Maria a Medjugorje

Messaggio del 4 settembre 2013:Cari figli, che la vostra vita sia di nuovo una decisione per la pace, siate gioiosi portatori della pace e non dimenticatevi che state vivendo nel tempo della grazia dove Dio attraverso la mia presenza vi dona grazie grandi. Figlioli non lasciatevi illudere ma sfruttate questo tempo e cercate i doni della pace, dell'amore per la vostra vita e in tal modo potete diventare testimoni per gli altri. Vi benedico con la mia benedizione materna, e grazie cari figli perchè anche oggi avete risposto alla mia chiamata.

La Madonnina di Civitavecchia

02/07/2016 - Visite: 1408
IncrFont Stampa IncrFont Facebook Twitter
L’afflusso dei pellegrini che si recano ogni giorno alla chiesa di Sant’Agostino di Civitavecchia per pregare davanti alla statuetta della Madonna di Medjugorje che tre anni fa, secondo la testimonianza di molti, ha versato lacrime di sangue, è in continuo aumento.

Come è noto, la Chiesa non ha ancora preso delle decisioni. Il caso è quindi aperto. Ma una prima valutazione dei fatti, data da una commissione teologica diocesana è positiva. La commissione ha preso in esame le testimonianze giurate delle persone che hanno assistito al fatto, gli innumerevoli controlli scientifici cui la statuetta è stata sottoposta, l’esame delle lacrime di sangue da essa versate ed ha concluso che si deve escludere ogni sospetto di imbroglio, e che quindi le lacrimazioni sono autentiche e realmente avvenute.

Tra i testimoni c’è anche il vescovo di Civitavecchia, Monsignor Girolamo Grillo. All’inizio egli era scettico e aveva dato ordine di distruggere la statuetta. Ma poi la Madonnina ha versato lacrime proprio mentre egli la teneva in mano. “Ero qui, a casa mia”, dice Monsignor Grillo. “Avevo preso la statuetta per mostrarla ad alcune persone e, mentre la osservavo, ho visto spuntare nelle sue pupille una piccola goccia di liquido rosso, l’ho osservata attentamente mentre si ingrossava e poi l’ho vista staccarsi dagli occhi e scendere lentamente lungo le gote lasciando una striscia colorata. Con me hanno visto tutto questo anche le altre persone. Eravamo in sette. Di fronte a quel fatto il mio scetticismo è scomparso. Nei giorni precedenti avevo pregato la Madonna di darmi un segno e sembrava che quelle lacrime fossero la risposta alla mia richiesta”.

I fatti di Civitavecchia sono molto importanti. Come è noto, quella statuetta rappresenta la Madonna di Medjugorje e venne comperata proprio in un negozio della cittadina bosniaca. Un riconoscimento da parte della Chiesa della “origine soprannaturale” di quelle lacrime comporterebbe un implicito riconoscimento anche dell’autenticità delle apparizioni di Medjugorje?

Intanto per diffondere le notizie legate alla Madonnina, Civitavecchia si è dotata di una rivista, “Madre di Dio”, e stanno anche sorgendo i “Gruppi di Preghiera” della Madonnina di Civitavecchia. Renzo Allegri