Maria a Medjugorje

Messaggio del 2 dicembre 2019:Cari figli, mentre guardo voi che amate mio Figlio, la delizia colma il mio Cuore. Vi benedico con la benedizione materna. Con la materna benedizione benedico anche i vostri pastori: voi che dite le parole di mio Figlio, benedite con le sue mani e lo amate tanto da essere disposti a fare con gioia ogni sacrificio per lui. Voi seguite Lui, che è stato il Primo Pastore, il Primo Missionario. Figli miei, apostoli del mio amore, vivere e lavorare per gli altri, per tutti coloro che amate per mezzo di mio Figlio, è la gioia e la consolazione della vita terrena. Se attraverso la preghiera, l’amore ed il sacrificio il Regno di Dio è nei vostri cuori, allora per voi la vita è lieta e serena. Tra coloro che amano mio Figlio e si amano reciprocamente per mezzo di lui, le parole non sono necessarie. E’ sufficiente uno sguardo per udire le parole non pronunciate e i sentimenti non espressi. Laddove regna l’amore, il tempo non si conta più. Noi siamo con voi! Mio Figlio vi conosce e vi ama. L’amore è ciò che vi conduce a me e, mediante quest’amore, io verrò a voi e vi parlerò delle opere della salvezza. Desidero che tutti i miei figli abbiano fede e sentano il mio amore materno che li guida a Gesù. Perciò voi, figli miei, ovunque andiate rischiarate con l’amore e con la fede, come apostoli dell’amore. Vi ringrazio.

Ivan con i sacerdoti: “Formare gruppi di preghiera per i giovani”

22/09/2009 - Visite: 1622
IncrFont Stampa IncrFont Facebook Twitter

Ivan, venuto tra i sacerdoti, ha risposta con disinvoltura e con la solita sapienza alle domande che gli sono state poste.

D. Che cosa dice la Madonna per i sacerdoti?

R. Nell’ultimo messaggio che ho ricevuto per loro, ha chiesto che essi parlino con semplicità e non dicano alla gente temi di filosofia, di sociologia. A differenza dei suoi messaggi, la Madonna dice che oggi i sacerdoti parlano molto, ma la gente non capisce quel che dicono, per questo chiede che la predicazione del Vangelo avvenga nella semplicità.

D. Che cosa dice la Vergine in quest’ultimo tempo?

R. Negli ultimi mesi più parla della gioventù e delle famiglie,nell’anno a loro dedicato, e chiede impegno per loro. Parlando della gravita della situazione, sottolinea diversi aspetti della loro crisi e raccomanda la preghiera in famiglia attraverso la quale tutti i membri possano crescere e siano guariti. Per questo la Madonna chiede ai sacerdoti di essere più in contatto con i giovani e formare gruppi di preghiera per i giovani. A questo livello Maria ha parlato ampiamente, ma l’essenziale è dedicare il tempo a Dio nella preghiera e nella vita privata, se no non possiamo andare avanti.

D. Che cosa ti dice ultimamente la Madonna?

R. Ha parlato solo per me e non c’era nessun messaggio per il mondo. Ogni giorno raccomando i pellegrini, questa sera raccomanderò voi. Ella prega per tutti e li benedice.

D. Come si fa ad aver contatto con il cielo da 8 anni e rimanere ancor legati alle consuetudini della vita? Come fate voi veggenti a vivere su questa terra e sposarvi...?

R. La Madonna all’inizio ha espresso il desiderio che noi andassimo in convento, però ci ha lasciati liberi. Le veggenti Ivanka e Mirjana erano in contatto con la Madonna e da questo contatto è venuta la loro decisione.
Quanto alla prima domanda, con l’aiuto di Maria e della preghiera, riusciamo a riconoscere i valori che passano e vivere quella chiamata che sentiamo, camminando sulla terra com’è. Se stiamo attenti ci accorgiamo anche di uno strato leggero di polvere su di noi e allora cerchiamo di pulire.

D. Come la Madonna vede le famiglie di Medjugorje, ora molto impegnate nei lavori materiali (costruzioni, servizi ai pellegrini).? Rispondono alle sue richieste, in ordine alla preghiera in famiglia specialmente, e all’Eucaristia?

R. Quando parlo di questa situazione io personalmente mi sento preoccupato. Noi del gruppo che io ho iniziato abbiamo cominciato a metterci in contatto con i giovani, abbiamo portato a loro anche una certa chiarezza, abbiamo dato una spinta e continuiamo a parlare loro. Il principale problema lo vedo nel materialismo che aumenta e poi nella preoccupazione dei genitori per questi affari, cosicché con i figli non riescono a dialogare ne a impegnarsi con Dio.

E riguardo agli avvenimenti dell’Est?

Ivan non ha risposto, ma a Medjugorje di questo argomento non se ne parla. Sembrano indifferenti.

(Medjugorje, 8 novembre 89)