Maria a Medjugorje

Messaggio del 29 dicembre 1983:La gente prega in modo sbagliato. Si reca nelle chiese e nei santuari per chiedere qualche grazia materiale. Pochissimi, invece, chiedono il dono dello Spirito Santo. La cosa più importante per voi è proprio implorare che discenda lo Spirito Santo perché se avete il dono dello Spirito Santo avete tutto.

L'Arcivescovo della Chiesa Latina e Vicario Apostolico dei Cattolici Latini in Libano ha visitato Medjugorje

07/07/2016 - Visite: 1783
IncrFont Stampa IncrFont Facebook Twitter
Paul Dahdah, Arcivescovo della Chiesa Latina e Vicario Apostolico dei Cattolici Latini in Libano, è stato a Medjugorje. Egli ha parlato della vita di fede in Libano, dei frutti della visita del Papa in Libano, di Medjugorje e dell'Anno della Fede per Radio "Mir" Medjugorje. Aveva sentito parlare di Medjugorje quindici anni fa, quando era Arcivescovo in Iraq. "In seguito ho notato che in Libano esistono molte comunità che vanno a Medjugorje e che ci sono pellegrinaggi organizzati dalla Televisione 'Luce' e dai Padri Maroniti. Questo fenomeno di conversione, di pacificazione e di preghiera in questo tempo si potrebbe interpretare come un segno dei tempi, in particolare in un mondo che ha smarrito i valori. Quello di oggi è un mondo mutilato, che non ha più i propri punti di appoggio. Ora qui ho visto presso il Cristo Risorto dei giovani che, ne sono sicuro, cercano il senso della loro vita e della fede e voglio sperare che il fenomeno sia duraturo, autentico e che duri molto molto a lungo. Un padre conventuale che viene qui più sovente mi ha detto che si tratta di un fenomeno il cui contenuto è la Confessione, la pacificazione e la preghiera" ha detto tra l'altro questo Arcivescovo.