Maria a Medjugorje

Messaggio del 2 gennaio 2020:Cari figli,so di essere presente nelle vostre vite e nei vostri cuori. Sento il vostro amore, odo le vostre preghiere e le rivolgo a mio Figlio. Però, figli miei, io voglio essere, mediante un amore materno, nella vita di tutti i miei figli. Voglio radunare attorno a me tutti i miei figli, sotto il mio manto materno. Perciò invito voi e vi chiamo apostoli del mio amore, perché mi aiutiate. Figli miei, mio Figlio ha pronunciato le parole: “Padre nostro”, Padre nostro che sei ovunque e nei nostri cuori, perché vuole insegnarvi a pregare con le parole e i sentimenti. Vuole che siate sempre migliori, che viviate l’amore misericordioso che è preghiera e sacrificio illimitato per gli altri. Figli miei, date a mio Figlio l’amore per il prossimo; date al vostro prossimo parole di consolazione, di compassione e atti di giustizia. Tutto ciò che donate agli altri, apostoli del mio amore, mio Figlio lo accoglie come un dono. E io sono con voi perché mio Figlio vuole che il mio amore, come un raggio di luce, rianimi le vostre anime, che vi aiuti nella ricerca della pace e della felicità eterna. Perciò, figli miei, amatevi gli uni gli altri, siate uniti mediante mio Figlio, siate figli di Dio che tutti insieme con cuore colmo, aperto e puro, dicono il Padre nostro e non abbiate paura! Vi ringrazio

Medjugorje supera la nostra competenza, dice il Cardinal Vinko Puljic

27/01/2013 - Visite: 1531
IncrFont Stampa IncrFont Facebook Twitter
Nel Veernji list del 21 Marzo 2008 Ivan Tolj ha pubblicato una intervista con il Cardinal Vinko Puljic, Arcivescovo di Sarajevo.

Domanda: L’intervista recentemente pubblicata del Cardinal Tarcisio Bertone, Segretario di Stato della Santa Sede, che il caso di Medjugorje debba essere riesaminato ha ispirato varie speculazioni. La Conferenza Episcopale della Bosnia Erzegovina ha discusso questa questione ed è vero che Medjugorje sarà ancora ufficialmente esaminato ?

Risposta del Cardinal Puljic:  La nostra Conferenza Episcopale non ha discusso questa questione perché il fenomeno di Medjugorje supera la nostra competenza. Nel momento in cui la Santa Sede prenderà una decisione e darà un compito, allora penseremo a cosa fare. Perciò sono inutili speculazioni finché non giungano istruzioni concrete. Dopo il lavoro della Commissione, la Conferenza Episcopale aveva già deciso di accompagnare pastoralmente il fenomeno. Non c'è nulla di nuovo, ma è l'attuazione della prima decisione della Conferenza Episcopale sul fenomeno di Medjugorje .