Maria a Medjugorje

Messaggio del 2 febbraio 2013:Cari figli, l'amore mi conduce a voi, l'amore che desidero insegnare anche a voi: il vero amore. L'amore che mio Figlio vi ha mostrato quando è morto sulla croce per amore verso di voi. L'amore che è sempre pronto a perdonare e a chiedere perdono. Quanto è grande il vostro amore? Il mio Cuore materno è triste mentre nei vostri cuori cerca l'amore. Non siete disposti a sottomettere per amore la vostra volontà alla volontà di Dio. Non potete aiutarmi a far sì che coloro che non hanno conosciuto l'amore di Dio lo conoscano, perché voi non avete il vero amore. Consacratemi i vostri cuori ed io vi guiderò. Vi insegnerò a perdonare, ad amare il nemico ed a vivere secondo mio Figlio. Non temete per voi stessi. Mio Figlio non dimentica nelle difficoltà coloro che amano. Sarò accanto a voi. Pregherò il Padre Celeste perché la luce dell'eterna verità e dell'amore vi illumini. Pregate per i vostri pastori perché, attraverso il vostro digiuno e la vostra preghiera, possano guidarvi nell'amore. Vi ringrazio.

Febbraio 1996: UN PO' DI NASTRO E MOLTO AMORE

01/07/2016 - Visite: 1271
IncrFont Stampa IncrFont Facebook Twitter

MESSAGGIO del 25 febbraio 1996. "Cari figli, oggi v'invito alla conversione: questo è il messaggio più importante che Io vi ho dato qui. Figlioli, desidero che ognuno di voi sia portatore dei miei messaggi. V'invito, figlioli, a vivere i messaggi che vi ho dato durante questi anni. Questo tempo è tempo di grazia, specialmente adesso che anche la Chiesa v'invita alla preghiera e alla conversione. Anche io, figlioli, v 'invito a vivere i messaggi che vi ho dato per tutto il tempo da quando appaio qui. Grazie per aver risposto alla mia chiamata". 

Veronica D., 40 anni, vuole suicidarsi, è decisa. "Ne ho abbastanza di soffrire così, la vita è troppo crudele!" Con il morale sotto zero, costeggia lentamente una fila di automobili parcheggiate al bordo di un marciapiede. Nota un pezzo di carta incollato a un vetro e si avvicina. "Messaggio della Madonna a Medjugorje" legge, e le sembra di essere caduta su un altro pianeta. "Cari figli, non abbiate paura, perché Io sono con voi anche quando voi pensate che non ci sia una via d'uscita e che Satana regni, vi porto la pace. Sono vostra Madre e Regina della pace, vi benedico con la benedizione della gioia perché Dio sia tutto per voi nella vostra vita. Grazie per aver risposto ala mia chiamata". Legge e rilegge. Le sembra di bere a una sorgente invisibile. Assapora a lungo ogni parola e il suo cuore comincia a rivivere; eccolo che batte di nuovo, senza quella terribile angoscia di morte! Più tardi Veronica segue la pista di questa famosa "Medjugorje", nome sconosciuto e bizzarro. E un giorno arriva a Medjugorje... per ringraziare! E' così che si è saputa la sua storia. La Gospa cerca braccia e mani, perché lei non ne ha! Quando però le trova, le utilizza a fondo e servono da valvola di scarico al suo incommensurabile amore materno, che Lei fatica a contenere, e che pensa solo a salvare. Il proprietario dell'auto non ha mai saputo la storia di Veronica; sa però che, tra le altre cose, ha offerto le sue mani alla Gospa per attaccare con lo scotch i suoi messaggi sulla sua macchina.