la speranza che poniamo in Lui non sarà delusa. Siamo chiamati quindi a imparare da Lui cosa significa vivere di misericordia per essere strumenti di misericordia. (Udienza generale, 14 dicembre 2016)
    Dal Vangelo secondo Matteo Mt 11,28-30
    Dal Vangelo secondo Matteo Mt 11,28-30 In quel tempo, Gesù disse: «Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita. Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero».
    Madonnina
    Madonnina mia ci si può sentire stanchi perfino di vivere? Non lo so Madonnina, ma io mi sento così. Sono stanca di tantissime cose, di preoccuparmi in continuazione, di avere paura per il futuro, di sentirmi sola e abbandonata da tutti, di sentirmi sempre sotto pressione e sempre più inadeguata, fuori posto, una fallita senza lavoro e senza nessun talento in particolare. Nella mia vita è stato tutto così assurdo e senza senso da non riuscirà mai a capire chi io fossi, cosa dovessi fare e quale fosse il mio posto. Se solo avessi incontrato qualcuno in grado di vedermi e di amarmi, forse oggi la mia vita sarebbe stata diversa e invece continuo a essere invisibile, un'ombra nell'oscurità, e ormai ho raggiunto un'età in cui si smette di credere nei sogn. Madonnina mia io non so che fare per poter migliorare un po la mia vita, ti prego Mamma aiutami Tu, dimmi cosa fare.
    Preparate la via del Signore
    Raddrizzate i suoi sentieri! Ogni burrone sia riempito, Ogni monte e ogni colle sia abbassato; I passi tortuosi siano diritti; I luoghi impervi spianati. Ogni uomo vedra' la salvezza di Dio!
    Preghiera alla Madonna di Guadalupe
    Oh Purissima Vergine di Guadalupe. Portami il perdono del tuo Figlio divino dei miei peccati, la benedizione per il mio lavoro, le mie malattie e le mie necessità e il rimedio a tutto ciò che ritieni di concedere per me e la mia famiglia. Santa Madre di Dio! Accogli le suppliche che ti rivolgiamo per i nostri bisogni, così come liberaci da ogni pericolo. O Vergine piena di gloria e la benedizione! Per Cristo nostro Signore Amen. Madonna di Guadalupe, prega per noi
    Non so...
    Non è stata salvata la sua vita dalla fossa; il giusto, il misero, è stato abbandonato?
    Preghiera a Maria
    Maria, anche oggi Ti prego di guidare, proteggere tutta la mia famiglia, i miei fratelli lontani. Ti prego in particolare per la famiglia di Marco. Grazie Maria!!!
    Ti chiedo Maria
    Prendi sotto il tuo manto la nostra famiglia e Rendila unita nella comprensione reciproca nell' amore e nella pace, fa che ognuno si senta amato accolto riconosciuto e perdonato.Sciogli i nodi che ci impediscono di essere sereni e di fare del nostro meglio.Rendici appassionati al bene, uniti, rendici validi strumenti nelle tue mani.Donaci una forte Fede che ci guidi nelle Ave o Maria piena di grazia il Signore e con te tu sei benedetta fra le donne e benedetto il frutto del seno tuo Gesù Santa Maria madre di Dio prega per noi peccatori adesso e nell'ora della nostra morte Amen
    Ti prego Maria
    Per Paola e suo padre Esterina Luigina Maddalena j e n e n Eliana Enrica Pierina Beatrice Silvia Sonia Silvia Samuele e Sara Paolo Delia Roberta Manuela Guido Lidia Fausto Mina Rosanna e Sergio Rosanna e Claudia Don Adriano EMI Davide Tiziana.Provvedi alle loro necessità.Ave o Maria piena di grazia il Signore e con te tu sei benedetta fra le donne e benedetto il frutto del seno tuo Gesù Santa Maria madre di Dio prega per noi peccatori adesso e nell'ora della nostra morte Amen
    Madonnina
    aiutami ti prego
    San giuda taddeo
    pensaci tu ti prego
    Quanti sperano
    nel Signore riacquistano forza, mettono ali come aquile, corrono senza affannarsi, camminano senza stancarsi.